Il tuo browser non supporta JavaScript!

Europa ritrovata

novità Europa ritrovata
titolo Europa ritrovata
sottotitolo Geografie e miti del vecchio continente
autore
argomenti Società, media, famiglia, lavoro > Società
Lingue e letterature
collana Grani di senape
formato Libro
pagine 244
pubblicazione 2017
ISBN 9788834333204
Copertina HD Copertina HD
Scrivi un commento per questo prodotto
 
€ 18,00
Spedito in 3 giorni

Presentazione

Bookcity Milano - 18 novembre, Palazzo Litta
 
Disponibile in altri formati:
Europa ritrovata. Geografie e miti del vecchio continente novitàPdf
formato: Ebook | editore: Vita e Pensiero | anno: 2017
Anno: 2017
Carlo Ossola, in questo prezioso e raffinatissimo libro, ci racconta il suo viaggio alla ricerca di quelle tracce che fanno dell'Europa un patrimonio di civiltà condiviso, di ciò che può essere identificato come valore che sostiene la nostra civiltà. Un viaggio dapprima reale, che tocca luoghi europei anche piccoli e meno noti – da Reggio Calabria ai prati irlandesi di Glendalough, da Odessa alla pietra bianca portoghese di Belém – dove un paesaggio, un manufatto artistico, un personaggio, un libro riaccendono il sapore di una pluralità viva e condivisa nella quale ci riconosciamo e che nutre il nostro immaginario. E poi un viaggio del pensiero, complementare, nei miti che dai Greci in poi ci hanno fornito una matrice di identità: Ulisse e Enea, Eros e Psiche, l’unità di tempo e luogo di Aristotele, il filo insospettabile che lega san Benedetto e Lenin. Un viaggio che va oltre la profonda crisi di coscienza e di cultura che investe il vecchio continente, dove tutto sembra ridursi al calcolo economico e alle procedure burocratiche. Una lettura per ‘ritrovare’ l’Europa e riportare alla luce ciò che accomuna i suoi popoli e ci rende europei.
€ 12,99

Carlo Ossola, in questo prezioso e raffinatissimo libro, ci racconta il suo viaggio alla ricerca di quelle tracce che fanno dell'Europa un patrimonio di civiltà condiviso, di ciò che può essere identificato come valore che sostiene la nostra civiltà. Un viaggio dapprima reale, che tocca luoghi europei anche piccoli e meno noti – da Reggio Calabria ai prati irlandesi di Glendalough, da Odessa alla pietra bianca portoghese di Belém – dove un paesaggio, un manufatto artistico, un personaggio, un libro riaccendono il sapore di una pluralità viva e condivisa nella quale ci riconosciamo e che nutre il nostro immaginario. E poi un viaggio del pensiero, complementare, nei miti che dai Greci in poi ci hanno fornito una matrice di identità: Ulisse e Enea, Eros e Psiche, l’unità di tempo e luogo di Aristotele, il filo insospettabile che lega san Benedetto e Lenin. Un viaggio che va oltre la profonda crisi di coscienza e di cultura che investe il vecchio continente, dove tutto sembra ridursi al calcolo economico e alle procedure burocratiche. Una lettura per ‘ritrovare’ l’Europa e riportare alla luce ciò che accomuna i suoi popoli e ci rende europei. 

Il libro è corredato di un ricco inserto di immagini a colori.

Quarta di copertina

L’Europa ci appare oggi come un mosaico di lingue, confessioni religiose, nazioni; teatro storico di guerre, scismi e frontiere, essa è nondimeno un patrimonio di civiltà condiviso, che permane tessuto vivo, testimone della feconda pluralità delle tradizioni che la animano. Il viaggio che Carlo Ossola propone al lettore è un itinerario di luoghi emblematici – anche meno noti – di questo convivere di simboli che fanno ricca l’Europa nel tempo e nello spazio, da Odessa a Belém, da Otranto a Glendalough, ritrovando segnacoli di un immaginario nel quale ancora ci riconosciamo. Al fascino dei luoghi si aggiunge poi una ricognizione dei miti che hanno raccolto in sintesi cartografie della mente e dei sogni europei: Ulisse e Enea, l’anelito della ricerca e insieme l’obbligo della responsabilità; Eros e Psiche, nell’intreccio solidale degli impulsi umani: corpo e anima, amore e desiderio, vicenda terrena e destino divino; l’unità di tempo e luogo nell’agire, di ascendenza aristotelica, che il XX secolo ha messo in discussione, aprendo nuovi orizzonti nelle scienze e nuove aporie nella società; e da ultimo la vicenda millenaria di una formula, di miracoli e di interdetti, che approda – a un secolo dalla Rivoluzione d’ottobre – al mausoleo di Lenin. Geografie e miti che richiamano alla persistente unità d’Europa, che ci guarda e ci chiede di essere riconosciuta. 

Biografia dell'autore

Carlo Ossola (Torino 1946) insegna al Collège de France, cattedra di «Letterature moderne dell’Europa neolatina». Socio dell’Accademia dei Lincei e dell’American Academy of Arts and Sciences, condirige le riviste «Lettere italiane» e «Rivista di Storia e Letteratura Religiosa» presso Olschki. Alla storia della coscienza europea e dei miti che l’hanno nutrita ha dedicato numerosi studi, dirigendo presso la Fondazione Giorgio Cini i corsi Europa: miti di identità, 1995 (Venezia, Marsilio, 2001) e Primizie e memorie d’Europa, 2001. Presso Nino Aragno Editore è responsabile della collana «Europa restituita». Con Vita e Pensiero, in questa stessa collana, ha pubblicato Erasmo nel notturno d’Europa (2015), Italo Calvino. L’invisibile e il suo dove (2016).

Il Sole 24 Ore: Europa ritrovata e da ritrovare (C. Ossola)
pubblicato il: 12-11-2017
Articoli che parlano di Europa ritrovata:
Viaggio nell'anima dell'Europa   (Eventi)
Bookcity continua il 18 novembre a Palazzo Litta con Carlo Ossola, Guido Gentili, Giorgio Ficara, Mario Cantilena e Stefano Salis.

L’Europa ci appare oggi come un mosaico di lingue, confessioni religiose, nazioni; teatro storico di guerre, scismi e frontiere, essa è nondimeno un patrimonio di civiltà condiviso, che permane tessuto vivo, testimone della feconda pluralità delle tradizioni che la animano. Il viaggio che Carlo Ossola propone al lettore è un itinerario di luoghi emblematici – anche meno noti – di questo convivere di simboli che fanno ricca l’Europa nel tempo e nello spazio, da Odessa a Belém, da Otranto a Glendalough, ritrovando segnacoli di un immaginario nel quale ancora ci riconosciamo. Al fascino dei luoghi si aggiunge poi una ricognizione dei miti che hanno raccolto in sintesi cartografie della mente e dei sogni europei: Ulisse e Enea, l’anelito della ricerca e insieme l’obbligo della responsabilità; Eros e Psiche, nell’intreccio solidale degli impulsi umani: corpo e anima, amore e desiderio, vicenda terrena e destino divino; l’unità di tempo e luogo nell’agire, di ascendenza aristotelica, che il XX secolo ha messo in discussione, aprendo nuovi orizzonti nelle scienze e nuove aporie nella società; e da ultimo la vicenda millenaria di una formula, di miracoli e di interdetti, che approda – a un secolo dalla Rivoluzione d’ottobre – al mausoleo di Lenin. Geografie e miti che richiamano alla persistente unità d’Europa, che ci guarda e ci chiede di essere riconosciuta. 


News

24.10.2017
Non è nient'altro che letteratura... per fortuna!
In occasione di Bookcity, venerdì 17 novembre chiacchierata "seria, ma non troppo" tra Silvano Petrosino e Giacomo Poretti.
10.11.2017
Sciarpe rosse contro la violenza sulle donne
Il 22 novembre in Università Cattolica dibattito Contro la violenza sulle donne: tutti i partecipanti sono invitati a indossare una sciarpa rossa.
07.11.2017
Bookcity 2017: invito al viaggio
Dal 16 al 19 novembre partecipate al nostro viaggio tra i libri sulle tracce di Ulisse, da quello omerico a quello di Joyce.
25.10.2017
Tutti gli eventi Bookcity Università Cattolica
Dal 16 al 19 novembre incontri, dibatti, proiezioni dentro e fuori i chiostri dell'Università Cattolica di Milano: è l'edizione Bookcity 2017.

Newsletter

* campi obbligatori

Collane

  • Cultura e storia
  • Filosofia morale
  • Grani di senape
  • Le nuove bussole
  • Metafisica e storia della metafisica
  • Punti
  • Relazioni internazionali e scienza politica.ASERI
  • Sestante
  • Studi interdisciplinari sulla famiglia
  • Temi metafisici e problemi del pensiero antico
  • Transizioni
  • Varia. Saggistica
  • Tutte le Collane
Pinterest