Il tuo browser non supporta JavaScript!

Visioni e profezie

Visioni e profezie
titolo Visioni e profezie
sottotitolo Mistica ed esperienza della trascendenza
autore
argomenti Religione e spiritualità Spiritualità
collana Sestante, 6
formato Libro
pagine 168
pubblicazione 1995
ISBN 9788834338766
Scrivi un commento per questo prodotto
 
€ 14,00
Lungi dal declinare, la religione persiste nella società secolarizzata attraverso non solo l'istituzione ecclesiastica, ma anche l'eclatante proliferare di apparizioni, statue che lacrimano, guarigioni prodigiose e altre epifanie del soprannaturale. Tali fenomeni sono così diffusi e variegati da non consentire affrettate valutazioni critiche. Piuttosto, la coscienza cristiana deve esercitare un intelligente discernimento, sia per distinguere ciò che è autentico da ciò che è falso sia per cogliere significato e valore di questi eventi. È la prospettiva in cui si pone la riflessione di Rahner, tanto più preziosa se si considera il sostanziale disinteresse della teologia per l'argomento. Il grande teologo tedesco analizza con puntigliosa e paziente acribia il senso delle visioni, la loro problematica psicologica e i criteri fondamentali per giudicarne l'attendibilità. L'approccio al tema risulta fecondo e persuasivo perché visioni e profezie vengono esaminate per se stesse, evitando di ricondurle al dilemma rivelazioni pubbliche/rivelazioni private. Rahner non è mosso dalla preoccupazione di precisare se e fino a che punto occorre prestare loro fede. Interpreta invece le apparizioni (beninteso, quelle dichiarate autentiche) come un dono dello Spirito: esse infatti chiarificano e sottolineano la volontà di Dio in rapporto a una determinata situazione storica, contribuendo così al cammino di una Chiesa che è e rimane radicata nella rivelazione del Signore Gesù.

Biografia dell'autore

Karl Rahner (1904-1984) è stato uno dei più importanti teologi cattolici di questo secolo. Gesuita, dopo gli studi filosofici e teologici che lo misero in contatto con Heidegger a Friburgo, insegnò a Innsbruck, Monaco (ove succedette a Guardini) e Münster. Partecipò al Vaticano II come perito conciliare. Paolo VI lo nominò poi membro della Commissione Teologica Internazionale. La sua prospettiva teologica è stata riassunta con l'espressione «svolta antropologica», cioè il tentativo di ricomprendere la verità cristiana a partire dagli interrogativi dell'uomo, concepito come strutturalmente aperto a Dio. Tra i suoi scritti principali tradotti in italiano: Spirito nel mondo (Vita e Pensiero, Milano 1988); Uditori della Parola (Torino 1967); Corso fondamentale sulla fede (Alba 1977). I suoi numerosi articoli sono stati raccolti nei 16 volumi delle Schriften zur Theologie (1954-84), apparse in italiano sotto diversi titoli (Roma 1964-1986).

Chi ha visto questo prodotto ha guardato anche...


News

02.09.2019
È arrivato settembre: tutti gli eventi in calendario
Wolf, Benasayag, Esquirol, d'Ors, Tolentino Mendonça: sono solo alcuni dei protagonisti degli eventi di settembre. Scoprili tutti...
30.08.2019
Torino Spiritualità 2019: ad infinita notte
Tutti gli appuntamenti dedicati al buio e alla veglia con gli autori Vita e Pensiero, dal 26 al 30 settembre .
26.08.2019
Cos'è il populismo? I Prof rispondono
Mercoledì 18 settembre Cottarelli, De Bortoli, Parsi dialogano con Hamaui e Boitani su cause e conseguenze del populismo.
03.09.2019
Il filosofo della bontà, un Candide 2.0 in carne e ossa
Intervista al filosofo catalano Josep Maria Esquirol che spiega il suo cammino dell'ingenuità e la forza della bontà.

Newsletter

* campi obbligatori

Collane

  • Cultura e storia
  • Filosofia morale
  • Grani di senape
  • Le nuove bussole
  • Metafisica e storia della metafisica
  • Punti
  • Relazioni internazionali e scienza politica.ASERI
  • Sestante
  • Studi interdisciplinari sulla famiglia
  • Temi metafisici e problemi del pensiero antico
  • Transizioni
  • Varia. Saggistica
  • Tutte le Collane