Il tuo browser non supporta JavaScript!

Massimo Scaglioni

Massimo Scaglioni
autore
Vita e Pensiero
Massimo Scaglioni è Professore Associato presso l’Università Cattolica di Milano, dove insegna "Storia dei media" e "Economia e marketing dei media". Insegna inoltre "Comunicazione Televisiva" presso l'USI (Lugano, CH). Coordinatore delle attività del Ce.R.T.A. (Centro di Ricerca sulla Televisione e gli Audiovisivi), è direttore didattico del Master “Fare TV. Gestione, Sviluppo, Comunicazione”. Ha pubblicato numerose monografie e articoli sulla storia del broadcasting. È membro dell’editorial board delle riviste "View. Journal of European Television History and Culture", Comunicazioni Sociali, "Bianco e Nero", “Series”. È stato visiting professor presso Carleton University, Ottawa (Canada). Collabora con Corriere della Sera.  
Condividi:
Fashion-Branded Entertainment. How Italian Fashion Brands Utilize Audiovisual Media to Tell Stories and Entertain Audiences digital
formato: Articolo | COMUNICAZIONI SOCIALI - 2017 - 1. FASHIONATING IMAGES Audiovisual Media Studies Meet Fashion | anno: 2017 | numero: 1
Anno: 2017
During the last decade, the convergence between advertising and the entertainment industry gave birth to new languages that sought to convey brand values in a more effective way. Alongside traditional advertising formats, such as TV commercials and product placement, a new and more refined form of communication has emerged, which is pointed towards storytelling and entertainment: ‘branded entertainment’. Within this context, the fashion industry is a particularly interesting area of study...
€ 6,00
One Story, Two Media. Strategies and Intended Audiences in Italian Productions for Cinema and Television digital
formato: Articolo | COMUNICAZIONI SOCIALI - 2016 - 3. ITALIAN QUALITY CINEMA Institutions, Taste, Cultural Legitimation | anno: 2016 | numero: 3
Anno: 2016
In the long history of the enduring connection between Italian cinema and national television, recent years have brought several new developments. Due to the economic crisis, and hence a quest for creative and production methods to achieve greater return at lower cost, the ‘border’ between film and TV has become the arena for several textual and productive experiments, with varying degrees of success, contributing to the foundations of a new model...
€ 6,00
Il servizio pubblico televisivo. Morte o rinascita della RAI?
formato: Libro | editore: Vita e Pensiero | anno: 2016 | pagine: 128
Anno: 2016
In Italia il futuro della RAI è oggetto di un ampio dibattito in previsione del rinnovo della convenzione con lo Stato. Abbiamo ancora bisogno del servizio pubblico radiotelevisivo o si tratta, piuttosto, di un ‘ferro vecchio’ da destinare al pensionamento? Il volume ricostruisce le radici del servizio pubblico e prova ad immaginarne un possibile futuro.
€ 10,00
TV di culto. La serialità televisiva americana e il suo fandom Pdf
formato: Ebook | editore: Vita e Pensiero | anno: 2016
Anno: 2016
La televisione è diventata di culto, ha conquistato la sua ‘aura’, si è fatta terminale di forme di fruizione appassionate e intense, colorate da toni affettivamente caldi, diffuse in particolare fra i giovani spettatori. Attorno a prodotti televisivi di qualità, come le serie americane delle ultime generazioni (da Twin Peaks e X-files a Buffy), si vanno coagulando piccole o grandi comunità di fan mediali, che archiviano i propri telefilm di culto, vedono e rivedono le puntate, organizzano proiezioni semi-pubbliche e gruppi d’ascolto, danno vita a convention, producono fanzines e materiali d’ogni genere e – soprattutto – utilizzano Internet e la rete come strumenti per esprimere la propria passione, per ‘fare gruppo’ e interagire, per difendere la serie amata dai rischi di prematura cancellazione, per far sentire la propria voce di spettatori coinvolti, attivi e competenti. Questo volume propone un insolito viaggio nell’affascinante universo della cultualità televisiva contemporanea e del ‘fandom’ mediale, condotto con la guida di approcci diversi (analisi testuale, etnografia del consumo, sociologia della cultura, cultural studies, psicologia della ricezione), in una prospettiva multi-disciplinare. L’obiettivo è ricostruire le modalità attraverso cui viene generandosi un culto mediale, che prevede specifiche forme costruttive e narrative, meccanismi di distribuzione, commercializzazione e promozione pianificati dall’industria multimediale dell’audiovisivo per intercettare e ‘incorporare’ culture di fandom; ma, d’altra parte, non potrebbe generarsi senza gli stessi fan mediali, pronti ad attivare forme di creatività volte a far propri gli oggetti culturali prodotti industrialmente, a piegarli alle proprie esigenze personali e di gruppo, a trasformarli in un terreno di edificazione d’identità, includendoli in modi nuovi e sorprendenti nella propria esperienza di vita.
€ 12,99
Television across the Borders: The Distribution of US Series on Italian-Speaking Swiss TV and the Role of Public Service Broadcasting digital
formato: Articolo | COMUNICAZIONI SOCIALI - 2016 - 1. Snapshot Culture. The Photographic Experience in the Post-Medium Age | anno: 2016 | numero: 1
Anno: 2016
One of the Swiss television arena’s most interesting characteristics is undoubtedly its linguistic, cultural and territorial make-up, due to its division into three macroregions: the German-, French- and Italian-speaking zones. Two significant phenomena coexist in each region. One is the cultural and linguistic proximity of foreign radio and television systems, whose channels are widely consumed within the Confederation, too; that applies both to public service networks (such as ARD, ZDF, RAI or France Télévision) and to their commercial counterparts (like RTL, VOX, the Mediaset channels, La7 and TF1)...
€ 6,00
Images of the public. The construction of Italian TV audience (1953-1955) digital
formato: Articolo | COMUNICAZIONI SOCIALI - 2010 - CSonline 3. Conferences. Dottorato di ricerca in Culture della Comunicazione | anno: 2010 | numero: CSonline 3
Anno: 2010
This essay tries to demonstrate the relevance of the very first phase of Italian television, using the relationship between the TV institution and its audience as a fil rouge to discover innovative attempts and crossroads, later suppressed by the prevalence of a unique interpretation of the audience. It is only a first step towards further research projects, which we hope would fulfill the difficult task to map extensively the mechanisms of TV institutionalization in Italy and, finally, to contribute to a broader cultural history of the medium.
Scarica
COMUNICAZIONI SOCIALI - 2015 - 2. Tv Genres in the Age of Abundance. Textual Complexity, Technological Change, Audience Practices digital
formato: Fascicolo digitale
Anno: 2015
Secondo fascicolo del 2015 della rivista "Comunicazioni Sociali"
Introduction. TV Genres in the Age of Abundance: Textual Complexity, Technological Change, Audience Practices digital
formato: Articolo | COMUNICAZIONI SOCIALI - 2015 - 2. Tv Genres in the Age of Abundance | anno: 2015 | numero: 2
Anno: 2015
For students and scholars in communication and media studies, the word “genre” is a great conversation starter.
Scarica
Non solo personaggi: la tv in cerca di autori digital
formato: Articolo | VITA E PENSIERO - 2015 - 3 | anno: 2015 | numero: 3
Anno: 2015
Resta un mestiere poco noto al di fuori delle cerchie degli addetti ai lavori. Ma chi progetta quel che vediamo sul teleschermo, oltre ad avere una parte centrale nei processi produttivi dell’entertainment, incarna una declinazione alternativa di creatività.
€ 4,00
Il servizio pubblico. Storia culturale delle televisioni in Europa
formato: Libro | editore: Vita e Pensiero | anno: 2015 | pagine: 266
Anno: 2015
Il libro di Jérôme Bourdon colma un’importante lacuna e rappresenta il primo tentativo di raccontare una storia integrata delle televisioni europee: l’autore individua una serie di fili rossi, di scambi e di sovrapposizioni che s’intrecciano lungo sessant’anni e che riguardano sia le vicende istituzionali e politico-economiche sia i contenuti e i grandi generi (dall’informazione alla fiction, dall’intrattenimento alla reality tv) nei cinque Paesi più importanti dell’Europa occidentale (Italia, Francia, Germania, Spagna e Regno Unito), con incursioni anche in nazioni più piccole (come i Paesi Scandinavi, il Portogallo e i Paesi Bassi).
€ 25,00
Television as a project. The relation between public service broadcasting and Italian historical cultures (1954-1994) digital
formato: Articolo | COMUNICAZIONI SOCIALI - 2015 - 1. Sixty years of Italian TV | anno: 2015 | numero: 1
Anno: 2015
In his recent book, Jerome Bourdon has clearly showed that the ideal type of the “public service” is underlain by different conceptions, perspectives and visions...
Scarica
Gendered TV: la TV al femminile nello scenario mondiale contemporaneo digital
formato: Capitolo | Scena madre
Anno: 2014
Il tema del rapporto fra gender e televisione costituisce un consolidato terreno di riflessione all’interno dei media studies da alcuni decenni, e ha generato un cospicuo numero di studi e ricerche sul campo, entro svariati quadri teorici di riferimento. Si tratta di uno snodo problematico che si è andato via via definendo in maniera differente, poiché è fortemente legato all’evoluzione storica tanto delle società e delle culture, quanto del sistema dei media, e della televisione in particolare...
€ 4,00
Media/Città digital
formato: Articolo | COMUNICAZIONI SOCIALI - 2009 - CSonline 1. Città comunicanti. Media e metropoli nello scenario contemporaneo | anno: 2009 | numero: CSonline 1
Anno: 2009
Media e città: una relazione che, oggi più che mai, si carica d’interesse..
Scarica
Media & politica. Vince (ancora) la tv digital
formato: Articolo | VITA E PENSIERO - 2013 - 2 | anno: 2013 | numero: 2
Anno: 2013
Nonostante l’enfasi che si tende a dare ai “nuovi mezzi” e alla Rete, soprattutto con il movimento di Grillo, la televisione resta al centro della formazione dell’opinione pubblica e dei suoi umori. Un’analisi delle strategie di comunicazione dei leader.
€ 3,60
Berlusconi’s television, before and after. The 1980s, innovation and conservation digital
formato: Articolo | COMUNICAZIONI SOCIALI - 2013 - 1. Moving at different speeds. The commercialization of television systems in Europe and its consequences | anno: 2013 | numero: 1
Anno: 2013
SUMMARY During the Eighties, commercial television has been a driver of deep innovation into the Italian media system, mainly thanks to the complex figure of media entrepreneur (and then tycoon) Silvio Berlusconi. However, a closer analysis show how, after a short “rupture phase” necessary to enter a new market and conquer the TV audience, with originality and a strong conflict with PSB, often the new Fininvest commercial channels started to more easily adapt to their competition’s common routines, thus becoming a conservative force using its new power to reinforce the system’s stability. The essay shows, following the case histories of commercial TV news, scheduling and financing, how this dynamics of innovation and conservation have been carefully implemented and defended since the beginning of Silvio Berlusconi’s media activity. RIASSUNTO Negli anni Ottanta, la tv commerciale è stata un elemento di profonda innovazione nel sistema dei media italiano, principalmente grazie alla complessa figura dell’imprenditore (e poi media tycoon) Silvio Berlusconi. Una più attenta analisi, però, mostra come, dopo una breve fase “di rottura” necessaria a entrare in un nuovo mercato e a conquistare l’audience televisiva, con elementi di originalità e un forte conflitto con il servizio pubblico, spesso i nuovi canali commerciali Fininvest cominciarono ad adattarsi in modo più piano alle routine più comuni dei loro competitor, diventando una forza conservatrice che usa il suo nuovo potere per rafforzare la stabilità del sistema. Il saggio mostra, seguendo i casi di studio dell’informazione televisiva commerciale, della programmazione e delle forme di finanziamento, come questa dinamica di innovazione e conservazione è stata attentamente perseguita e difesa fin dalle prime battute delle attività di Silvio Berlusconi.
€ 6,00
COMUNICAZIONI SOCIALI - 2013 - 1. Moving at different speeds. The commercialization of television systems in Europe and its consequences digital
formato: Fascicolo digitale
Anno: 2013
Numero uno del 2013 della rivista "Comunicazioni Sociali"
La tv dopo la tv. Il decennio che ha cambiato la televisione: scenario, offerta, pubblico
formato: Libro | editore: Vita e Pensiero | anno: 2011 | pagine: 132
Anno: 2011
Questo volume è il primo studio sistematico sugli esiti del decennio esplosivo appena trascorso. Si basa su ampi materiali di ricerca, si confronta con concreti casi d’analisi, traccia i nuovi territori costruiti dall’offerta e definisce un quadro interpretativo generale, radicato nell’approccio storico ai media. Un libro che è anche una guida per capire che cos’è e dove va la televisione italiana, diventata digitale e convergente.
€ 14,00
Esigere (e valutare) una tv di qualità digital
formato: Articolo | VITA E PENSIERO - 2010 - 2 | anno: 2010 | numero: 2
Anno: 2010
Non esiste una ricetta per produrla, ma la qualità non è un lusso e va pretesa. Alcune riflessioni sui criteri per “misurarla”, dai test della Bbc al Qualitel italiano, sulle differenze fra palinsesti, fra pubblico e privato, fra tv generalista e pay tv.
€ 3,60
Arredo di serie. I mondi possibili della serialità televisiva americana
formato: Libro | editore: Vita e Pensiero | anno: 2009 | pagine: 124
Anno: 2009
Ogni racconto costruisce un mondo
€ 13,00
Digitale terrestre o satellite, la conquista del telecomando digital
formato: Articolo | VITA E PENSIERO - 2009 - 4 | anno: 2009 | numero: 4
Anno: 2009
Questi sono mesi decisivi per il futuro della tv. In gioco è l’accesso, cioè il modo in cui più di 23 milioni di famiglie italiane raggiungeranno i contenuti televisivi. Già trionfatore sembra il digitale terrestre, ma il satellite avrà un suo ruolo.
€ 3,60
INTRODUZIONE. Mondi possibili e oggetti seriali
Gratis
digital
formato: Articolo | COMUNICAZIONI SOCIALI - 2009 - 1. Arredo di serie. I mondi possibili della serialità televisiva americana | anno: 2009 | numero: 1
Anno: 2009
Scarica
Variazioni di mondo. Esercizi di stile seriale nel telefilm contemporaneo digital
formato: Articolo | COMUNICAZIONI SOCIALI - 2009 - 1. Arredo di serie. I mondi possibili della serialità televisiva americana | anno: 2009 | numero: 1
Anno: 2009
The link between standardization and variation is that of the fundamental functioning mechanisms of serials. Analyzing the historical development of American TV series, we can notice how it finds a codified and steady balance in the forms of series (drama, and comedy) and of serial (soap opera and prime-time soap). This concretely results in the building of a recurrent world, immediately recognizable, characterized by representative and narrative constants. The advent of new text forms, such as the serialized series, linked to the second golden age, and become a mainstream in the last decade, brings forth the use of variation as a tool for a deeper and very close communication relation between implicit author and model spectator. The essay hypotheses that the most frequent form of variation in contemporary American serial TV could be defined «world variation »: a highly reflexive style exercise, made on the momentarily transformation of the diegetic universe of the series. The essay hypotheses therefore a first attempt of «world variation» typology, starting from some special episodes from contemporary series: Buffy, Lost, The Simpsons, Scrubs, indicating some more research paths in the text analysis, but also in the study of production (the emerging figure of the author-creator as origin/ source of the «world variation») and consumption (the fandom audience as privileged addressee of the style exercises linked to the variations).
€ 6,00
COMUNICAZIONI SOCIALI - 2009 - 1. Arredo di serie. I mondi possibili della serialità televisiva americana digital
formato: Fascicolo digitale
Anno: 2009
Numero uno del 2009 della rivista "Comunicazioni Sociali"
Mitologie digitali: la Dtt nei discorsi mediali digital
formato: Articolo | COMUNICAZIONI SOCIALI - 2008 - 1. Incipit digitale. L'avvio della televisione digitale terrestre in Italia tra discorsi, prodotti e consumi | anno: 2008 | numero: 1
Anno: 2008
The essay sums up the analysis of the media discourses which accompanied the first and aggressive launching phase of Dtt between january 2005 and december 2006. It underlines the limits of the promotional operation of this new platform. After an introduction describing the theoretic background and the coordinated methodologies inspiring the research, the essay reasons out on the main facts come out from the study of media discourses on the event of the digital terrestrial television. A cross-reading of the monitoring results carried out on press, websites and television (results described in details in the following essays of this section) denounces the extreme weakness of the operation trying to foster a technological imagination. In particular a discontinuity in communication can be noticed, alternating moments of silence, phases in which Dtt asserts itself as a main theme in the media agenda, and the heterogeneity of Dtt images offered by the media, opposing enthusiast representations to crushes without appeal. A fragmentation (temporal and symbolic) which mirrors some basic logics existing within the television system (launching of a new pay service through Dtt platforms) or which is motivated by reasons of political nature (the strife between opposed political sides within the Government), though not answering the need for information of the users.
€ 6,00
Fuori/Schermi. Tv extradomestica, mobilità, convergenza
Gratis
digital
formato: Articolo | COMUNICAZIONI SOCIALI - 2009 - CSonline 1. Città comunicanti. Media e metropoli nello scenario contemporaneo | anno: 2009 | numero: CSonline 1
Anno: 2009
Un maxi schermo al plasma installato in una qualsiasi stazione balneare nostrana è il punto di partenza di una riflessione sulla relazione tra televisione e spettatore al tempo della mobilità e della versatilità a cui la convergenza dei media l’ha destinata
Scarica
Tecnoprofeti addio: la tv vista dal futuro digital
formato: Articolo | VITA E PENSIERO - 2007 - 2 | anno: 2007 | numero: 2
Anno: 2007
Vecchi e nuovi media si stanno ibridando. La televisione moltiplica le sue piattaforme, esce dagli schermi di casa e ci accompagna in ogni luogo e in ogni momento. I grandi gruppi della comunicazione si adeguano. E gli spettatori?
€ 3,60
Satellite e digitale, l’auditel aspetta le “altre” digital
formato: Articolo | VITA E PENSIERO - 2006 - 5 | anno: 2006 | numero: 5
Anno: 2006
La tv generalista potrebbe aver imboccato la strada di un inevitabile declino. Si sta aprendo una nuova stagione dell’abbondanza. Ma perché la transizione avvenga, serve più trasparenza nei dati d’ascolto. E un mercato più aperto e pluralista.
€ 3,60
TV di culto. La serialità televisiva americana e il suo fandom
Prefazione di Aldo Grasso
formato: Libro | editore: Vita e Pensiero | anno: 2006 | pagine: 260
Anno: 2006
Attorno a prodotti televisivi di alta qualità, come le serie americane delle ultime generazioni, si vanno coagulando piccole o
€ 19,50
La politica dei tg, la politica nei tg digital
formato: Articolo | VITA E PENSIERO - 2005 - 6 | anno: 2005 | numero: 6
Anno: 2005
A pochi mesi dalla prossima scadenza elettorale un’analisi dei più importanti telegiornali generalisti cerca di mettere a fuoco i diversi modelli di rapporto con la politica nei notiziari nazionali. Per una nuova fenomenologia del mezzobusto.
€ 3,60
La linea d’ombra della tv: i giovani e i telefilm americani digital
formato: Articolo | VITA E PENSIERO - 2005 - 1 | anno: 2005 | numero: 1
Anno: 2005
Da Twin Peaks a Beverly Hills e Dawson’s Creek fino ai più recenti successi di Smallville e O.C.: un’analisi delle fiction seriali provenienti dagli States e molto amate dai nostri teenager. Cosa c’è dietro le nuove forme di consumi giovanili.
€ 3,60
50 anni di tv: l'identità italiana attraverso lo schermo digital
formato: Articolo | VITA E PENSIERO - 2003 - 6 | anno: 2003 | numero: 6
Anno: 2003
€ 4,00
Il Paese reale non coincide con il popolo della tv digital
formato: Articolo | VITA E PENSIERO - 2004 - 4 | anno: 2004 | numero: 4
Anno: 2004
€ 4,00
 

News

25.07.2017
«Senza chiudere gli occhi»: l'anima del giornalismo
È ancora possibile fare del buon giornalismo? Risponde Domenico Quirico, che nel libro "Il tuffo nel pozzo" racconta il valore della sua professione.
26.05.2017
Luci sul noir: come nasce la paura sugli schermi
Intervista a Massimo Locatelli sul nuovo libro "Psicologia di un'emozione. Thriller e noir nell'età dell'ansia", un viaggio tra serie tv, film e app, alla scoperta dei meccanismi della paura.
11.01.2017
Il welfare in azienda: oltre Olivetti
Dall'utopia dell'imprenditore illuminato, come Olivetti, alla fase odierna del valore condiviso: il nuovo libro di Luca Pesenti, "Il welfare in azienda".
13.12.2016
I Templari: dentro la storia, fuori dal mito
«I Templari furono uomini del Medioevo, non furono eretici né tanto meno adoratori del diavolo»: l'origine e la fine della "Militia Christi" descritti dalle voci di studiosi che hanno lavorato su documenti e fonti inedite. Ci racconta la storia Giancarlo Andenna

Newsletter

* campi obbligatori

Collane

  • Cultura e storia
  • Filosofia morale
  • Grani di senape
  • Le nuove bussole
  • Metafisica e storia della metafisica
  • Punti
  • Relazioni internazionali e scienza politica.ASERI
  • Sestante
  • Studi interdisciplinari sulla famiglia
  • Temi metafisici e problemi del pensiero antico
  • Transizioni
  • Varia. Saggistica
  • Tutte le Collane
Pinterest