Il tuo browser non supporta JavaScript!

Mito e narrazioni della giustizia nel mondo greco

Mito e narrazioni della giustizia nel mondo greco
titolo Mito e narrazioni della giustizia nel mondo greco
curatori ,
argomenti Diritto
Lingue e letterature Letteratura greca e latina
collana Varia. Università
formato Libro
pagine 264
pubblicazione 2019
ISBN 9788834337981
Copertina HD Copertina HD
Scrivi un commento per questo prodotto
 
Prossima pubblicazione, disponibile dal 30-05-2019
€ 23,00
Lo sguardo di Ifigenia si perde nella distesa del mare. Così la ritrae un pittore tedesco dell’Otto­cento legato, per cognome e parentela, a uno dei maggiori giuristi del suo tempo e di ogni tempo. Non potrebbe esserci immagine più emblematica per rappresentare, insieme, l’eternità dei miti della Grecia («queste cose non avvennero mai, ma sono sempre»), l’ammaliante e simbolica ambivalenza del rapporto con il mare di quella civiltà e l’inter­rogazione fondamentale, per il mondo del diritto e della giustizia, che la geografia dello spirito dise­gnata dai flutti dell’Egeo nel lambire quelle coste, quelle isole, incessantemente rivolge agli umani.
Il lettore di quest’opera potrà trovare nella let­teratura greca (da quella arcaica fino alla poesia neoellenica e alle riscritture moderne del mito), i «punti di riferimento tracciati dagli astri nel­la volta del cielo» (M. Detienne) per veleggiare «nell’arcipelago in cui iniziò il grande destino della civiltà occidentale» (M. Heidegger) e appro­dare ai lidi della giustizia. A questo «bel viaggio», «fertile in avventure e in esperienze» (C. Kava­fis), a questo eterno tendere verso l’ideale Itaca dell’hesykía, in cui si ricompongano i conflitti, si plachino le contese, si allontani la hybris, non è certo chiamato il solo professionista del diritto. «Sempre devi avere in mente Itaca»: ognuno, ma proprio ognuno, ogni giorno, gettato nel mare dei fatti della vita, deve cercare il poros, la via. E, come nell’arte della navigazione, deve saper «giocare d’astuzia col vento, essere sempre sul chi vive, prevedere l’occasione migliore per agi­re». L’«intelligenza dalle mille sfaccettature», la gnome polybulos che, secondo Pindaro, è la virtù del pilota, lo è anche dell’essere umano proteso alla ricerca di ‘parole giuste’.

Biografia dell'autore

Gabrio Forti, Ordinario di Diritto penale e Criminologia, Direttore dell’Alta Scuola “Federico Stella” sulla Giusti­zia Penale (ASGP), Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano.

Alessandro Provera, Assegnista di ricerca in Diritto pe­nale, componente del Gruppo di Ricerca dell’Alta Scuola “Federico Stella” sulla Giustizia Penale (ASGP), Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano.

News

16.05.2019
Funzionare o esistere? Oltre la mitologia dell'individuo
Doppio appuntamento a Milano con il filosofo argentino Miguel Benasayag il 7 giugno ai Frigoriferi Milanesi e l'8 giugno alla Casa dei Saperi.
16.05.2019
Europa alla prova dei populismi e giovani al voto
Aspettando le elezioni europee il 23 maggio in Libreria Vita e Pensiero dibattito sul populismo con Boitani, Hamaui e Rosina.
16.05.2019
Lavoro, cittadinanza, innovazione sociale
Il lavoro che vogliamo è davvero impossibile? In Università Cattolica il 20 maggio un seminario su lavoro e cittadinanza con Lodigiani e Zanfrini.
04.03.2019
Diritto penale a processo: il bene non è impaziente
La giustizia fai da te, l'inasprimento delle punizioni, il dito social che giudica le sentenze: intervista a Gabrio Forti sullo stato di salute del diritto penale.

Newsletter

* campi obbligatori

Collane

  • Cultura e storia
  • Filosofia morale
  • Grani di senape
  • Le nuove bussole
  • Metafisica e storia della metafisica
  • Punti
  • Relazioni internazionali e scienza politica.ASERI
  • Sestante
  • Studi interdisciplinari sulla famiglia
  • Temi metafisici e problemi del pensiero antico
  • Transizioni
  • Varia. Saggistica
  • Tutte le Collane