Il tuo browser non supporta JavaScript!

Il nostro metodo consueto

Il nostro metodo consueto
titolo Il nostro metodo consueto
sottotitolo Parte e tutto in Aristotele: dal continuo alle forme degli animali
autore
argomenti Filosofia Filosofia antica, Metafisica e storia della metafisica
collana Temi metafisici e problemi del pensiero antico, 139
formato Libro
pagine 256
pubblicazione 2015
ISBN 9788834328842
Scrivi un commento per questo prodotto
 
€ 23,00
Spedito in 3 giorni
Il “nostro metodo consueto” è un’espressione che Aristotele utilizza in un passo della Politica (I.1, 1252a17-20), per indicare la strategia che consiste nel suddividere un oggetto di studio composito fino agli elementi incomposti, per studiarne poi le combinazioni possibili. Su quale teoria si basa l’adozione di questo metodo? Si tratta davvero di un metodo consueto per Aristotele? Enrico Rini cerca di rispondere a queste domande a partire dall’analisi di alcuni luoghi del corpus aristotelico in cui l’uso della coppia concettuale tutto-parte assume un peso più rilevante. Non si tratta di una semplice elencazione di passi, quanto piuttosto del tentativo di estrapolare da questi passi una teoria solo a tratti delineata esplicitamente da Aristotele: una “mereologia”. Così facendo si getta una luce nuova su alcuni problemi classici per gli interpreti di Aristotele: la trattazione del continuo, quella dei contrari e degli opposti in generale, la teoria della definizione d’essenza, l’approccio alla classificazione degli animali. La mereologia che emerge da questo studio ha anche un interesse intrinseco: si tratta infatti di una teoria non formale, a differenza della mereologia logica oggi prevalente, e dunque di una teoria sensibile ai diversi tipi di tutto e parte, con un ambito elettivo di applicazione in biologia.

Biografia dell'autore

Enrico Rini (1981) ha conseguito il dottorato di ricerca in filosofia presso l’Università degli Studi di Milano. Si è occupato prevalentemente dei rapporti tra tematiche biologiche e metafisiche in Aristotele. Oltre alla ricerca accademica ha svolto attività giornalistica e di comunicazione della scienza.

News

29.07.2019
Maryanne Wolf al Festivaletteratura
"Come diventiamo lettori" è il titolo del dialogo tra la Wolf e Manguel che si terrà sabato 7 settembre al Festivaletteratura di Mantova.
26.07.2019
Credo: lo recitate senza comprenderlo?
Tomáš Halík, prendendo spunto da un dibattito sul "Credo", si interroga sulla capacità di non rimanere intrappolati nella meccanicità delle formule.
05.07.2019
«Sogno scuole di lettura, prima che di scrittura»
Il commento di Alessandro D'Avenia al libro "Lettore, vieni a casa" in attesa dell'incontro con l'autrice Maryanne Wolf al Festivaletteratura di Mantova.
28.05.2019
Qui, ai margini: anteprima di Esquirol
Anteprima del libro del filosofo catalano Esquirol "La penultima bontà": un illuminante percorso che inizia fuori dal paradiso, ai margini.

Newsletter

* campi obbligatori

Collane

  • Cultura e storia
  • Filosofia morale
  • Grani di senape
  • Le nuove bussole
  • Metafisica e storia della metafisica
  • Punti
  • Relazioni internazionali e scienza politica.ASERI
  • Sestante
  • Studi interdisciplinari sulla famiglia
  • Temi metafisici e problemi del pensiero antico
  • Transizioni
  • Varia. Saggistica
  • Tutte le Collane