Il tuo browser non supporta JavaScript!

La Scolastica medievale

La Scolastica medievale
titolo La Scolastica medievale
sottotitolo Cenni per una definizione
autore
argomenti Filosofia Filosofia medievale
collana Lectures, 11
formato Libro
pagine 160
pubblicazione 1997
ISBN 9788834339855
Scrivi un commento per questo prodotto
 
€ 10,33
Spedito in 3 giorni
Chiedersi «Che cos’è la Scolastica?» significa porre una domanda non solo impegnativa, ma forse – come suggerisce in quest’opera Schönberger – persino «fuori luogo», se si considera che, dopo lunghi dibattiti e svariati tentativi di definizione, gli stessi medievisti si esprimono oggi con particolare cautela al riguardo. A tale interrogativo categorico non corrisponde una risposta univoca. Al contrario, l’intento di Schönberger è descrivere l’essenza della Scolastica attraverso una complessa combinazione di caratteri, nella convinzione che un concetto unitario non sia possibile da un punto di vista logico, né auspicabile in sede storica. Eppure, analizzando i diversi significati attribuiti nel nostro secolo a questo termine e delineandone gli elementi costitutivi (la quaestio, il rapporto confidente con la parola scritta, il pensare dialogando con un testo, il concetto di autorità), appare evidente un’impronta comune nel modo di porre le questioni e nella proposta di un persuasivo modello di ragione. In questa prospettiva l’interrogativo iniziale, lungi dal sembrare inopportuno, acquista legittimità e addirittura attualità, riportando l’attenzione sulla singolare configurazione del Medioevo nella storia della razionalità occidentale, quale «elemento di disturbo» nei confronti di una concezione rigidamente lineare. Così, la Scolastica si propone come luogo di una razionalità molteplice, che rifiuta ogni univocità e tuttavia mantiene consistenza, il cui riferimento «forte» è il cristianesimo, coscienza di una verità assoluta che trascende la ragione, senza mortificarla.

Biografia dell'autore

Allievo del filosofo cattolico Robert Spaemann, dal 1996 Rolf Schönberger (Günzburg 1954) insegna Filosofia all’Università di Regensburg ed è considerato, anche fuori dai confini tedeschi, uno dei più significativi esperti di storia della filosofia medievale. Tra le sue pubblicazioni ricordiamo: Nomina divina. Zur theologischen Semantik bei Thomas von Aquin (1981); Die Transformation des klassischen Seinsverständnisses (1986); Relation als Vergleich (1994), monografia su Giovanni Buridano.

News

02.09.2019
È arrivato settembre: tutti gli eventi in calendario
Wolf, Benasayag, Esquirol, d'Ors, Tolentino Mendonça: sono solo alcuni dei protagonisti degli eventi di settembre. Scoprili tutti...
30.08.2019
Torino Spiritualità 2019: ad infinita notte
Tutti gli appuntamenti dedicati al buio e alla veglia con gli autori Vita e Pensiero, dal 26 al 30 settembre .
26.08.2019
Cos'è il populismo? I Prof rispondono
Mercoledì 18 settembre Cottarelli, De Bortoli, Parsi dialogano con Hamaui e Boitani su cause e conseguenze del populismo.
03.09.2019
Il filosofo della bontà, un Candide 2.0 in carne e ossa
Intervista al filosofo catalano Josep Maria Esquirol che spiega il suo cammino dell'ingenuità e la forza della bontà.

Newsletter

* campi obbligatori

Collane

  • Cultura e storia
  • Filosofia morale
  • Grani di senape
  • Le nuove bussole
  • Metafisica e storia della metafisica
  • Punti
  • Relazioni internazionali e scienza politica.ASERI
  • Sestante
  • Studi interdisciplinari sulla famiglia
  • Temi metafisici e problemi del pensiero antico
  • Transizioni
  • Varia. Saggistica
  • Tutte le Collane