Libri di Federica Villa - libri Vita e Pensiero

Federica Villa

Libri dell'autore

Autoritrattistica Osama bin Laden. Gesto, clonazione, impersonale digital
formato: Articolo | COMUNICAZIONI SOCIALI - 2012 - 3. L'impulso autoetnografico. Radicamento e riflessività nell'era intermediale
Anno: 2012
RIASSUNTO Due immagini. La prima: il video di bin Laden che, nel rifugio di Abbottabad, si guarda in uno schermo televisivo con una coperta sulle spalle, osservato mentre si osserva. La seconda: la fotografia del (falso) primo piano del suo volto tumefatto, elevato a reliquia post mortem nei giorni immediatamente successivi alla sua eliminazione. A partire da queste due immagini, che segnano le ultime tappe di una fitta parabola iconica, il presente intervento si propone di studiare la dimensione autoritrattistica dell’immagine di bin Laden. Da una parte la sottrazione del corpo: la latitanza in vita, l’occultamento della salma dopo l’uccisione; dall’altra, all’opposto, la sua sovraesposizione mediatica, deriva pandemica del terrore, che lavora clonando immagini e gesti autoritrattistici in un ambiente intermediale. In sintesi, l’idea che le immagini con cui Osama bin Laden si è rappresentato per tutto il decennio scorso siano avvertite come presenze vicarie di un corpo in absentia, secondo criteri di autodocumentazione che spingono a valutare interscambiabilità e modificabilità come indicatori di una vocazione all’impersonale propria dell’autoritrattistica contemporanea. SUMMARY Two images. The first one: the video with bin Laden who, inside the Abbott a bad shelter, watches himself on a Tv screen, with a blanket around his shoulders, being observed while he’s observing himself. The second one: the (fake) close-up photograph of his black-and-blue face, lifted to a post mortem relic during the days after his elimination. Starting with these two images, which set the last stage of a dense iconic parable, this article aims to study bin Laden’s dimension of self-portraying. On the one hand, the embezzlement of the body: a life of hiding, and the concealment of the body after his killing; on the other hand, on the opposite, his media overexposure, his drift towards pandemic terror, which works by cloning images and self-portraying gestures in an intermedial environment. In synthesis: the idea that the images with which Osama bin Laden showed himself throughout the last decade are perceived as substitute presences of a body in absentia, according to criteria of self-documentation which cause us to evaluate interchangeability and modifiability as indicators of a vocation oriented toward an impersonal dimension, typical of contemporary self- portraiture.
€ 6,00
Visualizzare la diva. «La donna del fiume»: qualche appunto sull’attrice diva nel paesaggio d’acqua digital
formato: Articolo | COMUNICAZIONI SOCIALI - 2007 - 2. Genere e generi. Figure femminili nell'immaginario cinematografico italiano
Anno: 2007
The reconstruction of the screenplay evolution of Mario Soldati’ La donna del fiume offers a classic example of the process of mediation between authorial, productive and cultural instances from which the film script originates. In particular, the analysis shows the results of the censorial pressure concerning the staging of women on his film and, more generally, on the definition of a new model of female star. Even when apparently exercised on other elements of the film, the interventions reveal a containment of the female character, granting a larger diegetic space while respecting the visual (and cultural) standard of representation of women.
€ 6,00
Filologia dei generi e processi di riscrittura. Scarti e varianti nelle storie de "Il bandito" di Alberto Lattuada (1945-1954) digital
formato: Articolo | COMUNICAZIONI SOCIALI - 2002 - 2. TERRITORI DI CONFINE
Anno: 2002
€ 6,00
Le lien vocal. Le spectateur "a récoute" de la comédie italienne des années Cinquante digital
formato: Articolo | COMUNICAZIONI SOCIALI - 2001 - 2. AL CINEMA. SPETTATORE, SPETTATORI, PUBBLICO
Anno: 2001
€ 6,00
La commedia e il suo oltre. Dialogo tra un modello narrativo e il suo tempo digital
formato: Articolo | COMUNICAZIONI SOCIALI - 1997 - 4
Anno: 1997
€ 6,00
Nel territorio della voce. Per uno studio della voce narrante nel cinema popolare degli anni Cinquanta digital
formato: Articolo | COMUNICAZIONI SOCIALI - 1995 - 2-3. CINEMA E CULTURA POPOLARE NELL'ITALIA ANNI CINQUANTA
Anno: 1995
€ 6,00
 

News

06.05.2021
Giovani e pandemia
Venerdì 14 maggio a Padova presentazione del libro "Niente sarà più come prima" curato da Paola Bignardi e don Stefano Didonè
06.05.2021
Madre è chi cura: la storia di Eva Feder Kittay
In "La cura dell'amore" c’è la testimonianza in prima persona dell’autrice, il racconto del suo essere madre.
05.05.2021
La porta dell’autorità
Anteprima del nuovo libro di Magatti e Martinelli, "La porta dell’autorità", dedicato ai padri, alle madri, ai maestri, a chi guida e apre le future generazioni.
04.05.2021
Le mamme e il magnifico segreto
Per la festa della mamma condividiamo un piccolo estratto dal libro "Generare è narrare" di Sonnet, dedicato al "magnifico segreto".

Newsletter

* campi obbligatori

Collane

  • Cultura e storia
  • Filosofia morale
  • Grani di senape
  • Le nuove bussole
  • Metafisica e storia della metafisica
  • Pagine prime
  • Punti
  • Relazioni internazionali e scienza politica.ASERI
  • Sestante
  • Studi interdisciplinari sulla famiglia
  • Temi metafisici e problemi del pensiero antico
  • Transizioni
  • Varia. Saggistica
  • Scopri le altre Collane

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Chiudendo questo avviso, navigando in questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Acconsento