Il tuo browser non supporta JavaScript!

Ciò che resta della presenza: Marina Abramovic˙ tra unicità e ripetizione

digital Ciò che resta della presenza: Marina Abramovic˙ tra unicità e ripetizione
Capitolo
libro Scena madre
titolo del capitolo Ciò che resta della presenza: Marina Abramovic˙ tra unicità e ripetizione
autore
editore Vita e Pensiero
formato Capitolo
formato Pdf
genere Società, media, famiglia, lavoro Media spettacolo e processi culturali
Arte e beni culturali
pubblicazione 2014
Scrivi un commento per questo prodotto
€ 4,00

Ebook in formato Pdf leggibile su questi device:

Il lavoro di Marina Abramovic´ è intimamente connesso alla questione della presenza, al qui e ora in cui l’azione artistica si realizza nella forma di una relazione aperta e dall’esito non predeterminabile. All’inizio degli anni Settanta la giovane artista di Belgrado presenta performance che rompono in modo radicale con il concetto tradizionale di opera d’arte e si propongono come eventi che esistono solo nel tempo del loro accadere strettamente legato al materiale effimero e mutevole che è il corpo dell’artista. Si apre la prima fase della sua attività che durerà fino all’incontro con Ulay avvenuto alla fine del 1975. Una fase che lei stessa descriverà come dominata da un approccio “maschile” ed “eroico”, perché fortemente caratterizzata dal confronto continuo con il limite e il pericolo. “Non ci sono prove, né repliche, né finali preannunciati”, affermerà più tardi ricordando i propri esordi. Nella performance Rhythm 5, eseguita presso lo Studenski Kulturni Centar di Belgrado nel 1974, la Abramovic´ rischia addirittura la vita: dopo essersi sdraiata nello spazio interno di una stella a cinque punte cui aveva precedentemente dato fuoco, perde conoscenza per la mancanza di ossigeno e viene salvata dall’intervento di due partecipanti che comprendono subito quanto stava accadendo. Ma questo non provoca un cambio di direzione, semmai una precisazione nel metodo di esecuzione e di definizione del setting delle azioni.

Informazioni aggiuntive

È possibile acquistare l’edizione cartacea del volume e gli altri capitoli da questa pagina

News

27.11.2018
Imago pietatis: indagine su fotografia e compassione
Dall'immagine di Alan Kurdi prende il via l'indagine del sociologo Colombo, chiamando in causa i nostri meccanismi comunicativi e il sentire umano.
31.10.2018
Il grande codice. Bibbia e letteratura
Un'anteprima tratta dal libro "Il grande codice. Bibbia e letteratura" di Northrop Frye, un grande classico del pensiero critico.
19.09.2018
Lettore, vieni a casa di Maryanne Wolf
Lettere appassionate rivolte all'amico lettore, perché preservi quella prodigiosa conquista del cervello umano che è la lettura profonda.
03.12.2018
Fotografia e compassione: se le emozioni diventano virali
Venerdì 14 alla Libreria Verso di Milano presentazione del nuovo libro di Fausto Colombo "Imago pietatis. Indagine su fotografia e compassione.

Newsletter

* campi obbligatori

Collane

  • Cultura e storia
  • Filosofia morale
  • Grani di senape
  • Le nuove bussole
  • Metafisica e storia della metafisica
  • Punti
  • Relazioni internazionali e scienza politica.ASERI
  • Sestante
  • Studi interdisciplinari sulla famiglia
  • Temi metafisici e problemi del pensiero antico
  • Transizioni
  • Varia. Saggistica
  • Tutte le Collane