Il tuo browser non supporta JavaScript!

IL MONDO FRAGILE DOPO LA PANDEMIA

20.05.2020
L'ebook Il mondo fragile. Scenari globali dopo la pandemia curato da Raul Caruso e Damiano Palano - scaricabile gratuitamente - cerca di ragionare sulle ricadute che lo shock globale del Covid-19 potrebbe avere a livello politico economico. L’obiettivo non è esercitarsi in previsioni destinate a essere smentite da un quadro in così rapido movimento, ma identificare i fattori di fragilità e dunque i rischi che potrebbero contrassegnare i prossimi mesi e i prossimi anni. Di seguito uno stralcio tratto dall'introduzione.

di Damiano Palano

L’irruzione della pandemia sulla scena globale ha portato alla luce problemi che, nell’età dell’unità tecnica del mondo, coinvolgono davvero l’intera umanità e non possono essere tenuti fuori dai confini nazionali. Ma al tempo stesso ha anche mostrato, una volta di più, le difficoltà della cooperazione tra gli Stati, persino dinanzi a un’emergenza tanto drammatica. La diffusione planetaria del virus – che nell’arco di alcune settimane dal mercato del pesce di Wuhan ha raggiunto pressoché ogni angolo del mondo – ha infatti chiarito, con la brutalità che abbiamo imparato a conoscere, come l’altra faccia dell’interdipendenza sia una condizione di fragilità.

In questo nuovo quadro sono così fatalmente riaffiorate tutte le linee di tensione che logorano da decenni l’architettura dell’ordine internazionale liberale e che la crisi di oggi – insieme alle conseguenze di domani – rischia di condurre a un punto di definitiva rottura. Proprio la consapevolezza dei rischi connessi a questa condizione potrebbe innescare una reazione energica da parte degli Stati, o quantomeno degli Stati dotati di maggiori capacità e intenzionati a ridurre la dipendenza dal mondo esterno. E così diverse voci si sono spinte a prefigurare la minaccia di una crisi sistemica, l’arresto della globalizzazione e persino l’avvio di un processo di rapida deglobalizzazione.

Per immaginare quali saranno le traiettorie che imboccherà il mondo dopo il Covid-19, la «lezione della storia» è sfortunatamente in grado di fornirci solo un aiuto modesto, e comunque non risolutivo. Senza dubbio anche nel passato l’improvvisa comparsa di malattie ha innescato crisi dalle conseguenze radicali proprio sulle strutture politiche. Inoltre, anche le epidemie del passato furono a loro modo conseguenze di processi di globalizzazione. Ma l’intensità dei flussi globali odierni, la pervasività delle tecnologie comunicative di cui disponiamo e la stessa velocità odierna dei trasporti (oltre che conseguentemente dei contagi) non hanno paragoni con il passato.

Le conoscenze mediche del XXI secolo ci inducono inoltre a percepire il rischio – anche solo potenziale – in modo molto diverso dal passato, influenzando anche le risposte politiche. E ovviamente sono differenti tanto i meccanismi di valutazione della responsabilità politica, quanto gli stessi criteri con cui nelle democrazie occidentali viene considerato il rapporto drammatico tra la salvaguardia della vita dei singoli e i costi che essa comporta.

Dopo settantacinque anni di pace e dopo una costante riduzione della violenza (non solo politica) nelle nostre società, le democrazie occidentali sono infatti diventate davvero «democrazie immunitarie», in cui il bene della vita e della sicurezza degli individui è percepito come (politicamente) molto più importante rispetto a ogni altra società del passato. Questo insieme di fattori non può dunque che indurci a diffidare di affrettate analogie storiche.

Ciò nondimeno, è molto probabile che, proprio come le epidemie del passato, anche la pandemia che sta sconvolgendo il nostro mondo, e travolgendo la nostra hybris, finirà con l’accelerare una serie di processi già in atto, esacerbando conflitti e tensioni già presenti da tempo. E i prossimi anni ci forniranno risposte cruciali sulla forza residua delle istituzioni internazionali che abbiamo ereditato dalla Seconda guerra mondiale e sulle risorse che le nostre democrazie saranno in grado di attivare per fronteggiare la crisi.

>> Continua a leggere, scarica l'ebook
 

>> Indice del volume

 
PdfIl mondo fragile
Il mondo fragile
autore: Damiano Palano, Raul Caruso
collana: Varia. Saggistica
formato: Ebook | editore: Vita e Pensiero | anno: 2020
L’irruzione sulla scena globale del Covid-19 ha portato alla luce problemi che coinvolgono l’intera umanità, ma al tempo stess
Gratis

Array
(
    [codice_fiscale_obbligatorio] => 1
    [coming_soon] => 0
    [fattura_obbligatoria] => 1
    [fuori_servizio] => 0
    [homepage_genere] => 0
    [insert_partecipanti_corso] => 0
    [moderazione_commenti] => 1
    [mostra_commenti_articoli] => 1
    [mostra_commenti_libri] => 1
    [multispedizione] => 0
    [pagamento_disattivo] => 0
    [reminder_carrello] => 0
    [sconto_tipologia_utente] => prodotto
)

Articolo letto 2099 volte.

Inserisci un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con un asterisco*
Captcha errato

Newsletter

* campi obbligatori

Collane

  • Cultura e storia
  • Filosofia morale
  • Grani di senape
  • Le nuove bussole
  • Metafisica e storia della metafisica
  • Pagine prime
  • Punti
  • Relazioni internazionali e scienza politica.ASERI
  • Sestante
  • Studi interdisciplinari sulla famiglia
  • Temi metafisici e problemi del pensiero antico
  • Transizioni
  • Varia. Saggistica
  • Scopri le altre Collane