Il tuo browser non supporta JavaScript!

Diritti umani e identità religiosa

Sconto
15%
Diritti umani e identità religiosa
titolo Diritti umani e identità religiosa
sottotitolo Islam e Cristianesimo in Medio Oriente: un profilo storico giuridico
autori ,
argomenti Politica
collana Relazioni internazionali e scienza politica. ASERI, 50
formato Libro
pagine 168
pubblicazione 2013
ISBN 9788834326381
Scrivi un commento per questo prodotto
 
Promozione valida fino al 30/06/2018
€ 16,00 € 13,60
Spedito in 3 giorni
Il fattore identitario religioso è sempre stato elemento determinante e discriminante nei processi di formazione degli ordinamenti politici e giuridici. La storia dell’Europa, dalla fine del Medioevo all’epoca moderna e contemporanea, testimonia il processo di nascita delle nazioni e della rule of law attraverso una progressiva, inesorabile, e sovente conflittuale, espulsione del fattore religioso dagli architravi portanti i presupposti etici normativi dello Stato. Con il termine della Guerra Fredda diversi autori si sono avventurati nella previsione della fine dei fattori identitari degli Stati, in virtù dell’avvento di una nuova ‘età dell’oro’ all’insegna dei principi della democrazia e dei diritti umani nella scia del formidabile processo di globalizzazione delle istituzioni politiche. Gli eventi degli ultimi due decenni paiono smentire tale profezia. La storia degli ordinamenti giuridici più recenti non può infatti ignorare la reviviscenza strutturale di fattori identitari quali la religione, la lingua, l’appartenenza etnica, che concorrono in misura determinante a ostacolare i processi di internazionalizzazione dei diritti umani.
È questo il caso topico del mondo arabo islamico, dove ai violenti sconvolgimenti dell’assetto politico di numerosi Stati, precedenti e successivi alla Primavera araba, si accompagna una netta conferma della religione islamica quale unico – e non di rado discriminante – fondamento etico, giuridico e normativo delle libertà fondamentali della persona negli ordinamenti nazionali e sovranazionali. La ricostruzione storica del processo di riconoscimento dei diritti umani, e della libertà religiosa delle comunità cristiane in particolare, negli Stati di fede islamica in Medio Oriente conferma come la concezione universalista dei diritti umani non abbia ad oggi risolto armoniosamente il suo confronto con il delicato e ineludibile tema della libertà religiosa nella sfera dello spazio pubblico.

Biografia degli autori

Valentina Colombo è ricercatrice di Storia dei Paesi islamici presso l’Università Europea di Roma e Senior Fellow presso la European Foundation for Democracy di Bruxelles. Dopo essersi laureata in Lingua e letteratura araba all’Università Cattolica di Milano, ha conseguito il dottorato di ricerca in Islamistica presso l’Istituto Orientale di Napoli. Ha insegnato all’Università di Bologna, Ravenna e Viterbo. I suoi ambiti di ricerca principali sono i processi di democratizzazione in Medio Oriente e la condizione della donna e degli intellettuali liberali nel mondo islamico. Collabora regolarmente con l’agenzia cattolica Zenit. Ha scritto numerosi saggi e articoli sul mondo islamico. È anche la traduttrice ufficiale italiana del Premio Nobel Nagib Mahfuz e di autori della letteratura araba classica e contemporanea. È membro del Comitato per l’islam italiano presso il Ministero dell’Interno.

Luca Galantini insegna Storia del Diritto moderno all’Università Europea di Roma. Specializzato in Diritto internazionale umanitario e dei conflitti armati è docente di Regimi internazionali presso l’Università Cattolica di Milano e l’Alta Scuola di Economia e Relazioni Internazionali dello stesso ateneo. Ha insegnato presso l’Università Jagellonica di Cracovia in Polonia, l’Università di Turku in Finlandia e l’Università di Mostar in Bosnia-Erzegovina. Consigliere Esperto del Ministero degli Affari Esteri, ha partecipato ai programmi di nation-building della Bosnia- Erzegovina per il settore delle riforme legislative. In qualità di consulente giuridico del governo italiano ha partecipato ai lavori del Trattato di Lisbona della UE. Ha diretto il programma della Commissione Europea Prisnet per la prevenzione del radicalismo e del terrorismo religioso negli Stati balcanici in adesione alla UE. Per Vita e Pensiero ha pubblicato La tutela delle identità culturali in Europa (2008) e Relativismo giuridico. La crisi del diritto positivo nello Stato moderno (2011).

Informazioni aggiuntive

Prima ristampa: marzo 2017

News

30.05.2018
Lettura politica: 15% di sconto fino al 30 giugno
In occasione della Festa della Repubblica una selezione di titoli che raccontano la politica in promozione a -15% sul nostro sito.
08.05.2018
Le relazioni necessarie: lavoratori e cittadini
Diritti, doveri e futuro della nostra società partendo dal lavoro: intervista alla sociologa Rosangela Lodigiani, autrice del libro "Lavoratori e cittadini".
26.04.2018
Gli insegnanti in Italia: radiografia di una professone
Intervista a Maddalena Colombo, sociologa dei processi culturali, e autrice di un libro che racconta gli insegnati di oggi, tra difficoltà e ideali.
13.06.2018
Una guerra che ha ancora qualcosa da dire
Sono passati 100 anni dalla fine della Grande Guerra, una stratificazione di racconti i cui esiti si ripercuotono ancora sul presente: la recensione di una studentessa del Liceo Classico Legnani.

Newsletter

* campi obbligatori

Collane

  • Cultura e storia
  • Filosofia morale
  • Grani di senape
  • Le nuove bussole
  • Metafisica e storia della metafisica
  • Punti
  • Relazioni internazionali e scienza politica.ASERI
  • Sestante
  • Studi interdisciplinari sulla famiglia
  • Temi metafisici e problemi del pensiero antico
  • Transizioni
  • Varia. Saggistica
  • Tutte le Collane
Pinterest