Il tuo browser non supporta JavaScript!

Carlo Ossola, la letteratura rende lieti

09.08.2020
Aula magna dell'Università Cattolica. Dal pulpito delle grandi occasioni risuonano queste parole: «Or ti riman, lettor, sovra 'l tuo banco,/dietro pensando a ciò che si preliba,/s'esser vuoi lieto assai prima che stanco... La lettura serve a renderci lieti. Una lettura che non renda lieti non è lettura».

A pronunciarle è un professore, Carlo Ossola, torinese, classe 1946, filologo e critico letterario, che nel 2018 ha partecipato ai festeggiamenti per i 100 anni della casa editrice Vita e Pensiero. Socio dell’Accademia dei Lincei e dell’American Academy of Arts and Sciences, Ossola è anche membro del Consiglio scientifico dell’Istituto dell’Enciclopedia Italiana. La lettura "lo rende lieto" e si vede dai suoi saggi, in cui la ricerca filologica è sapientemente intrecciata alla storia delle idee, alle riflessioni sulla vita, all'idea di Europa come patrimonio di civiltà condiviso e di un umanesmo che non può avere fine, come si legge tra le righe di Europa ritrovata, Erasmo nel notturno d'Europa, Italo Calvino e molti altri suoi felici titoli.

Dalla scrivania su cui sta lavorando per i festeggiamenti danteschi - è infatti Presidente del Comitato nazionale delle celebrazioni del 700° anniversario della morte di Dante Alighieri - si presta a una distrazione, un divertissement, un piccolo gioco letterario ispirato da quello che è passato alla storia come "Il questionario di Proust": 32 domande aperte che lo stesso Proust compilò in maniera originale, esprimendo i suoi umori, le sue preferenze, i suoi paradossi, tanto che rimase ai posteri.
Ecco il nostro Questionario di Proust 2.0 con le risposte del prof. Ossola.

  1. Il tratto principale del mio carattereuna certa tenacia
  2. A 20 anni ero… (un aggettivo) pandit [ammiratore affascinato di Pandit Nehru]
  3. Oggi sono… (un aggettivo) foucauldiano [da Charles de Foucauld, non Michel Foucault]
  4. Quel che apprezzo di più nei miei amici: la fedeltà
  5. La più grande felicità: «la revestita voce allelujando» (Dante, detto della Risurrezione dei corpi)
  6. Il dolore più profondo: meglio esserne risparmiati: «libera nos a malo»
  7. La mia occupazione preferita: «legere conchas», direbbero Cicerone ed Erasmo
  8. Quel che detesto più di tutto: non saprei,si sprecano troppe energie a detestare
  9. L’amore è… «amor di vero ben, pien di letizia» (Par., XXX)
  10. La città ideale è…:  un giorno di rondini a Montegemoli
  11. Il colore che preferisco: il color dell’ombra d’olivo
  12. Il fiore che amo: il fiore di sulla, da cui il miglior miele
  13. I miei poeti preferiti: quelli, da Keats a Eliot, ove la fine non è che un principio
  14. Un verso di una poesia che mi è caro: «D’Itaca varco le fuggenti mura» (Ungaretti, Canzone)
  15. Il vino che prediligo: quello che prolunga la notte estiva, direbbe Orazio
  16. Il libro sul comodino: Dag Hammarskjöld, Linea della vita
  17. Il mio personaggio letterario preferito è: Cheramour (Leskov) Perché: è il più umile degli eredi di Don Chisciotte
  18. Un’opera d’arte che bisogna vedere di persona almeno una volta nella vita…: I discepoli di Emmaus, Rembrandt, Musée Jacquemart-André, Parigi
  19. I pittori che amo di più: i pittori del silenzio: Angelico, Vermeer, Opalka
  20. Il genere musicale che preferisco: le “forme chiuse”, “obbligate”: chiedono più invenzione nell’obbedienza
  21. Un brano che ascolto volentieri: Čajkovskij, L’inno dei Cherubini
  22. Un film che mi ha commosso: Robert Bresson, Au hasard Balthazar
  23. Il periodo storico in cui avrei voluto vivere:  questo, l’unico che mi è dato di vivere
  24. Un personaggio storico che ammiro: papa Giovanni XXIII
  25. Un personaggio storico che detesto: vedi sopra, n. 8
  26. Il luogo in cui mi piace scrivere: sull’acqua [ὑδατόριζος]
  27. La scrittrice o lo scrittore del passato che avrei voluto conoscere: António Vieira
  28. La mia biblioteca è ordinata per… cumuli, o meglio cumuli congesti
  29. Un sogno per il presente: una terra restituita alla Natura
  30. Il futuro che vorrei per le prossime generazioni: che conservi l’avvenire
  31. Le colpe che mi ispirano maggiore indulgenza: le mie, purtroppo
  32. Il mio motto: festina lente
(a cura di Velania La Mendola)

 
PdfEuropa ritrovata
Europa ritrovata
autore: Carlo Ossola
collana: Grani di senape
formato: Ebook | editore: Vita e Pensiero | anno: 2017
Carlo Ossola, in questo prezioso e raffinatissimo libro, ci racconta il suo viaggio alla ricerca di quelle tracce che fanno de
€ 12,99

Array
(
    [codice_fiscale_obbligatorio] => 1
    [coming_soon] => 0
    [fattura_obbligatoria] => 1
    [fuori_servizio] => 0
    [homepage_genere] => 0
    [insert_partecipanti_corso] => 0
    [moderazione_commenti] => 1
    [mostra_commenti_articoli] => 1
    [mostra_commenti_libri] => 1
    [multispedizione] => 0
    [pagamento_disattivo] => 0
    [reminder_carrello] => 0
    [sconto_tipologia_utente] => prodotto
)

Articolo letto 263 volte.

Inserisci un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con un asterisco*
Captcha errato

Newsletter

* campi obbligatori

Collane

  • Cultura e storia
  • Filosofia morale
  • Grani di senape
  • Le nuove bussole
  • Metafisica e storia della metafisica
  • Pagine prime
  • Punti
  • Relazioni internazionali e scienza politica.ASERI
  • Sestante
  • Studi interdisciplinari sulla famiglia
  • Temi metafisici e problemi del pensiero antico
  • Transizioni
  • Varia. Saggistica
  • Scopri le altre Collane