Il tuo browser non supporta JavaScript!

Storia della comunicazione e dello spettacolo in Italia

Storia della comunicazione e dello spettacolo in Italia
titolo Storia della comunicazione e dello spettacolo in Italia
sottotitolo Volume III. I media alla sfida della convergenza (1979-2012)
curatore
argomenti Società, media, famiglia, lavoro > Media spettacolo e processi culturali
collana Trattati e manuali. Media spettacolo e processi culturali
formato Libro
pagine 352
pubblicazione 2017
ISBN 9788834332269
Scrivi un commento per questo prodotto
 
€ 28,00
Spedito in 3 giorni

In poco più di trent’anni – tra il 1979 e il 2012 – il volto dell’Italia muta radicalmente i propri connotati: cambiano il sistema politico e istituzionale, le relazioni economiche e industriali, i consumi, gli stili di vita, le tecnologie. Il trentennio assiste alla fine della divisione del mondo in blocchi, alla crisi delle grandi narrazioni ideologiche, alle sfide e alle minacce della globalizzazione, e l’Italia, da Paese provato dalla stagione del terrorismo, entra nella cosiddetta ‘fase del riflusso’, dalla quale emerge una società sempre più orientata al soddisfacimento di bisogni e ambizioni individuali, accompagnati da un rinnovato fermento creativo e produttivo. In quest’arco di tempo si sviluppa una parabola particolarmente interessante per i media italiani, in più di un’occasione chiamati a dirompenti cambi di passo in termini di attori, linguaggi e pubblici, fino a contaminarsi e ibridarsi tra loro in quella stagione della ‘convergenza’ che caratterizza in maniera pervasiva l’ambiente comunicativo contemporaneo. Le pagine di questo volume, terzo della serie Storia della comunicazione e dello spettacolo in Italia, accompagnano il lettore dentro il processo storico di trasformazione dei media: la televisione con il consolidamento del duopolio, prima, e l’esplosione della multicanalità, poi; il giornalismo e l’editoria con la crisi della carta stampata e la nascita delle testate online; il cinema con il sempre vivo binomio tra commedia all’italiana e pellicola d’autore; i media digitali capaci di aprire nuovi spazi e forme di produzione e partecipazione. Senza dimenticare naturalmente altri linguaggi specifici come la radio, l’industria musicale, la pubblicità, il teatro, che completano il mosaico di un periodo storico cruciale per la storia della comunicazione nazionale. Attraverso il racconto dei cambiamenti tecnologici, delle culture politiche e dei consumi, il volume ripercorre un pezzo di vita dell’industria mediale italiana, arrivando fino all’alba di un nuovo inizio per l’intero sistema della comunicazione, chiamato a raccogliere le sfide di una convergenza che investe tanto l’orizzonte della produzione quanto le pratiche di fruizione e condivisione.   

Contributi di: Giorgio Avezzù, Gabriele Balbi, Luca Barra, Dario Baudini, Claudio Bernardi, Gianni Canova, Daniela Cardini, Gisella Carelli, Paolo Carelli, Simone Carlo, Roberta Cesana, Fausto Colombo, Mariapia Comand, Gloria Dagnino, Adriano D’Aloia, Ruggero Eugeni, Mariagrazia Fanchi, Luisella Farinotti, Axel Fiacco, Chiara Giaccardi, Aldo Grasso, Giulia Innocenti Malini, Leonardo Mello, Patrizia Musso, Nando Pagnoncelli, Francesca Pasquali, Laura Peja, Cecilia Penati, Silvano Petrosino, Alberto Pezzotta, Marco Pratellesi, Massimo Scaglioni, Barbara Scifo, Anna Sfardini, Gianni Sibilla, Carlo Sorrentino, Matteo Tarantino, Simone Tosoni, Dario Edoardo Viganò, Nicoletta Vittadini       

Biografia dell'autore

Aldo Grasso è professore ordinario presso la Facoltà di Lingue e letterature straniere dell’Università Cattolica del Sacro Cuore, dove insegna Storia e critica della televisione e Linguaggi della radio e della televisione. Presso la stessa università è direttore del CeRTA – Centro di ricerca sulla televisione e gli audiovisivi. Tra le sue numerose pubblicazioni: Storia della televisione italiana (2004), Prima lezione sulla televisione (2011), Storie e culture della televisione italiana (2013, a cura di). È critico televisivo ed editorialista per il «Corriere della Sera».

Chi ha visto questo prodotto ha guardato anche...


News

25.07.2017
«Senza chiudere gli occhi»: l'anima del giornalismo
È ancora possibile fare del buon giornalismo? Risponde Domenico Quirico, che nel libro "Il tuffo nel pozzo" racconta il valore della sua professione.
26.05.2017
Luci sul noir: come nasce la paura sugli schermi
Intervista a Massimo Locatelli sul nuovo libro "Psicologia di un'emozione. Thriller e noir nell'età dell'ansia", un viaggio tra serie tv, film e app, alla scoperta dei meccanismi della paura.
11.01.2017
Il welfare in azienda: oltre Olivetti
Dall'utopia dell'imprenditore illuminato, come Olivetti, alla fase odierna del valore condiviso: il nuovo libro di Luca Pesenti, "Il welfare in azienda".
13.12.2016
I Templari: dentro la storia, fuori dal mito
«I Templari furono uomini del Medioevo, non furono eretici né tanto meno adoratori del diavolo»: l'origine e la fine della "Militia Christi" descritti dalle voci di studiosi che hanno lavorato su documenti e fonti inedite. Ci racconta la storia Giancarlo Andenna

Newsletter

* campi obbligatori

Collane

  • Cultura e storia
  • Filosofia morale
  • Grani di senape
  • Le nuove bussole
  • Metafisica e storia della metafisica
  • Punti
  • Relazioni internazionali e scienza politica.ASERI
  • Sestante
  • Studi interdisciplinari sulla famiglia
  • Temi metafisici e problemi del pensiero antico
  • Transizioni
  • Varia. Saggistica
  • Tutte le Collane
Pinterest