Il tuo browser non supporta JavaScript!

Monica Martinelli

Monica Martinelli
autore
Vita e Pensiero
Monica Martinelli insegna Istituzioni di sociologia e Sociologia delle religioni alla Facoltà di Scienze Politiche e Sociali dell’Università Cattolica del Sacro Cuore. Da aprile 2015 è professore associato in Sociologia presso la Facoltà di Scienze della Formazione.
Condividi:

Libri dell'autore

Lo straniero siamo noi: identità in relazione digital
formato: Articolo | VITA E PENSIERO - 2015 - 2
Anno: 2015
L’esperienza dell’alterità ci viene restituita con particolare forza attraverso le migrazioni...
€ 4,00
L'altra libertà. Saggio su Georg Simmel
formato: Libro | editore: Vita e Pensiero | anno: 2011 | pagine: 342
Anno: 2011
Il volume rivisita il pensiero di Georg Simmel (1858-1918) sulla libertà.
€ 25,00
Il potenziale della relazione sociale di prossimità. Il caso delle comunità di famiglie digital
formato: Articolo | STUDI DI SOCIOLOGIA - 2006 - 1
Anno: 2006
The concept of community has known a wide spread use in sociology. However, although, it might seem simple to define community as one of the best known associative forms of human cohabitation, such a definition presents also some empirical problems. In the first place, because community has been often defined as something that dissolves itself with the coming of the modern world. Secondly, because recently such a concept has been used in sociological analysis with problematic meanings. This article attempts to explore such a concept in empirical terms and to offer a contribution to its redefinition referring to a field investigation which involved some communities of families. Starting from this, a definition of community is hypothesized in the form of a social relationship strongly anchored to the moment of intersubjectivity and capable of generating mutations in contratendency to the contemporary culture.
€ 6,00
Le donne nelle migrazioni internazionali: immagini e realtà di una risorsa nascosta dei regimi di welfare digital
formato: Articolo | STUDI DI SOCIOLOGIA - 2003 - 2
Anno: 2003
For a long time, in the international literature about migrations, women seem to have been relegated to subordinate and marginal positions. More recently, however, the social research has began to pay more attention to the feminine component. This is due on the one hand to a very pragmatic fact that is the massive presence of women in the migration fluxes, and secondly to the push given by studies developed within the last decades which through different approaches. These ones have brought to light that women migrate not only following close relatives - but also as an active working force themselves within the countries of arrival. Within international migrations, women have generally responded to a request for unskilled labour, both within the indutrial sector and especially in that niche of the service sector where the gender division is strong. Starting from the type of work mostly undertaken, this labour force has also been an important element for the promotion of welfare - both in the European countries of older immigration as well as in those of more recent immigration.
€ 6,00
Lavoro, società e azione: l'attualità della lezione dei sociologi classici digital
formato: Articolo | STUDI DI SOCIOLOGIA - 2002 - 1
Anno: 01/2002
€ 6,00
Dentro e oltre i post-fordismi. Impresa e lavoro in mutamento tra analisi teorica e ricerca empirica
formato: Libro | editore: Vita e Pensiero | anno: 2002 | pagine: 384
Anno: 2002
Il post-fordismo è ormai da tempo al centro del dibattito sulle trasformazioni socio-economiche dei paesi avanzati. A esso vengono ricondotti fenomeni eterogenei, che oltrepassano il mondo della produzione e del lavoro chiamando in causa i più ampi assetti societari. Ciò che risalta è però l’incapacità di definire in modo preciso la direzione e i confini del mutamento in atto, e l’emergere di interpretazioni differenti. La crisi della mass production non sfocia infatti in una nuova one best way, come vorrebbero i sostenitori della teoria post-fordista, ma in più ‘vie di uscita’ le quali, come dimostrano i saggi contenuti in questa raccolta, si configurano in base alle caratteristiche dei contesti socio-istituzionali in cui i sistemi di produzione sono radicati, e alle strategie degli attori coinvolti (a cominciare dalle stesse imprese). Avvalendosi del contributo di autorevoli esponenti del dibattito scientifico internazionale, il presente volume evidenzia le incertezze che il mutamento porta con sé, e che la teoria post-fordista – sfidata sul piano empirico nei suoi presupposti – non sembra in grado di illuminare adeguatamente. Vengono infatti sottolineati limiti e contraddizioni della stessa teoria, a partire dalle ambivalenze insite in alcuni dei suoi capisaldi – lo snellimento della produzione e delle strutture organizzative, l’appiattimento delle gerarchie, la flessibilizzazione del lavoro –, con importanti conseguenze sul piano sociale e individuale. È soprattutto la flessibilità – parola chiave del post-fordismo, acriticamente assunta come ‘via obbligata’ per la competitività delle imprese – a mostrare la sua ambiguità, laddove essa rischia di erodere una risorsa cruciale per il funzionamento del sistema economico: la fiducia, necessaria per muoversi in un’ottica di lungo periodo. Senza riconoscere nel post-fordismo un paradigma unitario, si invita dunque il lettore a calarsi dentro i diversi post-fordismi, a soffermarsi sulle caratteristiche dei modelli produttivi realizzati, sulle forme di regolazione e distribuzione delle risorse (‘umane’ soprattutto) che li fondano, a indagare gli approcci emergenti fino a considerare l’ipotesi di un superamento della teoria post-fordista, riconoscendo la responsabilità di tutti i protagonisti di questa transizione dagli esiti ancora aperti.
€ 25,00
Il legame incrinato.. Lavoro e società in trasformazione nell'epoca della globalità
formato: Libro | editore: Vita e Pensiero | anno: 2003 | pagine: 228
Anno: 2003
La globalizzazione dell’economia e i processi di deregolamentazione hanno concorso a forgiare una profonda riorganizzazione del lavoro, del suo significato, della stratificazione sociale ad esso collegata. Nuove ambivalenze e contraddizioni accompagnano tali trasformazioni, in cui il lavoro appare, da un lato, risorsa strategica da valorizzare e, dall’altro, elemento altamente precario. In questo contesto, il presente volume si propone di analizzare la relazione tra lavoro, società e azione dei soggetti nel recente dibattito sociologico. Il richiamo al ruolo dell’agire sociale consente di problematizzare alcuni dei concetti utilizzati per descrivere il mutamento in atto, lasciando aperte le possibilità di percorsi sociali differenti, sui quali le transizioni possono procedere, al di fuori di presunte vie obbligate già tracciate.
€ 15,00
 

News

21.10.2020
Webinar: Quali responsabilità per la finanza?
Come distribuire quello che serve e incoraggiare la redditività? giovedì 29 webinar con Mons Mario Delpini, Giuseppe Sopranzetti e Elena Beccalli.
21.10.2020
Webinar: Adolescenti e relazioni significative
Venerdì 30 ottobre dibattito online con Sara Alfieri, Paola Bignardi e Elena Marta su adolescenti di oggi e rapporto con familiari, amici e allenatori.
05.10.2020
I "Mostri favolosi" hanno trovato casa
Manguel ha donato la sua collezione di 40mila volumi alla città di Lisbona: un evento culturale straordinario come racconta nell'intervista...
13.07.2020
L'uomo ama le Maiuscole
Anteprima del nuovo libro del filosofo Silvano Petrosino, "Dove abita l'infinito. Potere, trascendenza e giustizia"

Newsletter

* campi obbligatori

Collane

  • Cultura e storia
  • Filosofia morale
  • Grani di senape
  • Le nuove bussole
  • Metafisica e storia della metafisica
  • Pagine prime
  • Punti
  • Relazioni internazionali e scienza politica.ASERI
  • Sestante
  • Studi interdisciplinari sulla famiglia
  • Temi metafisici e problemi del pensiero antico
  • Transizioni
  • Varia. Saggistica
  • Scopri le altre Collane