La BNS e l'euro

Caro euro, sarò franco... svizzero!

16.01.2015
Salviamo l'Europa dall'austerità
Salviamo l'Europa dall'austerità
autori: Andrea Terzi
formato: Libro
prezzo:
vai alla scheda »

di Andrea Terzi

Il 15 gennaio, poco dopo le 10, la BNS ha emesso un breve comunicato che ha messo fine al provvedimento che imponeva un limite massimo al valore del franco in euro. Nei minuti successivi, gli ordini di acquisto di franchi che contavano sul tetto fornito dalla Banca Nazionale Svizzera (con 1 franco e 20 centesimi si poteva acquistare al massimo 1 euro) hanno improvvisamente scoperto che il tetto non c’era più. E per alcuni minuti, 1 franco e 20 centesimi hanno potuto comprare quasi 1 euro e 40 centesimi! Grande sbigottimento nei mercati, dunque. Gli operatori erano incollati al video. Gli uffici cambi per i turisti in Svizzera ieri cambiavano al vecchio cambio in attesa di disposizioni. Nessuno aveva percepito alcun sentore di una mossa del genere.

Da un buon quarto di secolo, le banche centrali ci avevano abituato a decisioni annunciate, preparate con attenzione mediatica, che quando vengono finalmente attuate sono già considerate probabili, o addirittura scontate, dagli operatori. Ne abbiamo visto diversi esempi in questi anni, dalla Fed come dalla BCE. Ma questa volta la BNS ha preso in contropiede tutti, e in poche ore si è scatenato un effetto a catena, a partire da chi, fuori dalla Svizzera, ha debiti denominati in franchi (come ad esempio in Ungheria e in Polonia), e che ha già coinvolto almeno due intermediari (a New York e ad Auckland) costretti a sospendere l’attività a causa delle ingenti perdite.

Perdite rilevanti anche sulla borsa svizzera. La prospettiva di un franco più caro del 10-15%, o forse del 20%, significa cali importanti del fatturato e degli utili del settore esportatore, come nel Jura, dove oltre il 90% della produzione di orologi è venduto all’estero, come nel turismo, o come nelle regioni più prossime al confine dove con un breve viaggio si possono fare acquisti in euro.

Una cosa è certa: il prezzo del franco è di nuovo interamente scandito dalla domanda di franchi a fronte della loro disponibilità sul mercato. Come il dollaro, come l’euro. La stessa BNS soffre perdite rilevanti, stimate oltre i 40 miliardi di franchi. Trattandosi di una banca centrale (che è sempre in grado di pagare i propri debiti nella propria moneta) si tratta di perdite puramente contabili, che potrebbero al massimo sollevare qualche polverone politico. E tuttavia ci si domanda, come è ovvio, quali saranno gli effetti. E visto l’effetto sorpresa, in molti si chiedono quali siano state le motivazioni della BNS.

Un’opinione diffusa in queste ore è che la BNS abbia inteso sganciarsi da un impegno non esente da rischi prima di essere costretta a farlo, sull’onda delle imminenti elezioni greche e delle decisioni di Draghi a Francoforte. Ma c’è qualcosa di più. Il motivo esplicito nel breve comunicato della BNS è che il deprezzamento del franco nei confronti del dollaro era diventato eccessivo. Si annuncia anche un’ulteriore riduzione dei tassi d’interesse fino a -1.25%, molto più in basso del tasso negativo della BCE (-0.20%), facendo intendere che i tassi negativi avranno l’effetto di evitare un eccessivo apprezzamento sull’euro.

Ma in questa strategia potrebbe esserci un punto debole. Come ho cercato di spiegare in Salviamo l'Europa dall'austerità, il denaro in circolazione e quello che forma i nostri risparmi può venire solo da a) prestiti bancari, b) dall’estero quando un paese esporta, e c) dal disavanzo pubblico. Se il franco resterà caro nonostante i tassi negativi, la Svizzera venderà meno all’estero, e con una politica fiscale nazionale orientata al pareggio di bilancio (come in Europa) sarà inevitabile un’ulteriore contrazione dei redditi, della produzione e dell’occupazione.

 

Array
(
    [codice_fiscale_obbligatorio] => 1
    [coming_soon] => 0
    [fattura_obbligatoria] => 1
    [fuori_servizio] => 0
    [homepage_genere] => 0
    [insert_partecipanti_corso] => 0
    [moderazione_commenti] => 1
    [mostra_commenti_articoli] => 1
    [mostra_commenti_libri] => 1
    [multispedizione] => 0
    [pagamento_disattivo] => 0
    [reminder_carrello] => 0
    [sconto_tipologia_utente] => prodotto
)

Articolo letto 1809 volte.

Inserisci un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con un asterisco*

Newsletter

* campi obbligatori

Collane

  • Cultura e storia
  • Filosofia morale
  • Grani di senape
  • Le nuove bussole
  • Metafisica e storia della metafisica
  • Pagine prime
  • Punti
  • Relazioni internazionali e scienza politica.ASERI
  • Sestante
  • Studi interdisciplinari sulla famiglia
  • Temi metafisici e problemi del pensiero antico
  • Transizioni
  • Varia. Saggistica
  • Scopri le altre Collane

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo avviso, navigando in questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Acconsento