Il tuo browser non supporta JavaScript!

Che fine ha fatto la famiglia tradizionale?

05.09.2014
La nostra società ha ancora bisogno della famiglia? Il caso Italia
La nostra società ha ancora bisogno della famiglia? Il caso Italia
autori: Roberto Volpi
formato: Libro
prezzo:
vai alla scheda »
“La famiglia tradizionale, fondata sulla coppia unita in matrimonio e aperta ai figli incarna un’epoca molto lontana dalla nostra sensibilità.”
Con queste parole Roberto Volpi commenta l'odierna perdita di prestigio della famiglia che si misura in numeri di matrimoni e di figli mai così bassi nella storia d’Italia, tema centrale del suo libro La nostra società ha ancora bisogno della famiglia? Il caso Italia, in libreria dal 17 settembre.

Lo statistico ripercorre la lunga strada che ha portato l’Italia dalla famiglia numerosa a quella minima, dal fascismo ai giorni nostri, cercando di capire come cambiamenti sociali quali il referendum sul divorzio, l’università di massa, la terziarizzazione dell’economia, il basso grado di mobilità sociale abbiano lasciato un segno tanto profondo nelle dinamiche famigliari.

Secondo Volpi, è ora di avviare una riflessione più approfondita su queste connessioni, dal momento che famiglia e società sono molto più intrecciate di quanto si tende a pensare oggi. I cambiamenti che si sono registrati negli ultimi trenta-quarant’anni nell' ambito del lavoro, degli assetti produttivi, dei rapporti sociali e della vita di relazione, si sono riflessi nei mutamenti in atto nelle forme di famiglia, nell’esercizio dell’autorità genitoriale, negli equilibri tra i coniugi, nel rapporto genitori-figli.

Le attività economico-produttive e forme di organizzazione  della società stanno marciando di pari passo per rendere il singolo individuo sempre più autonomo e bastante a se stesso, e dunque sempre meno bisognoso della sua famiglia. Tutto sembra procedere nel senso del venir meno, dell’affievolirsi, nelle società post-moderne occidentali come la nostra, della famiglia tradizionale.
Volpi sottolinea l’importanza di vedere lucidamente gli scenari che questa prevalenza culturale dell’individualismo apre per il futuro. Le società occidentali reggeranno di fronte a uno scivolamento verso forme di famiglia a sempre più bassa responsabilità individuale e di coppia? I tassi di fecondità e di nascite rimarranno lontani dalla soglia di sostituzione delle generazioni? La sfida è aperta.
 

Array
(
    [codice_fiscale_obbligatorio] => 1
    [coming_soon] => 0
    [fuori_servizio] => 0
    [homepage_genere] => 0
    [insert_partecipanti_corso] => 0
    [moderazione_commenti] => 1
    [mostra_commenti_articoli] => 1
    [mostra_commenti_libri] => 1
    [multispedizione] => 0
    [pagamento_disattivo] => 0
    [reminder_carrello] => 0
    [sconto_tipologia_utente] => prodotto
)

Articolo letto 595 volte.

Inserisci un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con un asterisco*
Captcha errato

Newsletter

* campi obbligatori

Collane

  • Cultura e storia
  • Filosofia morale
  • Grani di senape
  • Le nuove bussole
  • Metafisica e storia della metafisica
  • Punti
  • Relazioni internazionali e scienza politica.ASERI
  • Sestante
  • Studi interdisciplinari sulla famiglia
  • Temi metafisici e problemi del pensiero antico
  • Transizioni
  • Varia. Saggistica
  • Tutte le Collane
Pinterest