Giuliano Zanchi, la cultura non è un lusso

Giuliano Zanchi, la cultura non è un lusso

31.07.2020
«Le sue parole sono per me un punto di partenza per scoprire nuovamente quella "grazia ricevuta" che è la vita».

«Caro don Giuliano, lei ha il dono grande di saper esprimere con le giuste parole quanto in tanti abbiamo nel cuore e nella mente ma fatichiamo a verbalizzare. Condivida più spesso i suoi pensieri».

Sono due commenti pescati dalla bacheca facebook di don Giuliano Zanchi, bergamasco, classe 1967, teologo, segretario generale del Museo diocesano «Adriano Bernareggi», presidente di Bergamo Festival, membro del comitato della Rivista del Clero. In effetti don Giuliano ha un dono: quando apri un suo libro, quando leggi i suoi articoli, quando scorri la pagina per vedere i suoi post… non trovi mai quello che ti aspetteresti, nel senso che il suo è sempre un pensiero nuovo, originale, ruvido e schietto, sornione o sofferente, critico (ma di chi si rimbocca le maniche tutti i giorni), mai banale, con parole scelte con cura; consola, fa sorridere, fa pensare. Neanche durante la sofferenza del lockdown il suo pensiero ha ceduto allo sconforto (leggete l’ebook I giorni del nemico, è anche gratuito).

Il suo amore per la cultura, per i libri, in tempi di pandemia, lo riassumeva così su VP Plus: «i libri […] restano ‘sacramenti’ indispensabili per un ‘ristoro del pensiero’ che andrà prescritto assieme a un attesissimo vaccino. [...] Farsi l’occhio per la sostanza. Non prestare orecchio alla qualunque. Giornali e televisioni hanno ritmi troppo concitati per poter essere veri diffusori di una sapienza necessaria. Il tempo lungo dei libri, assieme ai rituali di cui essi torneranno a essere circondati, conferisce loro qualcosa di più congeniale, che credo si trasformi in una vera responsabilità».

Con Vita e Pensiero (nella foto è con l'editore, Aurelio Mottola e lo scrittore Miguel Benasayag, durante Bergamo Festival) ha pubblicato molti libri, come Rimessi in viaggio – un vero long seller, ne ha parlato anche a La7 – o L’arte di accendere la luce, Salomone e le formiche, Lo spirito e le cose, e un altro sta per arrivare. Riflessioni che forse potremmo riassumere in una sua frase: «Per la Chiesa la cultura non è un lusso».

Gli abbiamo chiesto di compilare il “Questionario di Proust”, da noi aggiornato; un gioco letterario per scoprire qualcosa di più e alleggerire i pensieri, per sorridere insieme pensando a cosa ci piace e cosa non ci piace. Ecco le sue risposte, con una avvertenza importante: Zanchi è un interista sfegatato!

  1. Il tratto principale del mio carattere: Un senso patologico di circospezione (rende esitanti, sospettosi, sempre incerti su di sé): tutti gli altri servono a mitigarlo.
  2. A 20 anni ero… 56 chili di sprovvedutezza
  3. Oggi sono… arrivato a 67 chili…
  4. Quel che apprezzo di più nei miei amici: la sopportazione che ci vuole nei miei confronti
  5. La più grande felicità: Inter-Sampdoria del 2005 (andare su youtube per capire)
  6. Il dolore più profondo: Temo non sia ancora arrivato (cerco di prepararmi)
  7. La mia occupazione preferita: Sarebbe quella di non averne, ma non si può (in alternative molte altre, tra cui leggere, scrivere, parlare e, non da ultimo, stare a cena con gli amici)
  8. Quel che detesto più di tutto: Le persone che urlano (segue il rumore delle motociclette)
  9. L’amore è… Una parola che bisogna sempre spostare come una tendina per vedere cosa si vede oltre il vetro
  10. La città ideale è… Non lo so, ma a naso preferisco tutte le altre
  11. Il colore che preferisco: Blu oltremare (l’arancione nei momenti di svago)
  12. Il fiore che amo: Quelli lasciati dove devono stare
  13. I miei poeti preferiti: Ungaretti, Quasimodo, Caproni, Turoldo e Peppino Prisco (suo il celebre verso “A Milano ci sono solo due squadre: l’Inter e la primavera dell’Inter”)
  14. Un verso di una poesia che mi è caro: «Il carnato del cielo sveglia oasi al nomade d’amore» [Ungaretti, Tramonto]
  15. La bevanda che prediligo… La birra naturalmente
  16. Il libro sul comodino: Ne ho sempre tre o quattro. Adesso c’è A proposito di niente di Woody Allen (ma temporaneamente abbandonato: per ora mi annoia); Il caro estinto di Evelyn Waught; Ricordi dormienti di Patrik Modiano.
  17. Il mio personaggio letterario preferito è … Il protagonista di Todo modo Perché A volte mi sento anch’io prigioniero di un mondo così.
  18. Un’opera d’arte che bisogna vedere di persona almeno una volta nella vita… I ritratti di Rembrandt; ma anche san Siro quando è pieno fino al terzo anello e l’Inter segna
  19. I pittori che amo di più: In questo genere di materie preferisco amare altrettanto
  20. Il genere musicale che preferisco: La cosiddetta classica contemporanea (ma ascolto di tutto: anche la fisarmonica romagnola)
  21. Un brano musicale che ascolto sempre volentieri: Sunday morning, dei Velvet Underground (quelli con la banana di Warhol in copertina)
  22. Un film che mi ha commosso… Il discorso finale di Wonder (cosa ci devo fare, è un filmetto, ma lì mi viene da piangere)
  23. Il periodo storico in cui avrei voluto vivere… Vorrei vivere per sempre, in modo da vedere il futuro
  24. Un personaggio storico che ammiro L’ammirazione ha senso solo per chi ci sta veramente vicino
  25. Un personaggio storico che detesto L’arbitro Moreno dei mondiali di Corea (do you remember?)
  26. Il luogo in cui mi piace scrivere La mia cucina
  27. La scrittrice o lo scrittore del passato che avrei voluto conoscere Nessuno, temo che conoscere i miti sia dannoso (li ridimensiona)
  28. La mia biblioteca è ordinata per… Case editrici
  29. Un sogno per il presente: Scrivere un romanzo (o dei racconti). Ma credo che non si avvererà.
  30. Il futuro che vorrei per le prossime generazioni: Uno dove non si troveranno a doverci deprecare troppo
  31. Le colpe che mi ispirano maggiore indulgenza: Quelle che commetto io
  32. Il mio motto: Chi di motto ferisce, di motto perisce
 
PdfRimessi in viaggio
Rimessi in viaggio
autore: Giuliano Zanchi
collana: Sestante
formato: Ebook | editore: Vita e Pensiero | anno: 2018
Come ha efficacemente sintetizzato papa Francesco, non ci troviamo in un’epoca di cambiamento, ma in un cambiamen­to d’epoc
€ 10,99

Array
(
    [codice_fiscale_obbligatorio] => 1
    [coming_soon] => 0
    [fattura_obbligatoria] => 1
    [fuori_servizio] => 0
    [homepage_genere] => 0
    [insert_partecipanti_corso] => 0
    [moderazione_commenti] => 1
    [mostra_commenti_articoli] => 1
    [mostra_commenti_libri] => 1
    [multispedizione] => 0
    [pagamento_disattivo] => 0
    [reminder_carrello] => 0
    [sconto_tipologia_utente] => prodotto
)

Articolo letto 973 volte.

Inserisci un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con un asterisco*

Newsletter

* campi obbligatori

Collane

  • Cultura e storia
  • Filosofia morale
  • Grani di senape
  • Le nuove bussole
  • Metafisica e storia della metafisica
  • Pagine prime
  • Punti
  • Relazioni internazionali e scienza politica.ASERI
  • Sestante
  • Studi interdisciplinari sulla famiglia
  • Temi metafisici e problemi del pensiero antico
  • Transizioni
  • Varia. Saggistica
  • Scopri le altre Collane

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo avviso, navigando in questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Acconsento