Libri di Francesco Zucconi - libri Vita e Pensiero

Francesco Zucconi

Libri dell'autore

Il poeta, il flâneur, il veggente. Note per un’archeologia della riflessività intermediale digital
formato: Articolo | COMUNICAZIONI SOCIALI - 2012 - 3. L'impulso autoetnografico. Radicamento e riflessività nell'era intermediale
Anno: 2012
RIASSUNTO L’articolo si propone di rintracciare nella riflessione estetica tra Ottocento e Novecento – nel campo teoricoartistico che James Clifford ha definito ‘surrealismo etnografico’ – alcuni tratti costitutivi della riflessività dello sguardo moderno, utili a comprendere quel legame tra autobiografia ed etnografia che caratterizza i più interessanti esperimenti del cinema intermediale. Ripercorrendo le figure concettuali del poeta baudelairiano, del flâneur benjaminiano e del veggente di Arthur Rimbaud, si arriva alla teoria del cinema moderno di Gilles Deleuze, dove la riflessività e l’efficacia dello sguardo sono concettualizzate nei termini di una funzione di veggenza. Attraverso Deleuze, si cerca di comprendere in che modo l’attitudine riflessiva del soggetto moderno si sia tradotta nelle forme del discorso filmico: dal Neorealismo all’antropologia visiva di Jean Rouch. Alla fine del percorso, si fa ritorno al panorama artistico e cinematografico contemporaneo dove la tensione tra scrittura del sé e scrittura dell’altro sembra riprodursi nella figura del regista sulla scena e nelle forme del montaggio intermediale. SUMMARY This article aims to track down among the aesthetic reflections of the nineteenth and twentieth century – within the theoretical-artistic field which James Clifford defined ‘ethnographic surrealism’ – some constitutive passages of the reflexivity of the modern view, useful to understand the bond between autobiography and ethnography which characterizes the most interesting experiments of movie making in the age of intermediality. Going through the conceptual poetic images of Baudelaire, Benjamin’s flâneur and Arthur Rimbaud’s seer, we arrive at the modern cinema theories of Gilles Deleuze, where reflexivity and the effectiveness of the gaze are characterized by a chairvoyance skill. Through Deleuze, it is explained how the self-reflexivity of modern subjects gets translated into movies: from Neorealism to the visual anthropology of Jean Rouch.
€ 6,00
 

News

20.10.2021
Dante in conclave in Università Cattolica
Mercoledì 3 novembre alle ore 17.00 presentazione del libro di Gian Luca Potestà "Dante in conclave. La Lettera ai cardinali".
05.10.2021
Voci dalle periferie per una nuova Milano
Come ripartire dalle periferie? Ne abbiamo parlato insieme a Marisa Musaio, curatrice del recente volume "Ripartire dalla città".
06.10.2021
La metafisica diventa piccola e illumina l’umano
Intervista a Silvano Petrosino, il filosofo autore di "Piccola metafisica della luce. Una teoria dello sguardo".
05.10.2021
Maryanne Wolf a Milano
Maryanne Wolf torna a Milano il 25 ottobre in occasione dei cento anni dell'Università Cattolica.

Newsletter

* campi obbligatori

Collane

  • Cultura e storia
  • Filosofia morale
  • Grani di senape
  • Le nuove bussole
  • Metafisica e storia della metafisica
  • Pagine prime
  • Punti
  • Relazioni internazionali e scienza politica.ASERI
  • Sestante
  • Studi interdisciplinari sulla famiglia
  • Temi metafisici e problemi del pensiero antico
  • Transizioni
  • Varia. Saggistica
  • Scopri le altre Collane

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo avviso, navigando in questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Acconsento