Il tuo browser non supporta JavaScript!

Tempo di Libri 2018: i nostri eventi

15.02.2018


Dall’8 al 12 marzo non prendete impegni, a Fiera Milano City (Viale Scarampo) è Tempo di Libri. Tanti sono gli appuntamenti che abbiamo pensato per voi e tanti gli ospiti che ci faranno compagnia in queste cinque giornate: Ferruccio Parazzoli, Silvano Petrosino, Giuseppe Lupo, Francesco Stoppa, Chiara Giaccardi, Sara Ricotta Voza, Andrea Angiolini, Alberto Ottieri, Oliviero Ponte di Pino, Aurelio Mottola, Armando TornoGiuliana Bendelli.
Vi aspettiamo tutti i giorni al nostro stand Vita e Pensiero, Pad. 3 B73-C72, con tante novità e anche alcuni libri introvabili in libreria recuperati dal nostro catalogo...

VENERDÌ 9 MARZO
ore 14.00 | Caffè Letterario
«Ogni nuova opera è per lo scrittore il clic del percussore nel gioco della roulette russa finché non esplode il bang»: è il rischio ciò che conta, non il successo o il fallimento, non la classifica o la vetrina. Questo è il punto di inizio del nuovo libro di Ferruccio Parazzoli Apologia del rischio. Scrivere è una roulette russa,  la riflessione di uno scrittore di lungo corso - più volte finalista del Premio Strega e del Campiello - sullo stato della letteratura contemporanea. Uno scrittore ribelle di fronte al nichilismo debole,  quello del “niente ha più senso”, e armato di parole, perché il linguaggio e la letteratura sono strumenti per resistere al caos e al dolore.
Con lui un filosofo, Silvano Petrosino, che alla scrittura che si «sporca le dita» per «scendere nell’animo dell’uomo» ha dedicato un saggio intitolato, non a caso, Contro la cultura. La letteratura, per fortuna. A provocare il dibattito tra questi due “ribelli”, Giuseppe Lupo, che a prefazione del libro di Parazzoli ha scritto: «ogni scrittore dovrebbe ritrovare la condizione di una lontananza da quella che Dante nell’Inferno definiva “speranza de l’altezza”, cielo o abisso non importa, purché sia fuori dal conformismo di questi anni».

ore 20.00 | Suite 1
Come la donna cambia la società: oltre il '68 tra psicanalisi e narrazione
Il ’68 ha segnato l’inizio del femminismo: a partire da questa data le donne fanno irruzione nella vita politica come nuovi attori sociali. Andare oltre il ’68 significa oltrepassare quel momento storico di denuncia e rivendicazione delle libertà femminili, per riflettere su quali sono le attuali risorse del femminile. Significa capire come la donna di oggi possa cambiare la società e come la società abbia bisogno della sensibilità femminile per poter cambiare. Francesco Stoppa autore del libro La costola perduta ha 35 anni di esperienza in campo psicanalitico e in questo arco di tempo ha raccolto e ascoltato molte storie, fino a sviluppare un’analisi della «portata sociale dell’esigenza femminile dell’amore». Dialogherà con l'autore Chiara Giaccardi, docente di Sociologia e antropologia dei Media dell'Università Cattolica del Sacro Cuore e direttrice della rivista Comunicazioni Sociali. Modera Sara Ricotta Voza, giornalista della Stampa.


SABATO 10 MARZO
ore 17.30 | Suite 2
Il traguardo dei 100 anni della casa editrice Vita e Pensiero, nata a Milano nel 1918, è lo spunto per parlare di come è cambiata la figura dell’editore, una professione che ha la funzione di mediare tra pensiero e pubblico e che oggi è alle prese con il problema del “tempo”. Tempo sempre più contratto della vita di un libro in libreria, ma soprattutto tempo come esperienza radicalmente mutata del lettore, nell’accelerazione generale di una società che sembra avere sempre meno tempo per leggere.
Quali strumenti può mettere in campo un editore per puntare alla qualità delle sue proposte e insieme tener presente il mercato? Quali azioni compiere per reagire ai numeri decrescenti dei lettori? Come può un editore coniugare tradizione e innovazione e durare così nel tempo? Questi alcuni degli interrogativi al centro del dibattito su un mestiere in profondo cambiamento. Partecipano al dibattito: Andrea Angiolini direttore editoriale il Mulino, Alberto Ottieri consigliere delegato Messaggerie, Oliviero Ponte di Pino curatore Bookcity, Aurelio Mottola direttore editoriale Vita e Pensiero, Armando Torno Sole 24 Ore.
A seguire un brindisi in stile anni ’20 presso lo stand dell’editrice sponsorizzato dalla Cappelleria Melegari. 

DOMENICA 11 MARZO
Dalle ore 15.00 | Stand Vita e Pensiero
«Un classico è un libro che tutti vorrebbero aver letto e nessuno vuol leggere» scriveva Mark Twain. Sembra che sia così anche per l’Ulisse di Joyce, un capolavoro della letteratura spesso citato senza essere letto, spesso ostico alla lettura. La caccia al tesoro “È tempo di Joyce”, ispirata dal centenario della pubblicazione della prima puntata dell’opera sulla rivista “The Little Review”, è un modo divertente per avvicinarsi al libro, seguendo la strada tracciata da Giuliana Bendelli nella guida Leggere l’Ulisse di Joyce.
Abbiamo sovrapposto la mappa di Dublino del romanzo, nei cui dedali si perdono i protagonisti, a quella di Tempo di libri. I partecipanti dovranno interpretare gli indizi e scovare i luoghi. Il punto di partenza è la Torre Martello di Sandycove, ambientazione dell’incipit del romanzo, che si trova allo stand Vita e Pensiero (Pad. 3 stand B73-C72): qui verrà consegnato il primo indizio. Tappa dopo tappa, i lettori si ritroveranno catapultati nella Dublino dei primi decenni del Novecento: potranno passeggiare con Dedalus sulla spiaggia di Sandymount, scoprire le ricette di Leopold Bloom ad Eccles Street 7, ascoltare con Goulding la tradizionale musica irlandese all’Ormond Hotel o perdersi nel meraviglioso monologo di Molly. E se nel dedalo dell’Ulisse c’è il rischio di smarrire la strada, niente paura, un aiuto è a disposizione allo stand Vita e Pensiero: l’autrice Giuliana Bendelli. All’ultima tappa potrete consegnare il vostro tagliando di gioco e partecipare all’estrazione dei premi. In palio anche un volo per Dublino: per passare dalla fantasia alla realtà gustandosi un buon libro.

Vedi qui gli altri incontri dedicati all'editoria organizzati dal Master professione editoria dell'Università Cattolica

Info
Fieramilanocity
padiglioni 3 e 4 – Viale Scarampo
M5 (lilla), fermata Portello
M1 (rossa), fermata Lotto o Amendola
Tutte le info su come arrivare 
Biglietti: scopri tutte le combinazioni e gli sconti qui- riduzioni per studenti e docenti - 
 

Array
(
    [codice_fiscale_obbligatorio] => 1
    [coming_soon] => 0
    [fuori_servizio] => 0
    [homepage_genere] => 0
    [insert_partecipanti_corso] => 0
    [moderazione_commenti] => 1
    [mostra_commenti_articoli] => 1
    [mostra_commenti_libri] => 1
    [multispedizione] => 0
    [pagamento_disattivo] => 0
    [reminder_carrello] => 0
    [sconto_tipologia_utente] => prodotto
)

Articolo letto 836 volte.

Inserisci un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con un asterisco*
Captcha errato

Newsletter

* campi obbligatori

Collane

  • Cultura e storia
  • Filosofia morale
  • Grani di senape
  • Le nuove bussole
  • Metafisica e storia della metafisica
  • Punti
  • Relazioni internazionali e scienza politica.ASERI
  • Sestante
  • Studi interdisciplinari sulla famiglia
  • Temi metafisici e problemi del pensiero antico
  • Transizioni
  • Varia. Saggistica
  • Tutte le Collane
Pinterest