Il tuo browser non supporta JavaScript!

Matteo Stefanelli

Matteo Stefanelli
autore
Vita e Pensiero
Nato a Milano, ricercatore e consulente. Insegna Linguaggi audiovisivi presso la Facoltà di Scienze Politiche dell’Università Cattolica, e Histoire de la bande dessinée italienne e Théories de la bande dessinée presso l’Ecole Européenne Supérieure de l’image di Angoulême. Ha scritto di fumetto per diverse testate e ha pubblicato "Fumetto! 150 anni di storie italiane" (con Gianni Bono, Rizzoli), "La bande dessinée: une médiaculture" (con Eric Maigret, Armand Colin), "Il Secolo del Corriere dei Piccoli" (con Fabio Gadducci, Rizzoli).
Condividi:

Libri dell'autore

Arte, cinema, libri e tv: la nuova vita del fumetto digital
formato: Articolo | VITA E PENSIERO - 2018 - 6
Anno: 2018
Erede di una grande tradizione, in Italia continua a vivere una notevole stagione creativa. Con la crisi delle edicole, ora si assiste al fenomeno della librarizzazione. Fino ad arrivare al premio Strega. Col pericolo della normalizzazione.
€ 4,00
Autocartografie. Elementi di teoria del fumetto auto(bio)grafico digital
formato: Articolo | COMUNICAZIONI SOCIALI - 2012 - 3. L'impulso autoetnografico. Radicamento e riflessività nell'era intermediale
Anno: 2012
RIASSUNTO A partire dagli anni Settanta, le forme della narrazione autobiografica si sono progressivamente diffuse nel fumetto assumendo un ruolo centrale, ovvero costituendo una delle forze che hanno maggiormente ridefinito la nuova percezione sociale – come campo di intensa riflessione letteraria e artistica – di questo medium. La ragione di cui questo intervento prova a dare conto è che la scrittura autografica, ovvero l’intreccio fra autonarrazione, autorappresentazione ed esplorazione (grafica) del sé, ha mostrato un’inedita capacità di risonanza con lo statuto espressivo del mezzo, incidendo al contempo su tre dimensioni: editoriale, linguistica, e cognitivo/percettiva. Ripercorrendo alcune delle opere più note e influenti nella genealogia del graphic novel autobiografico – da Binky Brown di Justin Green a Journal di Fabrice Neaud – il saggio mette a fuoco due delle questioni teoriche sollevate da questo filone: la stretta relazione tra frammentarietà dell’autorappresentazione identitaria e frammentazione dei codici linguistici; e la profondità del rapporto fra disegno, corpo e scrittura del sé. SUMMARY Since the 70s, many forms of autobiographical narration have gradually spread with comics, assuming a central role, or rather constituting one of the forces that have redefined the new social perception – as a field of intense literacy and artistic reflection – of this medium. The main reason, as accounted in this article, is that the autographic writing, or the interaction between self-narration, self representation and (graphic) exploration of the self, has shown an unprecedented ability to resonate with the cultural status of this medium, impacting at the same time on three different dimensions: editorial, linguistic, and cognitive/perceptive. Considering some of the most famous and influential works in the genealogy of the autobiographical graphic novel – from Binky Brown by Justin Green to Journal by Fabrice Neaud – this essay focuses on two among the main theoretical issues raised by this trend: the close relationship between the fragmentation of identity self-representation and the fragmentation of linguistic codes, and the deep relationship between drawing, body and self-writing.
€ 6,00
Pubblicità fuori casa, ancoraggio del consumo. Per un’analisi della comunicazione ‘out-of-home’, fra testo e contesto digital
formato: Articolo | COMUNICAZIONI SOCIALI - 2006 - 3. Spazi sensibili. Pubblicità, comunicazione e ambiente urbano
Anno: 2006
An aspect of great interest offered to the media scholars by the so called out-of-home advertising offers, is its paradoxical cultural statute. On one side it is a primary promotional form, a protagonist of the advertising forms since its origins; thus an elusive form, the semantic boundaries of which seem to fringe in a myriad of practices not easy to textualize and/or not simplistically ‘advertising’, and which institutional policies seem to swing in an ambiguous zone between media and urban planning, environmental policies and street culture, media and non-media. To investigate out-of-home communication, it is necessary to seize the complexity of the interlacement between urban and advertising dimensions, communication and mobility processes, fruit of the intricate nature of the modernization phenomena which generated the town-form, and which arranged the symbolic and material exchanges diffused and institutionalized by the culture industry. Starting from this perspective, an out-of-home reading is proposed, together with a focus on the most relevant dimensions issued from the literature concerning the relationship among urban spaces, between consumptions and images and from a research lead by the Osservatorio sulla Comunicazione.
€ 6,00
 

News

04.12.2019
Max Picard: il veggente della tecnocrazia
Chi era Max Picard? Ritratto di un intellettuale irregolare che ha previsto i pericoli della società tecnocratica e di una modernità in fuga dal divino.
03.09.2019
Il filosofo della bontà, un Candide 2.0 in carne e ossa
Intervista al filosofo catalano Josep Maria Esquirol che spiega il suo cammino dell'ingenuità e la forza della bontà.
02.09.2019
Gauchet, La fine del dominio maschile
Anteprima del nuovo libro di Marcel Gauchet, "La fine del dominio maschile", un passaggio sulla scomparsa della figura del padre nella società e non solo.
31.10.2018
Il grande codice. Bibbia e letteratura
Un'anteprima tratta dal libro "Il grande codice. Bibbia e letteratura" di Northrop Frye, un grande classico del pensiero critico.

Newsletter

* campi obbligatori

Collane

  • Cultura e storia
  • Filosofia morale
  • Grani di senape
  • Le nuove bussole
  • Metafisica e storia della metafisica
  • Punti
  • Relazioni internazionali e scienza politica.ASERI
  • Sestante
  • Studi interdisciplinari sulla famiglia
  • Temi metafisici e problemi del pensiero antico
  • Transizioni
  • Varia. Saggistica
  • Tutte le Collane