Il tuo browser non supporta JavaScript!

Contro la cultura

novità Contro la cultura
titolo Contro la cultura
sottotitolo La letteratura, per fortuna
autore
argomenti Filosofia > Filosofia contemporanea
Lingue e letterature
collana Transizioni, 56
formato Libro
pagine 112
pubblicazione 2017
ISBN 9788834333501
Copertina HD Copertina HD
Scrivi un commento per questo prodotto
 
€ 13,00
Spedito in 3 giorni

Presentazione

Bookcity Milano - 17 novembre, Libreria Vita e Pensiero
 
Disponibile in altri formati:
Contro la cultura. La letteratura, per fortuna novitàPdf
formato: Ebook | editore: Vita e Pensiero | anno: 2017
Anno: 2017
Contro la letteratura “carina”, contro l’arte come mero passatempo in cui può cimentarsi chiunque, contro l’inganno della cultura mondana, ben diverso dalla “fiction”, contro lo story telling vuoto della politica, un manifesto che difende il valore della letteratura e si domanda: cos’è la letteratura? Perché si scrivono e si pubblicano romanzi e racconti? E ancora: a che cosa serve la letteratura? «In un’epoca come l’attuale, così pronta a riconoscere e a celebrare l’incedere dei vari "post" (postmoderno, post-umano, post-filosofia, più di recente postverità)», scrive Petrosino, «forse l’unico tema che potrebbe ancora suscitare qualche tiepida curiosità è quello della "post-letteratura", una disciplina inesistente ma proprio per questo, come è facile intuire, estremamente interessante».
€ 9,99
Contro la cultura. La letteratura, per fortuna novitàEpub
formato: Ebook | editore: Vita e Pensiero | anno: 2017
Anno: 2017
Contro la letteratura “carina”, contro l’arte come mero passatempo in cui può cimentarsi chiunque, contro l’inganno della cultura mondana, ben diverso dalla “fiction”, contro lo story telling vuoto della politica, un manifesto che difende il valore della letteratura e si domanda: cos’è la letteratura? Perché si scrivono e si pubblicano romanzi e racconti? E ancora: a che cosa serve la letteratura? «In un’epoca come l’attuale, così pronta a riconoscere e a celebrare l’incedere dei vari "post" (postmoderno, post-umano, post-filosofia, più di recente postverità)», scrive Petrosino, «forse l’unico tema che potrebbe ancora suscitare qualche tiepida curiosità è quello della "post-letteratura", una disciplina inesistente ma proprio per questo, come è facile intuire, estremamente interessante».
€ 9,99

Contro la letteratura “carina”, contro l’arte come mero passatempo in cui può cimentarsi chiunque, contro l’inganno della cultura mondana, ben diverso dalla “fiction”, contro lo story telling vuoto della politica, un manifesto che difende il valore della letteratura e si domanda: cos’è la letteratura? Perché si scrivono e si pubblicano romanzi e racconti? E ancora: a che cosa serve la letteratura? «In un’epoca come l’attuale, così pronta a riconoscere e a celebrare l’incedere dei vari "post" (postmoderno, post-umano, post-filosofia, più di recente postverità)», scrive Petrosino, «forse l’unico tema che potrebbe ancora suscitare qualche tiepida curiosità è quello della "post-letteratura", una disciplina inesistente ma proprio per questo, come è facile intuire, estremamente interessante».

Quarta di copertina

Perché «Contro la cultura»? Il titolo di questo saggio di Silvano Petrosino è volutamente provocatorio, contro il mainstream dell’industria culturale odierna fatta di luoghi comuni: la letteratura si alimenta di pura gratuità, è al servizio della sola bellezza; lo scrittore scrive per se stesso, per dare voce a ciò che viene dal profondo della sua anima… E quest’idea di ‘cultura’ finisce, tra l’altro, per fornire l’alibi perfetto ai tanti che, convincendosi di inseguire il ‘capolavoro’ artistico, scrivono e scrivono solo in cerca di gratificazione e consolazione personale. L’antidoto contro questa cultura che appiattisce l’arte nel momento stesso in cui la innalza su un piedistallo c’è, ed è la letteratura, per fortuna, come appunto continua il titolo del saggio di Petrosino. La letteratura vera, che si rivela un dispositivo ‘drammatico’ e di grande forza rivoluzionaria: una ‘finzione’ che pretende di dare testimonianza alla ‘verità’ più profonda dell’umano. Scoprire come questo accada e quali sublimi strumenti lo rendano possibile è il proposito di Petrosino, che chiama in causa gli scrittori più amati, da Kundera a Nabokov, da Kafka a Singer, e i critici più acuti, da Blanchot a Derrida, a Barthes. L’autentica letteratura non necessariamente incontra il favore dei mercati (e comunque non lo chiede), non cerca la patinata rassegna dei sentimenti, si sporca volentieri le mani nelle profondità più buie delle emozioni, non ha paura di usare l’immaginario e il fantastico in voli altissimi e spericolati. E non si stanca di invitare ogni lettore a cogliere, come chiosa alla perfezione Petrosino, il «vibrare sottile e soave di quella finzione che è uno dei più sorprendenti luoghi in cui la verità umana non cessa di far sentire la sua voce».

Indice testuale

Introduzione 
I. Letteratura e filosofia: la difesa della vita 
II. Letteratura e democrazia: l’ipotesi di Derrida 
III. Il primato delle lettere 
IV. Raccontare storie 
V. Lettura e retorica: la cura della parola 
VI. Verso una conclusione 
VII. Il demone della letteratura 
Indice dei nomi 

Biografia dell'autore

Silvano Petrosino (Milano 1955), internazionalmente noto per i suoi studi sulla filosofia di Lévinas e Derrida, è uno dei più apprezzati filosofi italiani. Insegna Teorie della Comunicazione e Antropologia religiosa e media presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Tra le sue numerose pubblicazioni ricordiamo: Visione e desiderio. Sull’essenza dell’invidia (2010), Ripensare il quotidiano (Vita e Pensiero, 2012), Elogio dell’uomo economico (Vita e Pensiero, 2013), Pane e Spirito (Vita e Pensiero, 2015), Il magnifico segno. Comunicazione, esperienza, narrazione (2015), L’idolo. Teoria di una tentazione. Dalla Bibbia a Lacan (2015), Soggettività e denaro. Logica di un inganno (2016), Le fiabe non raccontano favole. Credere nell’esperienza (2017), Emmanuel Lévinas. Le due sapienze (2017).

Avvenire: «Il racconto, esperienza di libertà» (A. Zaccuri)
pubblicato il: 15-11-2017
Articoli che parlano di Contro la cultura:
Non è nient'altro che letteratura... per fortuna!   (Eventi)
In occasione di Bookcity, venerdì 17 novembre chiacchierata "seria, ma non troppo" tra Silvano Petrosino e Giacomo Poretti.
Perché «Contro la cultura»? Il titolo di questo saggio di Silvano Petrosino è volutamente provocatorio, contro il mainstream dell’industria culturale odierna fatta di luoghi comuni: la letteratura si alimenta di pura gratuità, è al servizio della sola bellezza; lo scrittore scrive per se stesso, per dare voce a ciò che viene dal profondo della sua anima… E quest’idea di ‘cultura’ finisce, tra l’altro, per fornire l’alibi perfetto ai tanti che, convincendosi di inseguire il ‘capolavoro’ artistico, scrivono e scrivono solo in cerca di gratificazione e consolazione personale. L’antidoto contro questa cultura che appiattisce l’arte nel momento stesso in cui la innalza su un piedistallo c’è, ed è la letteratura, per fortuna, come appunto continua il titolo del saggio di Petrosino. La letteratura vera, che si rivela un dispositivo ‘drammatico’ e di grande forza rivoluzionaria: una ‘finzione’ che pretende di dare testimonianza alla ‘verità’ più profonda dell’umano. Scoprire come questo accada e quali sublimi strumenti lo rendano possibile è il proposito di Petrosino, che chiama in causa gli scrittori più amati, da Kundera a Nabokov, da Kafka a Singer, e i critici più acuti, da Blanchot a Derrida, a Barthes. L’autentica letteratura non necessariamente incontra il favore dei mercati (e comunque non lo chiede), non cerca la patinata rassegna dei sentimenti, si sporca volentieri le mani nelle profondità più buie delle emozioni, non ha paura di usare l’immaginario e il fantastico in voli altissimi e spericolati. E non si stanca di invitare ogni lettore a cogliere, come chiosa alla perfezione Petrosino, il «vibrare sottile e soave di quella finzione che è uno dei più sorprendenti luoghi in cui la verità umana non cessa di far sentire la sua voce».

News

24.10.2017
Non è nient'altro che letteratura... per fortuna!
In occasione di Bookcity, venerdì 17 novembre chiacchierata "seria, ma non troppo" tra Silvano Petrosino e Giacomo Poretti.
10.11.2017
Sciarpe rosse contro la violenza sulle donne
Il 22 novembre in Università Cattolica dibattito Contro la violenza sulle donne: tutti i partecipanti sono invitati a indossare una sciarpa rossa.
07.11.2017
Bookcity 2017: invito al viaggio
Dal 16 al 19 novembre partecipate al nostro viaggio tra i libri sulle tracce di Ulisse, da quello omerico a quello di Joyce.
25.10.2017
Tutti gli eventi Bookcity Università Cattolica
Dal 16 al 19 novembre incontri, dibatti, proiezioni dentro e fuori i chiostri dell'Università Cattolica di Milano: è l'edizione Bookcity 2017.

Newsletter

* campi obbligatori

Collane

  • Cultura e storia
  • Filosofia morale
  • Grani di senape
  • Le nuove bussole
  • Metafisica e storia della metafisica
  • Punti
  • Relazioni internazionali e scienza politica.ASERI
  • Sestante
  • Studi interdisciplinari sulla famiglia
  • Temi metafisici e problemi del pensiero antico
  • Transizioni
  • Varia. Saggistica
  • Tutte le Collane
Pinterest