Il tuo browser non supporta JavaScript!

Contro la cultura

Contro la cultura
titolo Contro la cultura
sottotitolo La letteratura, per fortuna
autore
argomenti Filosofia Filosofia contemporanea
Lingue e letterature
collana Transizioni, 56
formato Libro
pagine 112
pubblicazione 2017
ISBN 9788834333501
Copertina HD Copertina HD
media voto
5/5 su 1 recensione
 
€ 13,00
Spedito in 3 giorni

Presentazione

Bookcity Milano - 17 novembre, Libreria Vita e Pensiero
 
Disponibile in altri formati:
Contro la cultura. La letteratura, per fortuna Pdf
formato: Ebook | editore: Vita e Pensiero | anno: 2017
Anno: 2017
Contro la letteratura “carina”, contro l’arte come mero passatempo in cui può cimentarsi chiunque, contro l’inganno della cultura mondana, ben diverso dalla “fiction”, contro lo story telling vuoto della politica, un manifesto che difende il valore della letteratura e si domanda: cos’è la letteratura? Perché si scrivono e si pubblicano romanzi e racconti? E ancora: a che cosa serve la letteratura? «In un’epoca come l’attuale, così pronta a riconoscere e a celebrare l’incedere dei vari "post" (postmoderno, post-umano, post-filosofia, più di recente postverità)», scrive Petrosino, «forse l’unico tema che potrebbe ancora suscitare qualche tiepida curiosità è quello della "post-letteratura", una disciplina inesistente ma proprio per questo, come è facile intuire, estremamente interessante».
€ 9,99
Contro la cultura. La letteratura, per fortuna Epub
formato: Ebook | editore: Vita e Pensiero | anno: 2017
Anno: 2017
Contro la letteratura “carina”, contro l’arte come mero passatempo in cui può cimentarsi chiunque, contro l’inganno della cultura mondana, ben diverso dalla “fiction”, contro lo story telling vuoto della politica, un manifesto che difende il valore della letteratura e si domanda: cos’è la letteratura? Perché si scrivono e si pubblicano romanzi e racconti? E ancora: a che cosa serve la letteratura? «In un’epoca come l’attuale, così pronta a riconoscere e a celebrare l’incedere dei vari "post" (postmoderno, post-umano, post-filosofia, più di recente postverità)», scrive Petrosino, «forse l’unico tema che potrebbe ancora suscitare qualche tiepida curiosità è quello della "post-letteratura", una disciplina inesistente ma proprio per questo, come è facile intuire, estremamente interessante».
€ 9,99

Contro la letteratura “carina”, contro l’arte come mero passatempo in cui può cimentarsi chiunque, contro l’inganno della cultura mondana, ben diverso dalla “fiction”, contro lo story telling vuoto della politica, un manifesto che difende il valore della letteratura e si domanda: cos’è la letteratura? Perché si scrivono e si pubblicano romanzi e racconti? E ancora: a che cosa serve la letteratura? «In un’epoca come l’attuale, così pronta a riconoscere e a celebrare l’incedere dei vari "post" (postmoderno, post-umano, post-filosofia, più di recente postverità)», scrive Petrosino, «forse l’unico tema che potrebbe ancora suscitare qualche tiepida curiosità è quello della "post-letteratura", una disciplina inesistente ma proprio per questo, come è facile intuire, estremamente interessante».

Quarta di copertina

Perché «Contro la cultura»? Il titolo di questo saggio di Silvano Petrosino è volutamente provocatorio, contro il mainstream dell’industria culturale odierna fatta di luoghi comuni: la letteratura si alimenta di pura gratuità, è al servizio della sola bellezza; lo scrittore scrive per se stesso, per dare voce a ciò che viene dal profondo della sua anima… E quest’idea di ‘cultura’ finisce, tra l’altro, per fornire l’alibi perfetto ai tanti che, convincendosi di inseguire il ‘capolavoro’ artistico, scrivono e scrivono solo in cerca di gratificazione e consolazione personale. L’antidoto contro questa cultura che appiattisce l’arte nel momento stesso in cui la innalza su un piedistallo c’è, ed è la letteratura, per fortuna, come appunto continua il titolo del saggio di Petrosino. La letteratura vera, che si rivela un dispositivo ‘drammatico’ e di grande forza rivoluzionaria: una ‘finzione’ che pretende di dare testimonianza alla ‘verità’ più profonda dell’umano. Scoprire come questo accada e quali sublimi strumenti lo rendano possibile è il proposito di Petrosino, che chiama in causa gli scrittori più amati, da Kundera a Nabokov, da Kafka a Singer, e i critici più acuti, da Blanchot a Derrida, a Barthes. L’autentica letteratura non necessariamente incontra il favore dei mercati (e comunque non lo chiede), non cerca la patinata rassegna dei sentimenti, si sporca volentieri le mani nelle profondità più buie delle emozioni, non ha paura di usare l’immaginario e il fantastico in voli altissimi e spericolati. E non si stanca di invitare ogni lettore a cogliere, come chiosa alla perfezione Petrosino, il «vibrare sottile e soave di quella finzione che è uno dei più sorprendenti luoghi in cui la verità umana non cessa di far sentire la sua voce».

Indice testuale

Introduzione 
I. Letteratura e filosofia: la difesa della vita 
II. Letteratura e democrazia: l’ipotesi di Derrida 
III. Il primato delle lettere 
IV. Raccontare storie 
V. Lettura e retorica: la cura della parola 
VI. Verso una conclusione 
VII. Il demone della letteratura 
Indice dei nomi 

Biografia dell'autore

Silvano Petrosino (Milano 1955), internazionalmente noto per i suoi studi sulla filosofia di Lévinas e Derrida, è uno dei più apprezzati filosofi italiani. Insegna Teorie della Comunicazione e Antropologia religiosa e media presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Tra le sue numerose pubblicazioni ricordiamo: Visione e desiderio. Sull’essenza dell’invidia (2010), Ripensare il quotidiano (Vita e Pensiero, 2012), Elogio dell’uomo economico (Vita e Pensiero, 2013), Pane e Spirito (Vita e Pensiero, 2015), Il magnifico segno. Comunicazione, esperienza, narrazione (2015), L’idolo. Teoria di una tentazione. Dalla Bibbia a Lacan (2015), Soggettività e denaro. Logica di un inganno (2016), Le fiabe non raccontano favole. Credere nell’esperienza (2017), Emmanuel Lévinas. Le due sapienze (2017).

ha scritto:
Voto:
inserito: 06.02.2018 16:09
Che cos’è la letteratura? Perché si scrivono e si pubblicano romanzi e racconti? E ancora: a che cosa serve la letteratura?
È da questi interrogativi che è partito Silvano Petrosino, uno dei più noti filosofi italiani, per scrivere “Contro la cultura”, un manifesto che difende il valore della letteratura, quella vera.
L’autore nel suo saggio cerca di essere il più provocatorio possibile, andando contro il mainstream dell’industria culturale odierna fatta di luoghi comuni: ”la letteratura si alimenta di pura gratuità, è al servizio della pura bellezza; lo scrittore scrive per se stesso, per dar voce a ciò che viene dalla sua anima”… Quest’idea di cultura finisce per fornire l’alibi perfetto ai tanti che, convincendosi di inseguire un “capolavoro” artistico, scrivono e scrivono solo in cerca di gratificazione e consolazione personale.
Nel libro Petrosino dice che il vero artista «non sta mai dietro al suo pubblico, ma davanti. È soltanto il mediocre che cerca di coglierne i gusti».
Per questo motivo l’autore spiega di non sopportare più tutti i libri e la gran parte dei film italiani che sfruttano l’onda mediatica sull’immigrazione. Né tutte queste fiction «basate su una storia vera». Quello che ci perdiamo, in questa liturgia dei luoghi comuni celebrata ogni sera in tv, è semplicemente «la verità dell’umano. Circola, e spesso noi stessi l’abbiamo di noi, una concezione caricaturale di cos’è l’uomo».
L’uomo – continua Petrosino - «ha sempre mentito a se stesso, ma in una società di massa, in una società digitale come la nostra questa menzogna diventa esponenziale, circola dappertutto» in pochi istanti, con un «effetto chiacchiera» che solleva una cortina di rumore che mantiene l’essenziale costantemente celato.
Il saggio cerca di essere un appello a tutti, un richiamo che spinga le persone a tornare alla Letteratura, andando quindi contro l’inganno della cultura mondana e contro lo story telling vuoto della politica.
L'Eco di Bergamo: È l'ora di un Campari con il filosofo Petrosino (V. Guercio)
pubblicato il: 16-02-2018
La Repubblica Milano:Da Leonardo al Moplen la cultura milanese ha un'anima politecnica (A. Calabrò)
pubblicato il: 15-02-2018
La Repubblica Milano:Tanti semi vanno gettati per stimolare interessi e far crescere la cultura (A. R. Shammah)
pubblicato il: 11-02-2018
La Repubblica: Il coraggio di essere meno tranquillizzanti e più sperimentali (G.Frangi)
pubblicato il: 06-02-2018
La Repubblica: la sfida è andare oltre lo stucchevole dibattito tra cultura alta e bassa (F. Bolelli)
pubblicato il: 04-02-2018
La Repubblica: la leggerezza ci vuole ma si deve investire sui progetti duraturi (E. De Capitani)
pubblicato il: 01-02-2018
La Repubblica: Contro gli snob format innovativi per nuovi pubblici (O. Ponte Di Pino)
pubblicato il: 31-01-2018
InBlu Radio: Petrosino «Contro la cultura. La letteratura» (S. Degli Abbati)
pubblicato il: 20-11-2017
Avvenire: «Il racconto, esperienza di libertà» (A. Zaccuri)
pubblicato il: 15-11-2017
L'Eco di Bergamo: Per Elisa? È una suoneria (C. Dignola)
pubblicato il: 12-11-2017
Articoli che parlano di Contro la cultura:
Contro la cultura... la letteratura: libro-quiz!   (Novità)
Amate la letteratura? Mettetevi alla prova con il libro-quiz ispirato al libro di Silvano Petrosino, "Contro la cultura. La letteratura, per fortuna".
Contro la cultura a Bergamo   (Eventi)
Il 16 febbraio Giuliano Zanchi presenta a Bergamo "Contro la cultura", l’ultimo libro di Silvano Petrosino, in compagnia dell’autore.
Non è nient'altro che letteratura... per fortuna!   (Eventi)
In occasione di Bookcity, venerdì 17 novembre chiacchierata "seria, ma non troppo" tra Silvano Petrosino e Giacomo Poretti.
Perché «Contro la cultura»? Il titolo di questo saggio di Silvano Petrosino è volutamente provocatorio, contro il mainstream dell’industria culturale odierna fatta di luoghi comuni: la letteratura si alimenta di pura gratuità, è al servizio della sola bellezza; lo scrittore scrive per se stesso, per dare voce a ciò che viene dal profondo della sua anima… E quest’idea di ‘cultura’ finisce, tra l’altro, per fornire l’alibi perfetto ai tanti che, convincendosi di inseguire il ‘capolavoro’ artistico, scrivono e scrivono solo in cerca di gratificazione e consolazione personale. L’antidoto contro questa cultura che appiattisce l’arte nel momento stesso in cui la innalza su un piedistallo c’è, ed è la letteratura, per fortuna, come appunto continua il titolo del saggio di Petrosino. La letteratura vera, che si rivela un dispositivo ‘drammatico’ e di grande forza rivoluzionaria: una ‘finzione’ che pretende di dare testimonianza alla ‘verità’ più profonda dell’umano. Scoprire come questo accada e quali sublimi strumenti lo rendano possibile è il proposito di Petrosino, che chiama in causa gli scrittori più amati, da Kundera a Nabokov, da Kafka a Singer, e i critici più acuti, da Blanchot a Derrida, a Barthes. L’autentica letteratura non necessariamente incontra il favore dei mercati (e comunque non lo chiede), non cerca la patinata rassegna dei sentimenti, si sporca volentieri le mani nelle profondità più buie delle emozioni, non ha paura di usare l’immaginario e il fantastico in voli altissimi e spericolati. E non si stanca di invitare ogni lettore a cogliere, come chiosa alla perfezione Petrosino, il «vibrare sottile e soave di quella finzione che è uno dei più sorprendenti luoghi in cui la verità umana non cessa di far sentire la sua voce».

News

18.04.2018
Premio Res Magnae 2018: vince Malavasi
Pierluigi Malavasi vince il prestigioso premio Res Magnae con il saggio "Scuole, lavoro!". Sabato a Roma la premiazione ufficiale.
13.04.2018
Contro la cultura... la letteratura: libro-quiz!
Amate la letteratura? Mettetevi alla prova con il libro-quiz ispirato al libro di Silvano Petrosino, "Contro la cultura. La letteratura, per fortuna".
11.04.2018
Saperi in dialogo. Quale ruolo per la teologia?
Lunedì 23 aprile Massimo Cacciari e Angelo Scola ospiti d'onore in Università per la presentazione del volume "Ordo Sapientiae".
22.03.2018
La grande guerra cent'anni dopo
Il 13 aprile a Pistoia presentazione del saggio "La Grande Guerra. Storie e parole di giustizia" curato da Alessandro Provera e Gabrio Forti.

Newsletter

* campi obbligatori

Collane

  • Cultura e storia
  • Filosofia morale
  • Grani di senape
  • Le nuove bussole
  • Metafisica e storia della metafisica
  • Punti
  • Relazioni internazionali e scienza politica.ASERI
  • Sestante
  • Studi interdisciplinari sulla famiglia
  • Temi metafisici e problemi del pensiero antico
  • Transizioni
  • Varia. Saggistica
  • Tutte le Collane
Pinterest