Il tuo browser non supporta JavaScript!

La mente non è un vaso da riempire: libro-quiz!

20.09.2017
Ritorno ai classici
Ritorno ai classici
autori:
formato: Libro
prezzo:
vai alla scheda »

In occasione della pubblicazione del libro, Ritorno ai classici, che raccoglie testi di Dario Antiseri, Cinzia Bearzot, Carlo Carena, Valerio Magrelli, Paola Mastrocola, Alberto Oliverio, Antonietta Porro, Gianfranco Ravasi, Claudio Scarpati, Guido Tonelli, nati dal dibattito sulla rivista “Vita e Pensiero”, vi proponiamo un piccolo libro-quiz per mettere alla prova le vostre conoscenze... o scoprire qualcosa di nuovo!

Istruzioni per l'uso: ogni domanda corretta vale 1 punto; non vale usare google (eh eh). In fondo le risposte corrette con i profili a seconda del punteggio realizzato.

1. «La mente non è un vaso da riempire, ma, come la legna da ardere, ha solo bisogno di una scintilla che l’accenda e le dia l’impulso per la ricerca, e un amore ardente per la verità». Chi ha scritto questa frase?

a)      Plotino

b)      Plutarco

c)      Pulitzer

d)      Pluto

2. Chi ha scritto Perché leggere i classici?

a)      Elio Vittorini

b)      Italo Calvino

c)      Leonardo Sciascia

d)     Fabio Fazio


3. Cos’è un protrettico?

a)      Un genere letterario esortativo

b)      Una tattica di battaglia

c)      Uno strumento per proteggersi, come lo scudo

d)     Un elemento architettonico a tre volte

4. Laurentius Vallensis era il nome latino di:

a)      Lorenzo Valli

b)      Lorenzo Della Valle

c)      Lorenzo del Vallo

d)      Lorenzo Valla

5. Di che anno è la legge Casati che ha dato origine al Liceo Classico?

a)      1759

b)      1859

c)      1909

d)     1929




SOLUZIONI

1. b - Plutarco, nell’opera L’arte di ascoltare, citata da Magrelli nel libro
2. b - Calvino, citato da Scarpati quando dice che i classici «danno una forma alle esperienze future»
3. a - Un genere letterario esortativo: Ravasi cita ad es. il Discorso ai giovani di Basilio di Cesarea
4. d - Lorenzo Valla, il filologo romano del ‘400 è citato da Carlo Carena
5. b - 1859; più precisamente la legge, citata da Alessandro Zaccuri nell’introduzione al volume, porta la data del 13 novembre 1859, n. 3725 del Regno di Sardegna, ed è entrata in vigore nel 1860 per poi essere estesa, con l'unificazione, a tutta l'Italia


PROFILI

5 punti: sei un professore? Complimenti in ogni caso!

4 punti: ottimo, continua così!

3 punti: non sei un tuttologo, ma ti manca poco

2 punti: poco, ma buono

0-1 punto: devi proprio leggere Ritorno ai classici!

 

Array
(
    [codice_fiscale_obbligatorio] => 1
    [coming_soon] => 0
    [fuori_servizio] => 0
    [homepage_genere] => 0
    [insert_partecipanti_corso] => 0
    [moderazione_commenti] => 1
    [mostra_commenti_articoli] => 1
    [mostra_commenti_libri] => 1
    [multispedizione] => 0
    [pagamento_disattivo] => 0
    [reminder_carrello] => 0
    [sconto_tipologia_utente] => prodotto
)

Articolo letto 975 volte.

Inserisci un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con un asterisco*
Captcha errato

Newsletter

* campi obbligatori

Collane

  • Cultura e storia
  • Filosofia morale
  • Grani di senape
  • Le nuove bussole
  • Metafisica e storia della metafisica
  • Punti
  • Relazioni internazionali e scienza politica.ASERI
  • Sestante
  • Studi interdisciplinari sulla famiglia
  • Temi metafisici e problemi del pensiero antico
  • Transizioni
  • Varia. Saggistica
  • Tutte le Collane
Pinterest