Il tuo browser non supporta JavaScript!

Siamo tutti Alan Kurdi

13.06.2019
Imago Pietatis
Imago Pietatis
autori: Fausto Colombo
formato: Libro
prezzo:
vai alla scheda »

In questi giorni è ospite in casa editrice un giovane studente del Liceo Classico S. Quasimodo di Magenta, che sarà con noi per due settimane per l'alternanza scuola-lavoro. Alessandro sogna di diventare un giornalista e come primo compito gli abbiamo affidato la lettura di un libro a sua scelta. La sua curiosità è stata catturata da Imago pietatis di Fausto Colombo. Ecco la sua prima recensione con il nostro in bocca al lupo per il suo futuro.

di Alessandro Lunardi

Nella nostra comunità si comunica prevalentemente tramite immagini e meno attraverso la lettura profonda. Per questo, il mondo mediatico si serve prevalentemente di immagini per veicolare concetti – anche complessi – in modo chiaro, semplice e diretto.

Fausto Colombo, professore ordinario di Teoria della comunicazione e dei media presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore, ha scritto un libro, intitolato Imago Pietatis, incentrato sull’indagine del rapporto tra fotografia e compassione. Quanto una foto ritraente eventi come guerre o catastrofi naturali può suscitare emozione negli animi della cultura occidentale e cambiare le cose?

Tutti ci ricordiamo di quel  piccolo corpicino con una maglia rossa, immortalato senza vita sulle sponde del Mar Egeo: quella foto ritrae Alan Kurdi, un bambino di soli tre anni, morto mentre stava cercando di sfuggire insieme alla sua famiglia alla guerra in Siria. Ed è proprio da questa immagine che Colombo comincia a riflettere sulle cause che portano il povero Alan Kurdi a diventare  un simbolo della crudeltà della guerra. Scrive infatti l’autore: «Con le mie osservazioni dirette, ma anche servendomi delle ricerche pubblicate sul caso, ricostruisco nella sua totalità il processo che porta l’immagine di un bambino di tre anni, ripresa da una sconosciuta fotografa turca, a divenire un’icona mondiale».

Dopo il riscontro mediatico, qui riportato con dati statistici ricavati dallo studio della diffusione dell’immagine su social, quotidiani e telegiornali, si apre una riflessione di carattere etico e psicologico, in quanto Colombo sostiene che dobbiamo essere noi lettori a tramandare la memoria di Alan, ognuno a suo modo; alcuni lo hanno fatto con foto, altri con sculture, altri ancora con murales e oggi quel bambino è parte della memoria di molti di noi.  

Il tema del ricordo costituisce anche la parte conclusiva del libro, nella quale l'autore offre uno spunto di riflessione secondo me rivolto soprattutto a noi adolescenti, che costituiamo una fetta abbastanza consistente del mondo digitale. Fausto Colombo, nel sensibilizzarci, ci lancia un appello nel riconoscere Alan Kurdi e tutti coloro che - purtroppo - non riescono a sfuggire alla guerra come nostri fratelli. Chiudendo il libro penso a questo: si, potremmo essere tutti Alan Kurdi.

 

Array
(
    [codice_fiscale_obbligatorio] => 1
    [coming_soon] => 0
    [fattura_obbligatoria] => 1
    [fuori_servizio] => 0
    [homepage_genere] => 0
    [insert_partecipanti_corso] => 0
    [moderazione_commenti] => 1
    [mostra_commenti_articoli] => 1
    [mostra_commenti_libri] => 1
    [multispedizione] => 0
    [pagamento_disattivo] => 0
    [reminder_carrello] => 0
    [sconto_tipologia_utente] => prodotto
)

Articolo letto 339 volte.

Inserisci un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con un asterisco*
Captcha errato

Newsletter

* campi obbligatori

Collane

  • Cultura e storia
  • Filosofia morale
  • Grani di senape
  • Le nuove bussole
  • Metafisica e storia della metafisica
  • Punti
  • Relazioni internazionali e scienza politica.ASERI
  • Sestante
  • Studi interdisciplinari sulla famiglia
  • Temi metafisici e problemi del pensiero antico
  • Transizioni
  • Varia. Saggistica
  • Tutte le Collane