Il tuo browser non supporta JavaScript!

Ennio Sandal

Libri dell'autore

Il Cardinale Cristoforo Madruzzo e la stampa a Trento, 1549-1563 digital
formato: Articolo | AEVUM - 2007 - 3
Anno: 2007
Dato che la stampa si era dimostrata uno strumento idoneo alla propagazione di idee religiose, si ritenne importante che nella città sede del concilio generale, convocato per sanare i dissidi sorti nella Chiesa dopo la riforma, si esercitasse la tipografia. Trento purtroppo ne era in quel momento sprovvista. Il principe vescovo Cristoforo Madruzzo (1512-1578) intraprese dei passi per richiamare in città uno stampatore, Nicolò Bevilacqua da Termenago attivo a Venezia: ma il tentativo in prossimità del secondo periodo conciliare fallì. Fallì anche, alla vigilia della terza fase del Concilio, un secondo tentativo con Francesco Moscheni da Bergamo che teneva bottega a Milano. L’esistenza della tipografia ebraica di Jacob Marcaria a Riva del Garda fornì un utile supporto durante le ultime sessioni conciliari.
€ 6,00
L’introduzione della stampa nel nuovo mondo, 1539 e 1584 digital
formato: Articolo | AEVUM - 2005 - 3
Anno: 2005
La normalizzazione delle colonie americane secondo i costumi europei indusse le autorità civili e religiose spagnole a favorire l’introduzione della stampa nei territori da poco conquistati. Una prima editoria fu promossa dagli ordini mendicanti (francescani, domenicani, agostiniani) allo scopo di evangelizzare i nativi e sostenere l’istruzione scolastica di primo grado. La fondazione dell’università di Messico a metà secolo aprì la strada a altri indirizzi editoriali. La presenza dei Gesuiti in Perù e nella Nuova Spagna sollecitò la pubblicazione di libri di testo destinati all’insegnamento superiore come avveniva per i collegi gesuitici in Europa, favorendo uno sviluppo interessante dell’arte tipografica nel Nuovo Mondo.
€ 6,00
Uomini, lettere e torchi a Brescia nel primo Cinquecento digital
formato: Articolo | AEVUM - 2003 - 3
Anno: 2003
Nel panorama storico dell’editoria bresciana significativi appaiono i periodi della tipografia umanistica quattrocentesca e della stampa a servizio della Controriforma dalla metà del Cinquecento fino alla peste del 1630. I primi decenni del secolo XVI sono, invece, contraddistinti da difficoltà oggettive e rappresentano un periodo di transizione. Gli annali tipografici di quei dieci lustri sono qui analizzati per scoprire, anche in un momento di riflusso, vitalità di pensiero e intraprendenza mercantile nel mondo del libro che confermano centralità e importanza della città lombarda, data la sua posizione privilegiata tra Venezia e Milano.
€ 6,00
Recensioni - Articolo 6 digital
formato: Articolo | AEVUM - 2001 - 3
Anno: 09/2001
€ 6,00
Recensioni - Articolo 1 digital
formato: Articolo | AEVUM - 1997 - 3
Anno: 09/1997
€ 1,00
 

News

17.02.2020
Il lettore nell'epoca digitale
Dal 2 al 16 marzo un ciclo di incontri dedicato al lettore al Palazzo Ducale di Genova con Petrosino, Esquirol, Ossola, Affinati, Sequeri. Tolentino.
14.02.2020
La fuga dei cervelli nel mondo antico
Una storia raccolta nel volume "Migranti e lavoro qualificato nel mondo antico": intervista ai curatori Cinzia Bearzot, Franca Landucci e Giuseppe Zecchini.
14.02.2020
Google ci rende meno liberali?
Anteprima del saggio di Sonia Lucarelli che analizza fondamenta, evoluzione e crisi dell’ordine liberale di fronte alle nuove sfide: digitale in primis.
06.02.2020
George Steiner: un incontro indimenticabile
Il 3 febbraio si è spento il grande critico Steiner, nostro ospite nel 2012 per "Il libro dei libri".

Newsletter

* campi obbligatori

Collane

  • Cultura e storia
  • Filosofia morale
  • Grani di senape
  • Le nuove bussole
  • Metafisica e storia della metafisica
  • Pagine prime
  • Punti
  • Relazioni internazionali e scienza politica.ASERI
  • Sestante
  • Studi interdisciplinari sulla famiglia
  • Temi metafisici e problemi del pensiero antico
  • Transizioni
  • Varia. Saggistica
  • Scopri le altre Collane