Il tuo browser non supporta JavaScript!

Felicità e benevolenza

Felicità e benevolenza
titolo Felicità e benevolenza
autore
argomenti Filosofia Filosofia morale
collana Filosofia morale, 1
formato Libro
pagine 272
pubblicazione 1998
ISBN 9788834319017
Scrivi un commento per questo prodotto
 
€ 20,00
Felicità e benevolenza non è un breve trattato di etica, ma una riflessione sull’origine e il primo dispiegarsi dell’esperienza morale. Un libro coraggioso, perché non si affida a una scuola di pensiero morale, ma cerca di chiarire in proprio come il senso etico si radica nell’esistenza umana. Al centro della proposta di Spaemann sta l’idea di “vita riuscita”: l’agire umano si progetta sempre alla luce di un ideale di riuscita. Ma quando la vita può dirsi compiuta? Ciò avviene - è la tesi del libro - allorché si attua la caratteristica peculiare dell’umano, cioè la sua capacità di apertura illimitata verso la realtà tutta. Il dover essere corrispondente si chiama “amore di benevolenza”: amare ogni cosa con benevolenza secondo la sua natura e i suoi fini è la responsabilità morale fondamentale, che dà compimento all’uomo. In tal senso la prassi della benevolenza coincide con la prassi morale, che così si configura come via alla felicità. Alla luce di questa prospettiva Spaemann muove una critica di fondo a varie forme dell’etica contemporanea - di tipo utilitaristico, linguistico e sociologico - ritenute inidonee a orientare la prassi degli uomini d’oggi.

Biografia dell'autore

Robert Spaemann (Berlino 1927) è stato docente di filosofia a Stoccarda, Heidelberg (dove è succeduto a Gadamer), Monaco e Friburgo. È autore di importanti lavori sull’ontologia sociale e sulle sorti della modernità (L’origine della sociologia dallo spirito della restaurazione. Studi su de Bonald, 1959; Per una critica dell’utopia politica, 1977; Rousseau cittadino senza patria, 1980) e di studi sul tema della finalità e delle sue implicazioni etiche (La domanda sulla finalità, 1981; Concetti morali fondamentali, 1986; Naturale e razionale, 1987). L’ultima sua opera è una sintesi di antropologia: Persone. Ricerca sulla differenza tra ‘qualcosa’ e ‘qualcuno’ (1996).
L'Osservatore Romano: La scomparsa di Robert Spaemann
pubblicato il: 13-12-2018

News

17.01.2019
Rosina a Bergamo e a Mantova per il futuro
Doppio incontro con il demografo Alessandro Rosina domani al Museo Bernareggi di Bergamo e sabato al Convento del Gradaro di Mantova.
15.01.2019
La legge di Forti che educa e cura
Solo partendo dalla capacità di ascolto, scrive Forti nel suo ultimo libro, possiamo curare le gravi malattie cui sono affette oggi le norme giuridiche.
15.01.2019
La Grande Guerra in tribunale
Il 29 gennaio al Palazzo di Giustizia di Milano dibattito con giuristi e letterati sull'eredità e attualità della Grande Guerra.
10.01.2019
Migrations Mediations: la fotografia e la compassione
In occasione del convegno "Migrations mediations" su Media e arti nelle politiche di inclusione venerdì 18 verrà presentato in Università Cattolica il libro di Fausto Colombo.

Newsletter

* campi obbligatori

Collane

  • Cultura e storia
  • Filosofia morale
  • Grani di senape
  • Le nuove bussole
  • Metafisica e storia della metafisica
  • Punti
  • Relazioni internazionali e scienza politica.ASERI
  • Sestante
  • Studi interdisciplinari sulla famiglia
  • Temi metafisici e problemi del pensiero antico
  • Transizioni
  • Varia. Saggistica
  • Tutte le Collane