Il tuo browser non supporta JavaScript!

La pubblica felicità

novità La pubblica felicità
titolo La pubblica felicità
sottotitolo Economia politica e Political Economy a confronto
autore
argomenti Economia e statistica Economia
Politica
collana Transizioni, 60
formato Libro
pagine 192
pubblicazione 2018
ISBN 9788834333624
Copertina HD Copertina HD
Scrivi un commento per questo prodotto
 
€ 15,00
Spedito in 3 giorni
 
Disponibile in altri formati:
La pubblica felicità. Economia politica e Political Economy a confronto novitàPdf
formato: Ebook | editore: Vita e Pensiero | anno: 2018
Anno: 2018
Sono profonde le differenze economico-culturali tra il nord e il sud dell’Europa. Le loro radici risalgono a cinque secoli fa, all’epoca della riforma protestante. Lutero, Calvino e gli altri riformatori furono all’origine di una spiritualità improntata all’etica del lavoro. Da essa nacquero poi il capitalismo moderno e il liberismo anglosassone. Il sud Europa, cattolico e comunitario, seguì invece la traiettoria iniziata nel Medioevo con il pensiero di Tommaso d’Aquino e la sua etica delle virtù, dando vita nel Settecento all’Economia civile napoletana, italiana e più in generale latina. Esistono così diversi spiriti e modi di concepire il mercato e l’impresa. La cooperazione, le banche popolari, le imprese famigliari, i distretti, il welfare-state, l’economia mista sono tratti tipici del capitalismo latino. La grande impresa, la finanza, il liberismo, l’interesse individuale costituiscono invece i segni distintivi del capitalismo nordico di derivazione protestante. Luigino Bruni ricostruisce la genesi culturale, anche teologica, di questi due paradigmi economici, descrivendone lo sviluppo nella storia. Ma gli ultimi decenni stanno conoscendo un forte appiattimento delle forme di economia: il capitalismo anglosassone (soprattutto nella sua versione americana) grazie alla globalizzazione si sta affermando nel mondo intero, riducendone drasticamente la biodiversità economica, finanziaria e sociale. Il libro affronta le sfide cruciali per il futuro del modello civile europeo e italiano, sfide che si chiamanouguaglianza, lavoro, reciprocità, beni comuni, legami sociali, radicamento nel genius loci. Quella “pubblica felicità” senza la quale è difficile che esista felicità individuale.
€ 10,99
La pubblica felicità. Economia politica e Political Economy a confronto novitàEpub
formato: Ebook | editore: Vita e Pensiero | anno: 2018
Anno: 2018
Sono profonde le differenze economico-culturali tra il nord e il sud dell’Europa. Le loro radici risalgono a cinque secoli fa, all’epoca della riforma protestante. Lutero, Calvino e gli altri riformatori furono all’origine di una spiritualità improntata all’etica del lavoro. Da essa nacquero poi il capitalismo moderno e il liberismo anglosassone. Il sud Europa, cattolico e comunitario, seguì invece la traiettoria iniziata nel Medioevo con il pensiero di Tommaso d’Aquino e la sua etica delle virtù, dando vita nel Settecento all’Economia civile napoletana, italiana e più in generale latina. Esistono così diversi spiriti e modi di concepire il mercato e l’impresa. La cooperazione, le banche popolari, le imprese famigliari, i distretti, il welfare-state, l’economia mista sono tratti tipici del capitalismo latino. La grande impresa, la finanza, il liberismo, l’interesse individuale costituiscono invece i segni distintivi del capitalismo nordico di derivazione protestante. Luigino Bruni ricostruisce la genesi culturale, anche teologica, di questi due paradigmi economici, descrivendone lo sviluppo nella storia. Ma gli ultimi decenni stanno conoscendo un forte appiattimento delle forme di economia: il capitalismo anglosassone (soprattutto nella sua versione americana) grazie alla globalizzazione si sta affermando nel mondo intero, riducendone drasticamente la biodiversità economica, finanziaria e sociale. Il libro affronta le sfide cruciali per il futuro del modello civile europeo e italiano, sfide che si chiamanouguaglianza, lavoro, reciprocità, beni comuni, legami sociali, radicamento nel genius loci. Quella “pubblica felicità” senza la quale è difficile che esista felicità individuale.
€ 10,99
Sono profonde le differenze economico-culturali tra il nord e il sud dell’Europa. Le loro radici risalgono a cinque secoli fa, all’epoca della riforma protestante. Lutero, Calvino e gli altri riformatori furono all’origine di una spiritualità improntata all’etica del lavoro. Da essa nacquero poi il capitalismo moderno e il liberismo anglosassone. Il sud Europa, cattolico e comunitario, seguì invece la traiettoria iniziata nel Medioevo con il pensiero di Tommaso d’Aquino e la sua etica delle virtù, dando vita nel Settecento all’Economia civile napoletana, italiana e più in generale latina. Esistono così diversi spiriti e modi di concepire il mercato e l’impresa. La cooperazione, le banche popolari, le imprese famigliari, i distretti, il welfare-state, l’economia mista sono tratti tipici del capitalismo latino. La grande impresa, la finanza, il liberismo, l’interesse individuale costituiscono invece i segni distintivi del capitalismo nordico di derivazione protestante. Luigino Bruni ricostruisce la genesi culturale, anche teologica, di questi due paradigmi economici, descrivendone lo sviluppo nella storia. Ma gli ultimi decenni stanno conoscendo un forte appiattimento delle forme di economia: il capitalismo anglosassone (soprattutto nella sua versione americana) grazie alla globalizzazione si sta affermando nel mondo intero, riducendone drasticamente la biodiversità economica, finanziaria e sociale. Il libro affronta le sfide cruciali per il futuro del modello civile europeo e italiano, sfide che si chiamanouguaglianza, lavoro, reciprocità, beni comuni, legami sociali, radicamento nel genius loci. Quella “pubblica felicità” senza la quale è difficile che esista felicità individuale.  

Biografia dell'autore

Luigino Bruni è professore ordinario di Economia politica presso l’Università Lumsa di Roma. Coordinatore del progetto Economia di Comunione del Movimento dei Focolari, scrive su diverse testate giornalistiche, tra cui «Avvenire». Presso Vita e Pensiero ha pubblicato La foresta e l’albero (2016), Fondati sul lavoro (2014) e, con A. Smerilli, La leggerezza del ferro (2010).


News

19.09.2018
Lettore, vieni a casa di Maryanne Wolf
Lettere appassionate rivolte all'amico lettore, perché preservi quella prodigiosa conquista del cervello umano che è la lettura profonda.
17.09.2018
Dialoghi sul lettore alla Fondazione Corriere
Alla Fondazione Corriere della Sera quattro dialoghi per indagare la portata politica, sociale, antropologica della lettura digitale.
05.11.2018
BOOKCITY è internazionale
Bookcity inizia in libreria il 14 con la festa irlandese, mentre il 16 novembre si potrà assistere a una lezione aperta di lingua e cultura cultura araba.
30.10.2018
BOOKCITY: I giusti continuano a leggere
Ispirati dalla poesia di Borges, dal 14 al 18 novembre, un reading ispirato ai 100 anni di Vita e Pensiero con gran finale al Teatro Franco Parenti.

Newsletter

* campi obbligatori

Collane

  • Cultura e storia
  • Filosofia morale
  • Grani di senape
  • Le nuove bussole
  • Metafisica e storia della metafisica
  • Punti
  • Relazioni internazionali e scienza politica.ASERI
  • Sestante
  • Studi interdisciplinari sulla famiglia
  • Temi metafisici e problemi del pensiero antico
  • Transizioni
  • Varia. Saggistica
  • Tutte le Collane