Il tuo browser non supporta JavaScript!

Filosofia

Di carne e di parola. Dare un fondamento alla famiglia
formato: Libro | editore: Vita e Pensiero | anno: 2008 | pagine: 156
Anno: 2008
In una cultura come quella attuale, che privilegia il provvisorio e la pluralità, i legami familiari sono al tempo stesso fort
€ 14,00
Le teorie neoplatoniche del simbolo. Il caso di Giovanni Eriugena
formato: Libro | editore: Vita e Pensiero | anno: 2008 | pagine: 264
Anno: 2008
Il volume si propone di distinguere allegoria, metafora e simbolo, ovvero le principali forme di significazione traslata della
€ 21,00
I volti della ragione. Dal logos greco al dialogo delle civiltà
formato: Libro | editore: Vita e Pensiero | anno: 2008 | pagine: 206
Anno: 2008
Fra gli interventi pubblici più significativi e più discussi di papa Ratzinger, spicca la conferenza tenuta presso l'Universit
€ 18,00
Platone e il dialogo socratico. L'uso filosofico di una forma letteraria
formato: Libro | editore: Vita e Pensiero | anno: 2008 | pagine: 446
Anno: 2008
Con questo volume Charles H. Kahn mette radicalmente in discussione una serie di ‘luoghi comuni’ molto diffusi nell’ermeneutica dei testi platonici. Il primo è la lettura evolutiva dei dialoghi. Kahn mostra come la filosofia platonica presenti alcuni elementi teorici di fondo cui Platone resta fedele nel corso di tutta la sua vita. Quanto alla successione delle opere, egli conferma la validità del metodo dell’analisi stilistica, ma denuncia l’impossibilità di identificare la posizione dei singoli dialoghi. L’unica cosa certa è l’identificazione di tre gruppi separati di dialoghi, che egli designa come gruppo stilistico I, II e III. L’attenta e ricca analisi dei testi permette comunque a Kahn di individuare numerosi collegamenti tra i primi dialoghi e quelli del periodo centrale, Simposio, Fedone, Repubblica, che soli permettono di capire adeguatamente gli spunti, i problemi, le ‘stranezze’ delle opere del primo gruppo. Questo tipo di attenzione è decisivo, perché Platone è a un tempo grande filosofo e grande scrittore, il che richiede una lettura che tenga conto sia della natura drammaturgica sia degli interessi filosofici dei dialoghi. A questo Kahn, forte della sua profonda conoscenza della filosofia presocratica, aggiunge una particolare attenzione al contesto culturale in cui ha operato Platone. Emerge così l’esistenza, nel IV secolo a.C., di un genere letterario, quello dei ‘dialoghi socratici’, al cui interno vanno collocati i testi platonici. Ciò da una parte rende impossibile ricostruire il pensiero di Socrate in base al ritratto che ne dà Platone, che è solo uno dei tanti nell’Atene del tempo, dall’altra ci dice che non esiste una fase ‘socratica’ della produzione scritta di Platone. Tutti i dialoghi sono pure invenzioni letterarie, che ricostruiscono un ambiente, quello del tempo di Socrate, già appartenente al passato e in cui l’autore poteva muoversi senza condizionamenti cronachistici, ma spinto solo da interessi teoretici ed esigenze protrettiche.
€ 36,00
Il pensiero della mediazione. Augusto del Noce interprete dell'attualismo
formato: Libro | editore: Vita e Pensiero | anno: 2008 | pagine: 350
Anno: 2008
Il volume di Lorenzo Ramella affronta un argomento finora quasi del tutto inesplorato
€ 25,00
Di un altro genere: etica al femminile
formato: Libro | editore: Vita e Pensiero | anno: 2008 | pagine: 292
Anno: 2008
L’attuale dibattito teorico del femminismo europeo e americano sembra ormai definitivamente assestato su posizioni antiessenzialiste e antinaturaliste, secondo cui la differenza sessuale – usualmente accettata nelle due forme di maschile e di femminile – va al contrario ricondotta alle sue configurazioni sociali e storiche e, dunque, raccolta dentro un’indistinta uniformità di genere.
€ 22,00
Geografie della ragione. Robeto Audi e la questione della razionalità in etica e in politica
formato: Libro | editore: Vita e Pensiero | anno: 2008 | pagine: 198
Anno: 2008
Gli ultimi decenni di riflessione filosofica nel contesto americano sono stati estremamente stimolanti e fruttuosi nel ripensamento dell’epistemologia morale e dell’etica normativa, nel confronto vivace sulle grandi questioni dell’etica pubblica e sui temi fondamentali della teoria politica.
€ 18,00
Massimo il Confessore. Maestro di vita spirituale
formato: Libro | editore: Vita e Pensiero | anno: 2008 | pagine: 552
Anno: 2008
Questo volume è dedicato da Walther Völker – uno dei massimi patrologi tedeschi del XX secolo – all’approfondimento di un aspetto fondamentale della figura di Massimo il Confessore finora sostanzialmente poco considerato, quello della vita spirituale. Massimo (580-662 circa) fu un personaggio di primo piano nella discussione teologica dei suoi tempi, difensore della cristologia ortodossa del Concilio di Calcedonia, e per questo dovette subire le violenze dell’autorità imperiale, tanto da meritarsi il titolo di ‘Confessore’, tipico di coloro che ‘confessavano’ la fede cristiana a costo della sofferenza. Per il suo pensiero, la sua spiritualità e la sua passione fu famoso durante tutto il Millennio bizantino, ma nell’età moderna sostanzialmente trascurato. La riscoperta di Massimo è dovuta sicuramente alle ricerche di von Balthasar, che risalgono al 1940, ma il grande teologo dedicò il proprio interesse soprattutto alla teologia e alla metafisica dello scrittore. Rimaneva sostanzialmente poco considerato un secondo aspetto dell’insegnamento del Confessore, vale a dire tutta la parte più ampiamente ‘spirituale’, da intendersi nella forma dell’ascesi, della vita monastica, della meditazione. Questo è, appunto, l’ambito della produzione di Massimo a cui si è dedicato Völker. Il grande patrologo ha scritto sull’argomento un volume monumentale, ricchissimo di dati, di citazioni, di riferimenti. Völker ha ricostruito la spiritualità di Massimo nei minimi dettagli, ma anche collocandola nella storia della spiritualità cristiana orientale, individuando in lui, mediante un poderoso lavoro erudito, le tracce dei mistici che lo precedettero, come Clemente di Alessandria, Origene, Gregorio di Nissa, e soprattutto Dionigi l’Areopagita ed Evagrio, in una fitta trama di rimandi e di presenze. Grazie a questo studio Massimo emerge in tutta la sua grandezza, e insieme a lui spiccano le grandi figure che ne determinarono gli interessi spirituali.
€ 40,00
Azione e narrazione. Percorsi del narrativismo contemporaneo
formato: Libro | editore: Vita e Pensiero | anno: 2008 | pagine: 368
Anno: 2008
Il termine ‘narrativismo’ rimanda alla centralità della categoria di narrazione nei più svariati ambiti della cultura contemporanea, anche filosofica. L’estensione del termine sembra però minacciarne la densità: che cos’è la narrazione, che il narrativismo nomina di continuo?
€ 25,00
Etica di frontiera. Nuove forme del bene e del male
formato: Libro | editore: Vita e Pensiero | anno: 2008 | pagine: 476
Anno: 2008
L'etica è una delle teorie più legate alla fluidità della vita umana, perché è mirata al governo dell'agire, che è sempre singolare; dunque determinato dalle coordinate dell’empiria (lo spazio e il tempo; cioè poi il molteplice e il divenire). Essa orienta in tal modo la vita.
€ 36,00
Leggere Wittgenstein
formato: Libro | editore: Vita e Pensiero | anno: 2008 | pagine: 112
Anno: 2008
Affermava Wittgenstein: "La filosofia dovrebbe essere scritta come una composizione poetica"
€ 12,00
Per una ragione vivente. Cultura, educazione e politica nel pensiero di John Henry Newman
formato: Libro | editore: Vita e Pensiero | anno: 2008 | pagine: 270
Anno: 2008
C’è un rapporto tra ragione e tradizione? Cosa significa libertà di coscienza? Quale deve essere il principio dell’educazione? A quali condizioni il sapere può essere definito libero? Lo Stato ha una coscienza? A questi e altri fondamentali interrogativi risponde John Henry Newman (1801-1890), una delle figure più significative dell’Ottocento inglese ed europeo. Il volume di Giuseppe Bonvegna prende le mosse dalla riflessione filosofico-politica del grande intellettuale di Oxford, nella consapevolezza che il Newman politico sia pienamente intelligibile alla luce della sua conversione dall’anglicanesimo alla Chiesa di Roma: il cattolicesimo era, secondo Newman, l’anima del torismo (toryism) autentico e tradizione diventa, allora, parola riassuntiva del suo itinerario intellettuale. Newman non ebbe timore a sostenere, in ambito universitario, che catholic education dovesse significare non solo conformità alla dottrina della Chiesa, ma anche riferimento all’ideale liberal del gentleman inglese, fondato su qualità morali che dicono di una fiducia nell’umano in tutti i suoi fattori e rimandano quindi a un’idea non riduttiva di ragione.
€ 20,00

News

16.01.2018
Chi siamo? Insegnanti in Italia tra ideale e reale
Giovedì 25 gennaio Maddalena Colombo presenterà il suo libro "Gli insegnanti in Italia" all'Unione Femminile Nazione.
22.01.2018
Quali sono le conseguenze del generare tecnologico?
Domani alle 16.00 presentazione del volume di Eugenia Scabini e Giovanna Rossi sul tema della procreazione ottenuta mediante tecnologie.
12.01.2018
Presentazione del saggio sui principi contabili OIC
Martedì 23 gennaio in Aula Pio XI la presentazione del volume curato da Franceschi sui principi contabili OIC emanati il 22 dicembre 2016.
10.01.2018
Quanto e come usano la rete gli over 65?
Interviste, commenti e riflessioni sull'uso della rete degli anziani digitali, questo è il contenuto del nuovo libro di Simone Carlo "Invecchiare on-line".

Newsletter

* campi obbligatori

Collane

  • Cultura e storia
  • Filosofia morale
  • Grani di senape
  • Le nuove bussole
  • Metafisica e storia della metafisica
  • Punti
  • Relazioni internazionali e scienza politica.ASERI
  • Sestante
  • Studi interdisciplinari sulla famiglia
  • Temi metafisici e problemi del pensiero antico
  • Transizioni
  • Varia. Saggistica
  • Tutte le Collane
Pinterest