Coltivare un giardino

Coltivare un giardino

06.08.2023

Quand’è stata l’ultima volta in cui avete messo le mani nella terra umida? L’ultima volta che avete piantato, innaffiato, sistemato al sole una pianta, un seme?

Se non riuscite a ricordarlo, forse è tempo di rimediare: mettetevi offline, rallentate e prendetevi del tempo per la lentezza dei gesti, l’attenzione nel prendersi cura di piante e fiori, gli sforzi per far crescere la vita.

«Credo che la nostra vita rimanga incompleta se dopo aver creato orti, case e templi, non ci saremo creati un giardino» ci dice José Tolentino Mendonça in Una grammatica semplice dell’umano, invitandoci a coltivare, è il caso di dirlo, un altro stile di vita.

«Con questo ritorno alla terra c’è anche un ritorno, per così dire, a quello che la terra ci può dare di più autentico, respingendo le forme di sfruttamento selvaggio del creato. Penso che si tratti della presa di coscienza che vivere distanziati dalla natura implica vivere distanziati da sé. Mentre fiorisce l’industria dei profumi, noi disimpariamo a distinguere le fragranze dei fiori».

Anche Josep Maria Esquirol in La resistenza intima. Saggio su una filosofia della prossimità, citando Il Candido di Voltaire esorta ad un ritorno al coltivare il giardino, a ritrovare un senso «ravvisabile soltanto nella prossimità», nel lavoro manuale, nell’azione.

«Dedicarsi alla cura delle piante, cucinare, cucire, costruire mobili… sono azioni volte alla sussistenza, ma, in più, donano alla vita un’intensità e una forza impossibili da ottenere per mezzo di tante parole dette a vanvera. “Bisogna coltivare il nostro giardino”, ripete Candido alla fine. La prossimità o, nel suo caso, il ritorno alla prossimità (la casa, la compagnia, il giardino, l’intimità…) sono un cammino verso la presenza e il senso».



(di Chiara Ascoli)

 
Una grammatica semplice dell'umano
Una grammatica semplice dell'umano
Autore: José Tolentino Mendonça
Collana: Grani di senape
Formato: Libro | Editore: Vita e Pensiero | Anno: 2021 | Pagine: 164
Sotto forma di un lessico acutamente semplice, dalla «A» di Altri alla «V» di Vulnerabilità, Tolentino Mendonça ci offre in questo libro piccole, sapienti piste di spiritualità per il nostro tempo.
€ 15,00

Array
(
    [acquista_oltre_giacenza] => 1
    [codice_fiscale_obbligatorio] => 1
    [coming_soon] => 0
    [disabilita_inserimento_ordini_backend] => 0
    [fattura_obbligatoria] => 1
    [fuori_servizio] => 0
    [has_login] => 1
    [has_messaggi_ordine] => 1
    [has_registrazione] => 1
    [homepage_genere] => 0
    [insert_partecipanti_corso] => 0
    [is_ordine_modificabile] => 1
    [moderazione_commenti] => 1
    [mostra_commenti_articoli] => 1
    [mostra_commenti_libri] => 1
    [multispedizione] => 0
    [pagamento_disattivo] => 0
    [reminder_carrello] => 0
    [sconto_tipologia_utente] => prodotto
)

Articolo letto 504 volte.

Inserisci un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con un asterisco*

Newsletter

* campi obbligatori

Collane

  • Cultura e storia
  • Filosofia morale
  • Grani di senape
  • Le nuove bussole
  • Metafisica e storia della metafisica
  • Pagine prime
  • Punti
  • Relazioni internazionali e scienza politica.ASERI
  • Sestante
  • Studi interdisciplinari sulla famiglia
  • Temi metafisici e problemi del pensiero antico
  • Transizioni
  • Varia. Saggistica
  • Scopri le altre Collane

Inserire il codice per attivare il servizio.