Il tuo browser non supporta JavaScript!

La mistica dell'istante

La mistica dell'istante
titolo La mistica dell'istante
sottotitolo Tempo e promessa
autore
traduttore
argomenti Religione e spiritualità > Spiritualità
collana Sestante, 35
formato Libro
pagine 176
pubblicazione 2015
ISBN 9788834329528
Scrivi un commento per questo prodotto
 
€ 15,00
Spedito in 3 giorni

 «C’è più spiritualità nel nostro corpo che non nella nostra migliore teologia».
È quello che ci dice Tolentino nella Mistica dell’istante, un libro poetico e frammentario, snodato in un percorso che solca spazio e tempo attraverso le parole di mistici, letterati, artisti. Il risultato è una straordinaria geografia interiore e umana che con il soccorso di poesia e cinema, letteratura e testi biblici può indicarci i modi di una mistica alla portata di tutti. Perché per Tolentino esiste una mistica da praticare nel qui e ora della vita, che parte dall’uomo tutto intero, anima e corpo, sensazioni e relazioni.

Questa mistica è la mistica dell’istante. Che riconosce come porta d’ingresso al divino nella nostra vita i cinque sensi, ossia quanto di più concreto e corporeo ci caratterizza, esperienza d’altronde già ben nota alle Scritture, per le quali il corpo è immagine e somiglianza di Dio. Leggendo impariamo così che gustare, vedere, annusare, ascoltare e toccare Dio si può nell’istante che ci è dato di vivere e che ci appartiene. Perché la mistica non è altro che un’esperienza quotidiana, solidale e inclusiva.
«Dio anche se ci troviamo nella miseria estrema, ama la nostra bellezza. Così, dentro alla tua notte, brilla immobile la luce di una stella».

Quarta di copertina

Questo nostro tempo frettoloso ha un estremo bisogno di mistica. Una frase che sembra la regina delle contraddizioni: come può l’esercizio interiore per eccellenza, l’intimo cammino verso la contemplazione del divino che richiede l’abbandono se non la rottura dei legami con il mondo, venire in soccorso delle donne e degli uomini di oggi? Eppure José Tolentino Mendonça non ha dubbi. Esiste una mistica da praticare nel qui e ora della vita, che parte dall’uomo tutto intero, anima – certo – ma anche corpo, sensazioni, relazioni. È la ‘mistica dell’istante’, che riconosce come portali d’ingresso del divino nella nostra vita i cinque sensi, quanto di più concreto e corporeo ci caratterizza. E, a pensarci, è un’esperienza ben nota alle Scritture, per le quali il corpo è immagine e somiglianza di Dio. È grammatica di Dio che si inscrive nella nostra pelle. È la lingua materna di Dio. Questo libro poetico e volutamente frammentario, aperto alla modulazione personale di ognuno, ci guida per mano per insegnarci come fare, come riconoscere in ciascuno dei sensi l’occasione di incontri che nel presente ci schiudano frammenti di infinito: un infinito che diventa semplice gesto, suono armonioso, profumo di nuovo, sapore frugale…
Con il soccorso della poesia, di certi film e libri universali, di storie di vita, di suggestioni per una lettura dei testi biblici nuova eppure così vicina alle radici originarie, Tolentino ci indica i modi di questa mistica alla portata di tutti. Impariamo così che gustare, vedere, annusare, ascoltare e toccare Dio si può nell’istante che ci è dato di vivere e che ci appartiene. Perché l’istante «è il contatto fra le infinite possibilità dell’amore divino e l’esperienza mutevole dell’umano. È il fango in cui la vita si modella e si scopre. È il fragile ponte di corda che unisce il tempo e la promessa».

Biografia dell'autore

José Tolentino Mendonça, sacerdote e poeta, è una delle voci più autorevoli e note della cultura cattolica portoghese. Vice rettore dell’Università Cattolica di Lisbona e consultore del Pontificio Consiglio della Cultura, è specialista di testi biblici, che affronta con rigore e creatività, aprendo agli interrogativi del presente e dialogando con le diverse espressioni culturali. La sua scrittura prende spunti e immagini da molti registri di linguaggio, in particolare da quello poetico, letterario e filosofico. Le sue poesie e i suoi saggi, molto apprezzati dal pubblico come dalla critica, gli hanno valso vari riconoscimenti e traduzioni in numerose lingue.
I Luoghi dell'Infinito: La mistica del tempo
pubblicato il: 03-03-2016
il Cittadino di Lodi: Dio a modo mio
pubblicato il: 02-03-2016
L'Osservatore Romano: Corpo e anima
pubblicato il: 29-02-2016
VaticanInsider: La teologia dei sensi (di M.T. Pontara Pederiva)
pubblicato il: 23-01-2016
Avvenire: La misericordia e la sfida di Francesco
pubblicato il: 05-12-2015
Articoli che parlano di La mistica dell'istante:
La misericordia sconcertante di Gesù   (Eventi)
Domenica 29 maggio il poeta e teologo portoghese José Tolentino Mendonça partecipa al Festival Biblico di Vicenza.
«L'artigiano dello spirito»: Tolentino si racconta   (L'intervista)
José Tolentino Mendonça, sacerdote e poeta, si racconta in un'intervista. Dalla giovinezza alla scrittura. Dalla "Mistica dell'istante" agli scrittori italiani più amati.
Il premio Res Magnae a Tolentino   (Novità)
José Tolentino Mendonça ha ricevuto il Premio Res Magnae per il suo libro "La mistica dell'istante. Tempo e promessa".

Questo nostro tempo frettoloso ha un estremo bisogno di mistica. Una frase che sembra la regina delle contraddizioni: come può l’esercizio interiore per eccellenza, l’intimo cammino verso la contemplazione del divino che richiede l’abbandono se non la rottura dei legami con il mondo, venire in soccorso delle donne e degli uomini di oggi? Eppure José Tolentino Mendonça non ha dubbi. Esiste una mistica da praticare nel qui e ora della vita, che parte dall’uomo tutto intero, anima – certo – ma anche corpo, sensazioni, relazioni. È la ‘mistica dell’istante’, che riconosce come portali d’ingresso del divino nella nostra vita i cinque sensi, quanto di più concreto e corporeo ci caratterizza. E, a pensarci, è un’esperienza ben nota alle Scritture, per le quali il corpo è immagine e somiglianza di Dio. È grammatica di Dio che si inscrive nella nostra pelle. È la lingua materna di Dio. Questo libro poetico e volutamente frammentario, aperto alla modulazione personale di ognuno, ci guida per mano per insegnarci come fare, come riconoscere in ciascuno dei sensi l’occasione di incontri che nel presente ci schiudano frammenti di infinito: un infinito che diventa semplice gesto, suono armonioso, profumo di nuovo, sapore frugale…
Con il soccorso della poesia, di certi film e libri universali, di storie di vita, di suggestioni per una lettura dei testi biblici nuova eppure così vicina alle radici originarie, Tolentino ci indica i modi di questa mistica alla portata di tutti. Impariamo così che gustare, vedere, annusare, ascoltare e toccare Dio si può nell’istante che ci è dato di vivere e che ci appartiene. Perché l’istante «è il contatto fra le infinite possibilità dell’amore divino e l’esperienza mutevole dell’umano. È il fango in cui la vita si modella e si scopre. È il fragile ponte di corda che unisce il tempo e la promessa».

Permalink per :

News

07.09.2016
Dignità, Giustizia e Letteratura
Domenica 25 settembre presentazione del terzo volume di Giustizia e Letteratura al Festival del Diritto di Piacenza.
13.09.2016
"Dio a modo mio" vince il Premio Capri Sezione Giovani
Il Premio Capri San Michele - Sezione Giovani viene assegnato al libro “Dio a modo mio” a cura di Rita Bichi e Paola Bignardi.
11.07.2016
Da Shakespeare a House of Cards
Intervista allo sceneggiatore Mario Ruggeri, autore del libro sulle tecniche di scrittura di Shakespeare, tra regole - ancora attuali - e genialità.
01.07.2016
Passeggiando per Milano con un libro
Dieci luoghi di Milano, dieci libri e una rivista, dieci borse in palio per i lettori. Ecco il nostro racconto turistico-librario e i dieci vincitori del #VPMilanoTour.

Newsletter

* campi obbligatori
Pinterest