Il tuo browser non supporta JavaScript!

Il Chronicon di Benzo d'Alessandria e i classici latini all'inizio del XIV secolo

Il Chronicon di Benzo d'Alessandria e i classici latini all'inizio del XIV secolo
titolo Il Chronicon di Benzo d'Alessandria e i classici latini all'inizio del XIV secolo
sottotitolo Edizione critica del libro XXIV: «De moribus et vita philosophorum»
autore
argomenti Lingue e letterature Letteratura greca e latina
collana Bibliotheca erudita, 15
formato Libro
pagine 416
pubblicazione 2000
ISBN 9788834305102
Scrivi un commento per questo prodotto
 
€ 31,00
Spedito in 3 giorni
Tra la fine del XIV secolo e l'inizio del XIV l'Italia settentrionale fu attraversata da un fermento culturale che vide impegnati alcuni laici, notai, giudici, cancellieri a ricercare e studiare testi di autori classici, di cui spesso si era perduta memoria. Gli antichi manoscritti, custoditi nelle arche delle biblioteche capitolari e in monasteri periferici, vennero di nuovo trascritti e attentamente studiati. Queste prime indagini diedero frutti eccellenti e prepararono il terreno per le avventure filologiche di Francesco Petrarca. Figura chiave di questa età fu Benzo d'Alessandria, attivo nell'Italia settentrionale nei primi tre decenni del Trecento, a Milano, a Como e soprattutto a Verona. Egli riversò la sua cultura, eccezionalmente vasta, in una ponderosa compilazione storico-enciclopedica, in ventiquattro libri, elaborata intorno al 1320, conservata, almeno in parte, in un unico manoscritto.

Biografia dell'autore

In questo volume è tracciato un profilo di Benzo e della sua erudizione, straordinaria per i tempi in cui visse. Inoltre si offre la prima edizione integrale del libro ventiquattresimo del Chronicon, sui viri illustres dell'antica Grecia: tale sezione dell'enciclopedia riveste infatti uno speciale interesse per le numerose fonti di cui lo scrittore si avvalse. Si possono così meglio apprezzare le qualità di questo esponente del primo Umanesimo, che Remigio Sabbadini, padre della filologia medioevale e umanistica, consacrò come «il più genuino precursore italiano di Petrarca e Poggio».

News

15.01.2019
La legge di Forti che educa e cura
Solo partendo dalla capacità di ascolto, scrive Forti nel suo ultimo libro, possiamo curare le gravi malattie cui sono affette oggi le norme giuridiche.
14.02.2019
Volontà, cura, ricerca: l'amore da sfogliare
L'amore per Dio e gli uomini di Tomáš Halik, quello filiale di Eva Feder Kittay, quello di coppia di Nicole e Philippe Jeammet: tre saggi che custodiscono preziose storie da leggere.
04.02.2019
Caravaggio e Rembrandt: un dialogo da osservare
Venerdì 15 febbraio alla Pinacoteca di Brera un dialogo sui capolavori di Caravaggio e Rembrandt sulla cena di Emmaus, con a seguire la visita guidata alle opere.
04.02.2019
Rembrandt e le sue ombre
L'incipit del libro "Rembrandt a Emmaus", opera di Max Milner dedicata alla sfida dei pittori, su tutti Rembrandt, di rappresentare il brano di Luca sull'incontro con Gesù.

Newsletter

* campi obbligatori

Collane

  • Cultura e storia
  • Filosofia morale
  • Grani di senape
  • Le nuove bussole
  • Metafisica e storia della metafisica
  • Punti
  • Relazioni internazionali e scienza politica.ASERI
  • Sestante
  • Studi interdisciplinari sulla famiglia
  • Temi metafisici e problemi del pensiero antico
  • Transizioni
  • Varia. Saggistica
  • Tutte le Collane