Libri di Roberto Repole - libri Vita e Pensiero

Roberto Repole

Libri dell'autore

Il vescovo nel suo presbiterio. Ripensare oggi la realtà del presbiterio digital
formato: Articolo | LA RIVISTA DEL CLERO ITALIANO - 2017 - 6
Anno: 2017
L’auspicio di una maggiore sinodalità è certo una delle note ricorrenti e insistite del magistero di Francesco. E, afferma don Roberto Repole, docente di Ecclesiologia presso la Facoltà teologica di Torino e presidente dell’Associazione Teologica Italiana, considerata l’importanza che nella Chiesa cattolica riveste il ministero ordinato, la riforma ecclesiale disegnata dal papa richiede come condizione un’adeguata teologia del presbiterio. Il saggio che segue si propone come un sintetico e lucido itinerario di ripensamento della teologia del presbiterio che, a partire dagli spazi di oscillazione lasciati dai testi del Vaticano II, individua una linea prospettica diversa da quella ‘monarchica’ che oggi sembra essersi imposta...
€ 3,60
Misericordia: «via che unisce Dio e l’uomo» digital
formato: Articolo | LA RIVISTA DEL CLERO ITALIANO - 2016 - 3
Anno: 2016
In quest’anno giubilare veniamo continuamente sollecitati a convertire il nostro cuore al centro della fede cristiana, quella misericordia di Dio che si è rivelata nel Figlio Gesù. Da qui può prendere rinnovato slancio la vita della Chiesa e di ciascun credente. Ma non va dato per scontato che cosa significhi e implichi la misericordia di Dio...
€ 3,60
Preti per una 'Chiesa in uscita' digital
formato: Articolo | LA RIVISTA DEL CLERO ITALIANO - 2014 - 12
Anno: 2014
Il contributo che qui presentiamo riflette sulla figura del prete richiesta dall’istanza di una 'Chiesa in uscita', missionaria, che ha quale priorità l’annuncio ai lontani...
€ 3,60
Crisi del prete, appello per la Chiesa. Uno sguardo alla situazione attuale digital
formato: Articolo | LA RIVISTA DEL CLERO ITALIANO - 2010 - 11
Anno: 2010
La ‘crisi’ del prete non è certo una novità e tuttavia rappresenta un tratto significativo e preoccupante dell’attuale stagione ecclesiale. Don Roberto Repole, docente di Ecclesiologia presso la Facoltà teologica di Torino, esamina con sereno coraggio le ragioni che possono spiegarla, operazione particolarmente urgente specie laddove, come nella sua diocesi d’appartenenza, il fenomeno ha assunto un rilievo numerico allarmante. Burnout, fine del regime di cristianità, recezione non armonica del Concilio Vaticano II, sono solo alcuni dei molti aspetti di un disagio che interpella la Chiesa su due questioni fondamentali: anzitutto il discernimento circa le modalità storiche con le quali il ministero sacerdotale possa vivere nella Chiesa e nella società odierne; in secondo luogo i modi attraverso cui il ministero possa rappresentare un segno di contraddizione per la mentalità corrente. Più in generale sembra imporsi alle Chiese diocesane «l’urgenza di ripensare, in un modo paziente ma realmente condiviso da tutti (vescovo, preti e laici), la figura ecclesiale nell’orizzonte della fine della cristianità; e l’importanza che i preti si percepiscano responsabili, per quel che è loro possibile, dei conseguenti cambiamenti ecclesiali oggi richiesti dal nuovo modello culturale».
€ 4,00
Pensiero umile e stile cristiano digital
formato: Articolo | LA RIVISTA DEL CLERO ITALIANO - 2008 - 9
Anno: 2008
L’articolo qui pubblicato propone di rileggere lo specifico della teologia cristiana e dello stesso cristianesimo alla luce della categoria di umiltà. Ne è autore Roberto Repole, presbitero della diocesi di Torino e docente di Ecclesiologia alla Facoltà teologica dell’Italia settentrionale (sezione di Torino). Alla rigida alternativa tra il ‘pensiero forte’ della tradizione moderna e il postmoderno, ma non meno totalizzante, ‘pensiero debole’, l’Autore oppone la possibilità di un’altra via, quella di un pensiero umile: capace di mettersi in ascolto della Rivelazione senza catturarla, per riscoprire, da qui, che Dio e la Chiesa stessi non sono né forti né deboli, ma – appunto – umili. Seguendo un’intuizione di Guardini, don Repole invita a considerare come l’umiltà contrassegni tutta l’economia salvifica e quindi sia punto di riferimento per la vita della Chiesa e per lo stile di presenza del mondo da parte del cristiano: «L’umiltà si sposa molto bene con una identità chiara e con una grande forza […]. In fondo, ancora una volta, Gesù appare come Colui che, essendo stato “mite e umile di cuore” (Mt 11,29), può esprimerlo al meglio: perché ha manifestato che cosa significhi un’identità chiara, proprio nella sua pro-esistenza; e ha manifestato la sua grande forza proprio nella sua capacità di integrare anche il più piccolo, anche l’ultimo».
€ 4,00
Chiesa e comunione digital
formato: Articolo | LA RIVISTA DEL CLERO ITALIANO - 2007 - 2
Anno: 2007
Il rischio della retorica è tutt’altro che remoto quando si parla della Chiesa come comunione. Don Roberto Repole, docente alla Facoltà Teologica di Torino, si attesta su tutt’altro registro. Il contributo procede sottolineando il radicamento di questa formula nel Vaticano II, per il quale la comunione rappresenta «la linea d’orizzonte di tutte le grandi affermazioni sulla Chiesa e la sua missione». E tuttavia la recezione di tale orizzonte è ancora in divenire nel tessuto della realtà pastorale. In questo senso l’Autore suggerisce alcuni sentieri di approfondimento e ripresa: la maggiore cura per Dio e la sua ‘trascendenza’ rispetto alla Chiesa stessa; l’attenzione all’unità e insieme alla diversità nei rapporti ecclesiali; la sottolineatura della totalità e del reciproco riferimento delle funzioni profetica, sacerdotale e regale; e, infine, il significato della figura cristiana della salvezza da mostrare nella concreta prassi pastorale.
€ 4,00
Camminare insieme, nella Chiesa digital
formato: Articolo | LA RIVISTA DEL CLERO ITALIANO - 2006 - 1
Anno: 2006
L’articolo di don Roberto Repole, docente alla Facoltà teologica di Torino, procede dalla non difficile constatazione che una certa coscienza sinodale si è andata allentando in questi ultimi decenni, è cioè diminuito, a diversi livelli della vita ecclesiale, «il bisogno di consultarsi, di dialogare autenticamente, di ascoltarsi, di scambiarsi i punti di vista e, all’occorrenza, di decidere insieme». Naturalmente, sottolinea l’Autore, la Chiesa non è da confondersi con una società democratica. Insieme, l’istanza democratica, connaturata alla cultura in cui viviamo, va ‘metabolizzata’ nella Chiesa, secondo la specificità di quest’ultima. A questo livello, teologico ed ecclesiologico, si situa la proposta dell’Autore quando rileva che la necessità per la Chiesa di ‘camminare insieme’ si radica nella relazione che Dio intrattiene con gli uomini. A ciascuno Dio distribuisce infatti, in modo personale e singolare, i suoi doni. Non valorizzarli mortifica l’inesauribile ricchezza che la grazia suscita nella Chiesa e porta a interpretare l’unità come uniformità.
€ 4,00
 

News

19.07.2021
PRENDIAMOCI IL TEMPO
Di indugiare, spegnere i cellulari, ascoltarci, riposare, leggere... i nostri consigli per l'estate 2021!
19.07.2021
Gli adolescenti? Meravigliosi, ma con le giusta opportunità
Attivisti o sdraiati? Lo abbiamo chiesto a Elena Marta, Paola Bignardi e Sara Alfieri, curatrici della ricerca "Adolescenti e partecipazione".
15.07.2021
Il cinema americano a Bologna
Il 22 luglio al festival "Cinema ritrovato" di Bologna presentazione del libro di Federico Di Chio "Il cinema americano in Italia".
06.07.2021
La riforma della giustizia
È urgente parlare di giustizia e di come farla funzionare meglio: lo raccontano Giovanni Canzio e Francesca Fiecconi nell'intervista su Repubblica.

Newsletter

* campi obbligatori

Collane

  • Cultura e storia
  • Filosofia morale
  • Grani di senape
  • Le nuove bussole
  • Metafisica e storia della metafisica
  • Pagine prime
  • Punti
  • Relazioni internazionali e scienza politica.ASERI
  • Sestante
  • Studi interdisciplinari sulla famiglia
  • Temi metafisici e problemi del pensiero antico
  • Transizioni
  • Varia. Saggistica
  • Scopri le altre Collane

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo avviso, navigando in questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Acconsento