Il tuo browser non supporta JavaScript!

Giornata della memoria: la vittima Primo Levi

27.01.2017
L’accusatore narrante. L’‘esigenza’ di giustizia in alcune pagine
di Primo Levi
L’accusatore narrante. L’‘esigenza’ di giustizia in alcune pagine di Primo Levi
autori: Claudia Mazzucato
formato: Capitolo
prezzo:
vai alla scheda »
Per non dimenticare bisogna conoscere. Ecco perché ogni anno offriamo delle letture gratuite per la giornata della memoria. Come questo saggio di Claudia Mazzucato dedicato a Primo Levi come vittima.


In occasione della Giornata della memoria, anche quest'anno 
Vita e Pensiero vi invita a leggere gratuitamente un saggio dedicato a Primo Levi ed estratto da Giustizia e letteratura II, il libro a cura di Gabrio Forti, Claudia Mazzucato e Arianna Visconti che tre origine dai cicli seminariali organizzati dal Centro Studi “Federico Stella” sulla Giustizia penale e la Politica criminale dell’Ateneo. 

Dal 27 al 29 gennaio sarà possibile scaricare gratuitamente sul nostro sito il capitolo digitale 
L’accusatore narrante. L’‘esigenza’ di giustizia in alcune pagine di Primo Levi di Claudia Mazzucato.

Il saggio esplora la “giustizia di Primo Levi” da un punto di osservazione penalistico e criminologico interessato alla domanda di giustizia e al rapporto che quest’ultima genera tra la persona offesa e il colpevole. «Levi è una vittima» leggiamo: «i suoi scritti ci consentono di avvicinare, come non mai, con rara lucidità e precisione, l’intero spettro ‘cromatico’ esistenziale delle esperienze di una persona offesa che subisce, fra l’altro, alcuni dei crimini più orrendi che la storia del male criminale abbia portato sulla scena del mondo, crimini alle prese con i quali gli ordinamenti giuridici interni e il diritto internazionale sono tuttora balbettanti, confusi e alle prime armi».

Sempre in omaggio alla Giornata della memoria, la rivista Vita e Pensiero mette a disposizione dei lettori l'articolo Ebrei e cattolici amici sopra il “nulla” della Shoah del cardinale Jean-Marie Lustiger: di origini ebraiche e nazionalità francese, Lustiger è stato per lunghi anni arcivescovo di Parigi, dov’era nato nel 1926 e dove è morto nel 2007.
 

Array
(
    [codice_fiscale_obbligatorio] => 1
    [coming_soon] => 0
    [fuori_servizio] => 0
    [homepage_genere] => 0
    [insert_partecipanti_corso] => 0
    [moderazione_commenti] => 1
    [mostra_commenti_articoli] => 1
    [mostra_commenti_libri] => 1
    [multispedizione] => 0
    [pagamento_disattivo] => 0
    [reminder_carrello] => 0
    [sconto_tipologia_utente] => prodotto
)

Articolo letto 877 volte.

Inserisci un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con un asterisco*
Captcha errato

Newsletter

* campi obbligatori

Collane

  • Cultura e storia
  • Filosofia morale
  • Grani di senape
  • Le nuove bussole
  • Metafisica e storia della metafisica
  • Punti
  • Relazioni internazionali e scienza politica.ASERI
  • Sestante
  • Studi interdisciplinari sulla famiglia
  • Temi metafisici e problemi del pensiero antico
  • Transizioni
  • Varia. Saggistica
  • Tutte le Collane
Pinterest