Il tuo browser non supporta JavaScript!

Uomo o donna

Uomo o donna
titolo Uomo o donna
sottotitolo Una differenza che conta
autore
prefazione
argomenti Filosofia > Filosofia morale
collana Filosofia morale, 47
formato Libro
pagine 160
pubblicazione 2017
ISBN 9788834333150
Scrivi un commento per questo prodotto
 
€ 18,00
Spedito in 3 giorni

La tormentata storia dei rapporti fra uomini e donne e i cambiamenti che negli ultimi decenni si sono prodotti nel mondo del lavoro, nella vita in famiglia, nella politica e nella cultura, dove uomini e donne sono diventati ugualmente attivi, esigono di trovare una chiave di comprensione, che secondo l’autore si trova nella dimensione relazionale della differenza uomo-donna. Appoggiandosi sui recenti dati della ricerca psicologica e sociologica, Antonio Malo dimostra che non sono in grado di dare una risposta soddisfacente a questi fenomeni né le concezioni naturalistiche della sessualità, contrarie a ogni tipo di cambiamento, né quelle postmoderne, che pretendono di de-costruire i sessi, i generi e anche la famiglia. Propone quindi di ripensare la sessualità umana dal punto di vista dell’antropologia filosofica, dall’analogia cioè rispetto a quella dei mammiferi più evoluti, senza però cadere in una sorta di biologismo, poiché la persona è sempre un essere in relazione. Qualsiasi tipo di separazione tra natura e cultura – quasi fossero due elementi collegati arbitrariamente – equivale a un’astrazione che porta a presentare come reale qualcosa che esiste solo nella nostra mente: da ciò derivano lo stereotipo e l'ideologia. La sessualità umana, che l’autore denomina condizione sessuata, è, invece, una struttura complessa e articolata. Oltre al sesso corporeo e sociale, include molti altri aspetti come la tendenza sessuata, il desiderio, l'innamoramento, la reciprocità nell'amore, le relazioni d’identificazione e differenziazione nella coppia e nella famiglia, ossia la genealogia, la generazione e l’inter-generazione. Ne consegue che un’identità matura richiede di integrare personalmente tutti questi elementi, per migliorare – come uomini o come donne – la qualità delle nostre relazioni.  

Biografia dell'autore

Antonio Malo è laureato in Filologia e Filosofia presso l’Università di Navarra (Spagna) e dottore in Filosofia presso la Pontificia Università della Santa Croce, nella quale è professore di Antropologia dal 2006. Direttore del Comitato per le pubblicazioni della facoltà di Filosofia della stessa università, è membro del Comitato scientifico del «Centro para el Estudio de las Relaciones Interpersonales» (CERI) dell’Università Austral (Argentina), membro fondatore del Centro di «Ricerche di Ontologia Relazionale» (ROR) della Pontificia Università della Santa Croce e professore visitante in varie università americane. I suoi scritti e interessi di ricerca vertono sull’antropologia dell’affettività, la teoria dell'azione, le relazioni umane. Tra le sue opere segnaliamo: Antropologia dell’Affettività (Roma 1999; versione spagnola 2004), Introduzione alla psicologia (Milano 2002; tr. spagnola 2007), Il senso antropologico dell’azione (Roma 2004), Io e gli altri. Dall’identità alla relazione (ESC, 2010; tr. spagnola 2016), Cartesio e la postmodernità (Roma 2011), Essere persona. Un’antropologia dell’identità (Roma 2013), La antropología tomista de las pasiones: En los orígenes de la afectividad humana (Editorial académica española, 2016).


News

25.07.2017
«Senza chiudere gli occhi»: l'anima del giornalismo
È ancora possibile fare del buon giornalismo? Risponde Domenico Quirico, che nel libro "Il tuffo nel pozzo" racconta il valore della sua professione.
26.05.2017
Luci sul noir: come nasce la paura sugli schermi
Intervista a Massimo Locatelli sul nuovo libro "Psicologia di un'emozione. Thriller e noir nell'età dell'ansia", un viaggio tra serie tv, film e app, alla scoperta dei meccanismi della paura.
11.01.2017
Il welfare in azienda: oltre Olivetti
Dall'utopia dell'imprenditore illuminato, come Olivetti, alla fase odierna del valore condiviso: il nuovo libro di Luca Pesenti, "Il welfare in azienda".
13.12.2016
I Templari: dentro la storia, fuori dal mito
«I Templari furono uomini del Medioevo, non furono eretici né tanto meno adoratori del diavolo»: l'origine e la fine della "Militia Christi" descritti dalle voci di studiosi che hanno lavorato su documenti e fonti inedite. Ci racconta la storia Giancarlo Andenna

Newsletter

* campi obbligatori

Collane

  • Cultura e storia
  • Filosofia morale
  • Grani di senape
  • Le nuove bussole
  • Metafisica e storia della metafisica
  • Punti
  • Relazioni internazionali e scienza politica.ASERI
  • Sestante
  • Studi interdisciplinari sulla famiglia
  • Temi metafisici e problemi del pensiero antico
  • Transizioni
  • Varia. Saggistica
  • Tutte le Collane
Pinterest