Il tuo browser non supporta JavaScript!

Tessere di letteratura italiana in epistolari latini lombardi di inizio Seicento: Girolamo Bossi, Aquilino Coppini, Sigismondo Boldoni

digital Tessere di letteratura italiana in epistolari latini lombardi di inizio Seicento: Girolamo Bossi, Aquilino Coppini, Sigismondo Boldoni
Articolo
rivista AEVUM
fascicolo AEVUM - 2016 - 3
titolo Tessere di letteratura italiana in epistolari latini lombardi di inizio Seicento: Girolamo Bossi, Aquilino Coppini, Sigismondo Boldoni
autore
editore Vita e Pensiero
formato Articolo | Pdf
online da 01-2017
issn 0001-9593 (stampa) | 1827-787X (digitale)
Scrivi un commento per questo prodotto
€ 6,00

Ebook in formato Pdf leggibile su questi device:

This essay analyzes epistolary writings in Latin of three prominent figures in early seventeenth-century Lombardy (Italy): Girolamo Bossi, Aquilino Coppini and Sigismondo Boldoni. Starting in 1613, Bossi and Coppini published collections of letters emulating the Classical tradition established by the masters of the local ancient Roman Gymnasium (‘Scuole Palatine’); not so Boldoni, whose letters were published only in 1651, by his brother Ottavio. Before dying of the plague in 1630, at the age of thirty-three, Boldoni had already written a polished poem in ottava rima, and had subsequently achieved fame with his Laurus (1617), an elegant prose in Latin devoted to his native Lake Como.

Chi ha visto questo prodotto ha guardato anche...


News

02.09.2019
È arrivato settembre: tutti gli eventi in calendario
Wolf, Benasayag, Esquirol, d'Ors, Tolentino Mendonça: sono solo alcuni dei protagonisti degli eventi di settembre. Scoprili tutti...
30.08.2019
Torino Spiritualità 2019: ad infinita notte
Tutti gli appuntamenti dedicati al buio e alla veglia con gli autori Vita e Pensiero, dal 26 al 30 settembre .
26.08.2019
Cos'è il populismo? I Prof rispondono
Mercoledì 18 settembre Cottarelli, De Bortoli, Parsi dialogano con Hamaui e Boitani su cause e conseguenze del populismo.
03.09.2019
Il filosofo della bontà, un Candide 2.0 in carne e ossa
Intervista al filosofo catalano Josep Maria Esquirol che spiega il suo cammino dell'ingenuità e la forza della bontà.

Newsletter

* campi obbligatori

Collane

  • Cultura e storia
  • Filosofia morale
  • Grani di senape
  • Le nuove bussole
  • Metafisica e storia della metafisica
  • Punti
  • Relazioni internazionali e scienza politica.ASERI
  • Sestante
  • Studi interdisciplinari sulla famiglia
  • Temi metafisici e problemi del pensiero antico
  • Transizioni
  • Varia. Saggistica
  • Tutte le Collane