Valeria Cantoni: il leader si prende cura dell’altro

Valeria Cantoni: il leader si prende cura dell’altro

05.08.2022
Essere competitivi.
Se fermassimo a caso delle persone per strada chiedendo cosa significa questa frase più o meno avremmo delle risposte in cui l’idea di fondo è “essere i migliori” e/o “gareggiare per vincere”. 
Valeria Cantoni Mamiani, con un sorriso– mai timido, ma vivace e curioso – risponderebbe diversamente.

Nel suo libro Leadership di cura infatti scrive: «potrebbe essere una buona strategia aggirare il bias della nega­tività e tornare al significato originario di competere che viene dal latino cum-petere, “chiedere insieme” e che solo in seguito è slittato verso un senso più legato al gareggiare con l’idea mors tua vita mea. Cosa accadreb­be se la competizione non fosse solo pensata a partire da una cultura pret­tamente patriarcale e maschile legata alle pratiche della guerra e al culto della forza, ma anche tradotta in pratiche cooperative, dove l’orientarsi in­sieme a un risultato comune con i propri strumenti, conoscenze, attitudini e desideri, fosse il senso condiviso della competizione?».  

Un interrogativo a cui l’autrice dedica una risposta non scontata di 200, convincenti, pagine. “Chiedere insieme” significa collaborare con «creatività, immaginazione, forza interiore, capacità di indi­viduare i problemi e trovare soluzioni nuove e nuovi modi di lavorare e pro­durre, nel rispetto di sé e degli altri»; una forma di leadership efficace perché «capace di attivare ascolto, rispetto, fiducia, responsabilità, cooperazione, energia e senso come leve per attra­versare, tutti insieme, l’epoca delle passioni confuse e della vulnerabilità». 

Valeria Cantoni è filosofa, saggista, consulente culturale e formatrice. Docente all’Università Cattolica di Milano, è presidente e co-fondatrice di ArtsFor, società di consulenza culturale e di sviluppo organizzativo, dove ha creato Leading by Heart, il metodo formativo che sviluppa lo stile di leadership inclusiva ed empatica di cui parla nel volume. Lavora nella soglia tra le arti, le discipline filosofiche e quelle manageriali creando percorsi di apprendimento incentrati sullo sviluppo della persona anche alla luce dei cambiamenti in atto. Dal 2015 è membro del CDA della Fondazione Adolfo Pini, dove ha ideato e dirige il progetto di ricerca «Casa dei Saperi». Ha scritto questo libro durante il lockdown: «un anno e mezzo ricco di sorprese in cui siamo andati oltre e lo abbiamo fatto cercando di restare uniti e tenendoci per mano». Un lavoro nato da anni di esperienza di lavoro e di dialoghi con maestri e amici come Carlo Sini, Pierluigi Celli, Vittorio Lingiardi, Luigi Zoja, Adriana Cavarero, Miguel Benasayag, François Jullien, Maia Cornac­chia e molti altri.
L’abbiamo incontrata per sottoporle il nostro Questionario di Proust 2.0 e scoprire qualcosa in più di chi ha tracciato le linee guida per una leadership efficace basata sulle relazioni e non sulla gerarchia. 
  1. Il tratto principale del mio carattere Curiosità
  2. A 20 anni ero… Irrequieta
  3. Oggi sono… Irrequieta
  4. Quel che apprezzo di più nei miei amici La presenza autentica
  5. La più grande felicità Vedere i miei figli in movimento
  6. Il dolore più profondo La morte di mia madre
  7. La mia occupazione preferita Imparare
  8. Quel che detesto più di tutto La burocrazia
  9. L’amore è… Vita  
  10. La città ideale è… Sydney
  11. Il colore che preferisco Bordeaux
  12. Il fiore che amo Il fiore della salvia
  13. I miei poeti preferiti Omero, Wisława Szymborska, Pablo Neruda, Mariangela Gualtieri, Fernando Pessoa, Giuseppe Ungaretti, Franco Arminio, Martha Medeiros
  14. Un verso di una poesia che mi è caro
    «Lentamente muore chi diventa schiavo dell'abitudine, ripetendo ogni giorno gli stessi percorsi, chi non cambia la marca, chi non rischia e cambia colore dei vestiti, chi non parla a chi non conosce»
    di Martha Medeiros
  15. La bevanda che prediligo Il vino bianco fermo
  16. Il libro sul comodino La prima radice di Simone Weil
  17. Il mio personaggio letterario preferito è Il barone di Münchhausen perché… le sue avventure sono viaggi di conoscenza e gioia
  18. Un’opera d’arte che bisogna vedere di persona almeno una volta nella vita Il cretto di Burri a Gibellina
  19. I pittori che amo di più Georges Braque
  20. Il genere musicale che preferisco La musica minimalista
  21. Un brano musicale che ascolto sempre volentieri Orfeo ed Euridice di Gluck
  22. Un film che mi ha commosso Opera senza autore di Florian Henckel von Donnersmarck
  23. Il periodo storico in cui avrei voluto vivere L’epoca delle civiltà minoica
  24. Un personaggio storico che ammiro Mahathma Gandhi
  25. Un personaggio storico che detesto Hitler
  26. Il luogo in cui mi piace scrivere In corridoio in campagna, davanti al giardino
  27. Il romanzo che tutti dovrebbero leggere almeno una volta nella vita Le memorie di Adriano
  28. La scrittrice o lo scrittore del passato che avrei voluto conoscere Marguerite Yourcenar
  29. La mia biblioteca è ordinata per… Generi (saggistica, letteratura, poesia, arte, infanzia, ecc.)
  30. Un sogno per il presente Diventare analista filosofa
  31. Il futuro che vorrei per le prossime generazioni Una società che sa affrontare i conflitti senza fare la guerra; più donne nei posti di responsabilità; riappacificarsi con la natura
  32. Le colpe che mi ispirano maggiore indulgenza La mania del controllo, l’eccesso di amore
  33. Il mio motto La cura è affidarsi in un presente che raccoglie il passato e lo trasforma in una trama ancora tutta da ricamare.
(a cura di Velania La Mendola)
 
Leadership di cura
Leadership di cura
autore: Valeria Cantoni Mamiani
collana: Strumenti. Economia
formato: Libro | editore: Vita e Pensiero | anno: 2021 | pagine: 200
Oggi è possibile praticare una nuova forma di leadership di cura, attenta, presente, coinvolgente e in ascolto. Come e perché è necessaria è il soggetto di questo libro.
€ 18,00

Array
(
    [codice_fiscale_obbligatorio] => 1
    [coming_soon] => 0
    [fattura_obbligatoria] => 1
    [fuori_servizio] => 0
    [homepage_genere] => 0
    [insert_partecipanti_corso] => 0
    [moderazione_commenti] => 1
    [mostra_commenti_articoli] => 1
    [mostra_commenti_libri] => 1
    [multispedizione] => 0
    [pagamento_disattivo] => 0
    [reminder_carrello] => 0
    [sconto_tipologia_utente] => prodotto
)

Articolo letto 141 volte.

Inserisci un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con un asterisco*

Newsletter

* campi obbligatori

Collane

  • Cultura e storia
  • Filosofia morale
  • Grani di senape
  • Le nuove bussole
  • Metafisica e storia della metafisica
  • Pagine prime
  • Punti
  • Relazioni internazionali e scienza politica.ASERI
  • Sestante
  • Studi interdisciplinari sulla famiglia
  • Temi metafisici e problemi del pensiero antico
  • Transizioni
  • Varia. Saggistica
  • Scopri le altre Collane