Il tuo browser non supporta JavaScript!

Gustavo Bontadini

Gustavo Bontadini
autore
Vita e Pensiero
Gustavo Bontadini (1903-1990) fu nel 1921 fra i primi allievi dell’Università Cattolica, ov’ebbe per per maestri Emilio Chiocchetti, Agostino Gemelli, Amato Masnovo, Francesco Olgiati, Giuseppe Zamboni e dove si laureò nel 1925 con una tesi sulla La metafisica dell’esperienza. Ebbe ben presto incarichi di insegnamento nella stessa Università e poi in quella di Urbino e nella Statale di Milano. Nel 1949 vinse il concorso per l’ordinariato e fu chiamato alla cattedra di Filosofia teoretica dell’Università di Pavia, da dove nel 1951 fu chiamato per la stessa disciplina nell’Università Cattolica e qui insegnò sino al 1978. Fu membro effettivo dell’Istituto Lombardo di Scienze e Lettere e socio corrispondente dell’Accademia Nazionale dei Lincei.
Condividi:

Libri dell'autore

Studi di filosofia moderna
formato: Libro | editore: Vita e Pensiero | anno: 1996 | pagine: 476
Anno: 1996
I saggi di cui l’opera si compone mostrano l’efficace presenza di questo «dualismo gnoseologico» in ciascuno dei principali pensatori del periodo che si stende fra Cartesio e Kant. Oltre ai due suddetti filosofi vengono così indagati, in studi pregevolissimi per finezza e penetrazione d’analisi, tutti i grandi maestri del pensiero moderno: Bacone, Malebranche, Spinoza, Hobbes, Locke, Leibniz, Berkeley, Hume.
€ 43,00
Appunti di filosofia
formato: Libro | editore: Vita e Pensiero | anno: 1996 | pagine: 320
Anno: 1996
L’acume teoretico di Bontadini e la forza dei dibattiti da lui suscitati emergono da queste...
€ 20,00
Dal problematicismo alla metafisica
formato: Libro | editore: Vita e Pensiero | anno: 1996 | pagine: 232
Anno: 1996
Questo volume (già edito da Marzorati, Milano 1952) rappresenta la conclusione della valutazione bontadiniana del significato del pensiero moderno, svolta nei precedenti lavori a carattere storiografico. Si tratta di una valutazione dialettica, nel senso che essa riconosce al pensiero moderno un intrinseco valore filosofico, non però come sintesi definitiva, ma come momento di trapasso e di preparazione ideale ad una diversa sintesi, rappresentata dalla metafisica dell’essere. In particolare il merito del pensiero moderno è di aver elaborato il concetto di Unità dell’Esperienza, ossia dell’Unità attuale di tutto ciò che è immediatamente dato, come punto di partenza della mediazione metafisica. Certo, l’Unità dell’Esperienza non è sempre stata intesa in modo adeguato. Inizialmente essa ha dato luogo alla figura del dualismo gnoseologico, superato poi dall’idealismo nell’affermazione dell’identità dell’essere e del pensiero e nella proclamazione dell’assolutezza e intrascendibilità dell’Unità dell’Esperienza. Con il problematicismo si ha infine l’abbandono di questa pretesa assolutezza, abbandono che costituisce la premessa alla ripresa della metafisica. Il volume si chiude con la proposta di un nuovo itinerario alla metafisica classica che fa leva sul Principio di Parmenide, il quale afferma “l’impossibilità che l’essere sia originariamente limitato dal non essere”, donde la necessità del trascendimento del divenire. Questa collocazione del fondamento della metafisica dell’essere in Parmenide, a monte quindi della filosofia di Platone e Aristotele, rappresenta nella proposta metafisica di Bontadini un motivo particolare interesse teoretico e culturale, aperto ad ulteriori sviluppi.
€ 18,00
Dall'attualismo al problematicismo
formato: Libro | editore: Vita e Pensiero | anno: 1996 | pagine: 424
Anno: 1996
“Costatando che la filosofia contemporanea è giunta a quel bivio che abbiamo determinato(fondare...
€ 32,00
Saggio di una metafisica dell'esperienza
formato: Libro | editore: Vita e Pensiero | anno: 1995 | pagine: 272
Anno: 1995
Nella sua forma definitiva, ma pur sempre incompleta, questo Saggio fu pubblicato nel 1938 segnando un passaggio decisivo nella rinascente tradizione metafisica del nostro pensiero filosofico. Sin dalle prime battute, il Saggio è infatti rivolto proprio alla domanda metafisica: domanda sul senso, sul valore, sulla razionalità ultima della vita. E tuttavia come tentare una risposta se non andando a fondo nella struttura stessa del domandare? Con questo motivo a ritroso, Bontadini si colloca ad un tempo nell’alveo del pensiero moderno e ne riconosce il punto metodologico di rigore: l’attenzione all’orizzonte della coscienza, quale primalità indubitabile del pensiero, costituisce in definitiva la via per una fondazione metodologica della stessa domanda sull’essere. Se l’orizzonte unitario dell’esperienza è in tal senso intrascendibile, l’analisi delle sue condizioni strutturali è comunque essenziale per la posizione e per la risoluzione di ogni problema filosofico. E, proprio col portare a fondo l’analisi dell’orizzonte coscienziale, Bontadini tradurrà poi in rigorosa soluzione la stessa questione della trascendenza: l’idea dell’assoluto, quale originario riferimento della vita coscienziale, si manifesterà in definitiva come la condizione ineliminabile per il pensiero dell’essere e del suo divenire, permettendo da ultimo lo stesso approdo all’asserto teologico. Sin dall’inizio l’opera di Bontadini si segnala così come un alto punto di mediazione fra tradizione classica e tradizione moderna costituendo – alla pari di quanto accadeva in Belgio con l’opera di Maréchal – un crocevia decisivo nel rinnovamento del pensiero d’ispirazione cristiana.
€ 21,00
Studi sull'idealismo
formato: Libro | editore: Vita e Pensiero | anno: 1995 | pagine: 320
Anno: 1995
Nell’itinerario speculativo di Bontadini il confronto critico con l’idealismo (in particolare con l’attualismo gentiliano) ha avuto un peso determinante. Sotto il profilo metodologico egli ha sempre affermato la fondamentale validità di questo orientamento filosofico, ed anzi ha considerato tale affermazione come il punto di partenza obbligato per qualsiasi tentativo di riproporre in epoca contemporanea il nucleo di verità contenuto nella metafisica classica. D’altra parte, poiché l’idealismo stesso tende a misconoscere la natura genuinamente metodologica del proprio contributo – consistente essenzialmente nel rifiuto di ogni forma di realismo dogmatico – e a configurarsi come un sistema metafisico di immanenza, il confronto critico che il sostenitore della metafisica classica istituisce con la filosofia idealistica ha al tempo stesso l’intento di condurre quest’ultima verso la sua piena autenticazione. Apparso per la prima volta nel 1942 ma composto per intero da scritti elaborati anteriormente al celebre passaggio “dall’attualismo al problematicismo” operato da U. Spirito, questo libro si caratterizza rispetto alle successive opere di Bontadini per il tentativo, che in quelle non verrà più ripreso, di ricavare immediatamente l’affermazione della trascendenza dell’Assoluto dal rilevamento delle contraddizioni insite nella pretesa dell’idealismo di valere sul piano ontico e non solo su quello metodologico. Estremamente interessante e suggestiva, la prospettiva di fondo alla quale si ispirano queste pagine risulterà pertanto nuova agli occhi di chi ha costruito la propria conoscenza del pensiero di Bontadini basandosi sui testi dell’età matura.
€ 25,00
Tomo I-II Conversazioni di metafisica
formato: Libro | editore: Vita e Pensiero | anno: 1995 | pagine: 752
Anno: 1995
Fra tutte le opere di Gustavo Bontadini questa è forse la più idonea ad offrire una veduta...
€ 49,00
Ricordo di mons. Francesco Olgiati digital
formato: Articolo | VITA E PENSIERO - 1982 - 5
Anno: 1982
€ 4,00
Nel trigesimo dell'aborto digital
formato: Articolo | VITA E PENSIERO - 1981 - 10
Anno: 1981
€ 4,00
Religione e ragione digital
formato: Articolo | VITA E PENSIERO - 1980 - 7-8
Anno: 1980
€ 4,00
Il teorema di Amendola digital
formato: Articolo | VITA E PENSIERO - 1979 - 12
Anno: 1979
€ 4,00
Nostalgia dell'eterno digital
formato: Articolo | VITA E PENSIERO - 1979 - 4
Anno: 1979
€ 4,00
Fede, scienza, cultura in una università cattolica digital
formato: Articolo | VITA E PENSIERO - 1978 - 3
Anno: 1978
€ 4,00
Per un'etica sessuale edificativa digital
formato: Articolo | VITA E PENSIERO - 1976 - 1-2-3
Anno: 1976
€ 4,00
Meditazione elettorale digital
formato: Articolo | VITA E PENSIERO - 1976 - 4
Anno: 1976
€ 4,00
I termini del rinnovato credito alla Dc: Meditazione elettorale post festum digital
formato: Articolo | VITA E PENSIERO - 1976 - 5
Anno: 1976
€ 4,00
Cinquantaquattr'anni in Cattolica: memoria / non è peccato fin che giova digital
formato: Articolo | VITA E PENSIERO - 1975 - 3-4
Anno: 1975
€ 4,00
Padre Gemelli e la filosofia digital
formato: Articolo | VITA E PENSIERO - 1959 - 8-9
Anno: 1959
€ 4,00
Il filosofo Olgiati digital
formato: Articolo | VITA E PENSIERO - 1958 - 6
Anno: 1958
€ 4,00
Recensioni - Articolo 4 digital
formato: Articolo | AEVUM - 1938 - 2
Anno: 04/1938
€ 1,00
Metafisica e deellenizzazione
formato: Libro | editore: Vita e Pensiero | anno: 1996 | pagine: 114
Anno: 1996
In questo libro, che apparve nel 1975 a coronamento di tutta l’ultima fase della riflessione bontadiniana, viene pienamente raggiunto l’obbiettivo che il filosofo si era in essa proposto, vale a dire la rigorosa fondazione della metafisica classica perseguitata attraverso l’affinamento critico del suo nucleo essenziale. Tale nucleo è individuato nel principio di Parmenide che, cimentandosi dialetticamente con l’esperienza del divenire, si determina in ultima istanza come principio di creazione; illuminante al riguardo è soprattutto il primo saggio, Per una teoria del fondamento, del quale non sembra per nulla esagerato affermare che contiene alcune fra le pagine speculative più limpide e insieme più potenti di tutta la filosofia italiana del Novecento. I saggi successivi si incaricano di sviluppare alcune implicazioni storiche e culturali del discorso metafisico, prendendo altresì in esame il fenomeno della “deellenizazione”. Con questa espressione si usava allora designare, specialmente nel dibattito teologico, il processo di demetafisicizzazione che aveva investito e tutt’ora investe il pensiero cristiano. Come Bontadini mostra con dovizia di argomentazioni, si tratta di un processo alimentato dal rifiuto indiscriminato dell’ontologia greca: cioè, in ultima analisi, dall’attribuzione di un significato meramente cosmologico a quel principio di Parmenide il cui autentico valore è invece schiettamente metafisico.
€ 11,00
 

News

02.09.2019
Gauchet, La fine del dominio maschile
Anteprima del nuovo libro di Marcel Gauchet, "La fine del dominio maschile", un passaggio sulla scomparsa della figura del padre nella società e non solo.
14.10.2019
Si dice Tolkin
Martedì 22 ottobre in Libreria Vita e Pensiero un dibattito sul prof del Signore degli Anelli tra letteratura, musica, cinema ed economia.
09.10.2019
Bookcity 2020: la lettura come bene comune
Torna a novembre l'appuntamento della città di Milano con i libri. Scopri tutti gli eventi Vita e Pensiero e gli ospiti che ci terranno compagnia in questa edizione.
03.09.2019
Il filosofo della bontà, un Candide 2.0 in carne e ossa
Intervista al filosofo catalano Josep Maria Esquirol che spiega il suo cammino dell'ingenuità e la forza della bontà.

Newsletter

* campi obbligatori

Collane

  • Cultura e storia
  • Filosofia morale
  • Grani di senape
  • Le nuove bussole
  • Metafisica e storia della metafisica
  • Punti
  • Relazioni internazionali e scienza politica.ASERI
  • Sestante
  • Studi interdisciplinari sulla famiglia
  • Temi metafisici e problemi del pensiero antico
  • Transizioni
  • Varia. Saggistica
  • Tutte le Collane