Il tuo browser non supporta JavaScript!

Il Codice Dal Verme

Il Codice Dal Verme
titolo Il Codice Dal Verme
sottotitolo Memoria e ideologia a Pavia nell'età di Gian Galeazzo Visconti
autore
prefazione ,
argomenti Storia > Storia medievale
collana Ricerche. Storia - Ordines, 3
formato Libro
pagine 352
pubblicazione 2016
ISBN 9788834332504
Scrivi un commento per questo prodotto
 
€ 30,00
Spedito in 3 giorni

Come si tramanda, modifica, inventa la memoria cittadina? E quale significato hanno le ritrascrizioni di cronache e cataloghi a distanza di secoli, quando avvengono per opera di uffici che sono specifica espressione del potere politico? Queste domande, su cui già da alcuni anni gli studiosi hanno focalizzato la loro attenzione, trovano un esemplare caso di studio nel contesto pavese attraverso l’analisi del codice Dal Verme. Il manoscritto, di cui si presenta qui per la prima volta l’edizione critica, rappresenta la più importante testimonianza sulla Pavia di Gian Galeazzo Visconti. Prodotto nell’ambiente della cancelleria viscontea tra la fine del XIV e l’inizio del XV secolo, esso fu inteso come un vero e proprio “kit di costruzione” per la memoria sociale. La sua analisi consente di mettere a fuoco il ruolo della cancelleria come centro attivo nell’elaborazione dell’ideologia ducale e testimonia inoltre concretamente il processo di costruzione della memoria storica e politica della città, con l’invenzione di tradizioni di lunga durata che ebbero la forza di rinnovarsi continuamente anche nei secoli successivi.

Biografia dell'autore

Maria Chiara Succurro è Visiting Fellow del Centre for Medieval and Renaissance Culture dell’Università di Southampton. Si è formata presso l’Università di Pavia, dove è stata anche allieva dell’Istituto Universitario di Studi Superiori (IUSS) e alumna del Collegio Ghislieri, e si è successivamente perfezionata con il dottorato di ricerca in Storia Medievale presso l’Università di Firenze. Ha ricoperto diversi incarichi di ricerca post-dottorali ed è stata vincitrice di numerosi premi e borse di studio, tra i quali il premio della Fondazione Cariplo (2006). Ha partecipato a numerose conferenze e seminari di carattere nazionale e internazionale e ha inoltre contribuito a diversi progetti di edizioni, sia tradizionali che digitali. È autrice di vari saggi e articoli su riviste nazionali, internazionali e volumi miscellanei, dedicati alla storia regionale, alle pratiche di costruzione della memoria, e all’analisi di manoscritti e documentazione basso-medievale.


News

19.10.2017
Cosa vuole una donna? Ce lo spiega la psicoanalisi
In occasione del Festival Mimesis di Udine, martedì 24 ottobre Francesco Stoppa interverrà nell'incontro dal titolo "Divenire femminile".
19.10.2017
Presentazione Annuario CIRMib 2017
Venerdì 27 ottobre si terrà la presentazione dell'Annuario CIRMiB, centro che si occupa di analizzare i dati relativi al fenomeno migratorio.
20.09.2017
La mente non è un vaso da riempire: libro-quiz!
In occasione della pubblicazione del libro "Ritorno ai classici", vi proponiamo un piccolo libro-quiz per mettere alla prova le vostre conoscenze.
25.07.2017
«Senza chiudere gli occhi»: l'anima del giornalismo
È ancora possibile fare del buon giornalismo? Risponde Domenico Quirico, che nel libro "Il tuffo nel pozzo" racconta il valore della sua professione.

Newsletter

* campi obbligatori

Collane

  • Cultura e storia
  • Filosofia morale
  • Grani di senape
  • Le nuove bussole
  • Metafisica e storia della metafisica
  • Punti
  • Relazioni internazionali e scienza politica.ASERI
  • Sestante
  • Studi interdisciplinari sulla famiglia
  • Temi metafisici e problemi del pensiero antico
  • Transizioni
  • Varia. Saggistica
  • Tutte le Collane
Pinterest