Il tuo browser non supporta JavaScript!

Candidati seriali. La popolarizzazione della politica nella serialità televisiva americana

digital Candidati seriali. La popolarizzazione della politica nella serialità televisiva americana
Articolo
rivista COMUNICAZIONI SOCIALI
fascicolo COMUNICAZIONI SOCIALI - 2009 - CSonline 2. Il candidato. Media e politica alla prova del voto
titolo Candidati seriali. La popolarizzazione della politica nella serialità televisiva americana
autori
editore Vita e Pensiero
formato Articolo | Pdf
online da 12-2009
issn 03928667 (stampa) | 18277969 (digitale)
Scrivi un commento per questo prodotto
Scarica

Ebook in formato Pdf leggibile su questi device:

Il rapporto tra televisione e politica è uno dei punti caldi della riflessione contemporanea sui media, che ha trovato nella campagna elettorale – e nelle figure di candidato – un momento di “svelamento” del forte legame tra processo democratico e dinamiche comunicative. Negli anni, però, la riflessione accademica si è concentrata prevalentemente su un aspetto: la rappresentazione della “realtà” politica a opera del medium televisivo, analizzato solo in quella che Jost chiama promessa autentificante. In quest’ottica, la tv è lo spazio dei telegiornali, delle tribune politiche, delle inchieste, dei talk show: sono presi in considerazione soltanto i programmi a carattere informativo, quelli in cui viene messo in scena il reale processo politico di ogni Paese. Resta così in ombra un altro grande regime di possibile visibilità della politica (e delle figure che ne fanno parte), che nell’ultimo decennio, soprattutto negli Stati Uniti, ha riservato ampio spazio a campagne elettorali e candidati finzionali, spesso ricalcati su analoghi reali: la lunga serialità. Si è infatti innescato un processo – che cercheremo di spiegare in questo breve saggio – di progressiva “popolarizzazione” dei meccanismi coinvolti nel processo di selezione politica, che passa attraverso la creazione di personaggi-candidati e personaggi-politici a tutto tondo, l’utilizzo di precise marche di genere e la selezione di temi come la campagna e lo scandalo quali fattori di sviluppo narrativo. Le riflessioni classiche sul legame tra tv e politica si possono applicare produttivamente anche alla politica immaginaria delle serie, evidenziando alcuni processi di lungo corso che in anni recenti hanno finalmente trovato sbocco nelle forme più compiute della fiction televisiva.


News

24.06.2019
Controcorrente: libri per lettori profondi
La promo dedicata a chi non manda in vacanza il pensiero: dal 1° al 31 luglio sul sito sconto del 15% sulla collana "Grani di Senape". Buona estate!
30.05.2019
Il periglioso viaggio di Hayez da Brescia a Parigi
Su "Arte Lombarda" il viaggio della Pala del Martirio di san Bartolomeo verso l'Esposizione Universale di Parigi del 1867 ricostruito da carte inedite.
05.07.2019
«Sogno scuole di lettura, prima che di scrittura»
Il commento di Alessandro D'Avenia al libro "Lettore, vieni a casa" in attesa dell'incontro con l'autrice Maryanne Wolf al Festivaletteratura di Mantova.
13.06.2019
Siamo tutti Alan Kurdi
Alessandro, in editrice per l'alternanza scuola-lavoro, ha letto il libro di Fausto Colombo "Imago pietatis": ecco la sua recensione.

Newsletter

* campi obbligatori

Collane

  • Cultura e storia
  • Filosofia morale
  • Grani di senape
  • Le nuove bussole
  • Metafisica e storia della metafisica
  • Punti
  • Relazioni internazionali e scienza politica.ASERI
  • Sestante
  • Studi interdisciplinari sulla famiglia
  • Temi metafisici e problemi del pensiero antico
  • Transizioni
  • Varia. Saggistica
  • Tutte le Collane