Robinson Crusoe: l’Adamo naufrago

Robinson Crusoe: l’Adamo naufrago

02.08.2022

«L’esperienza che ho del mondo, fatta di amore, morte, amicizia, perdita, gratitudine, stupore, angoscia, paura, unita alla mia identità mutevole, tutto questo l’ho imparato dai personaggi immaginari che ho incontrato nelle mie letture, molto di più che dal mio viso sfocato allo specchio o dal mio riflesso negli occhi degli altri». 

Quali sono i libri della vostra infanzia? In quali storie vi tuffavate in estate, quando la scuola finiva e avevate davanti a voi lunghi mesi di ozio e libertà? E quali libri vi hanno accompagnato poi da adolescenti, da giovani e da adulti? Alberto Manguel ne ha molti e ce li consiglia nel suo Mostri Favolosi. Dracula, Alice, Superman e altri amici letterari. 

Da Monsieur Bovary, alla Bella Addormentata, dal Capitano Nemo a Robinson Crusoe, passando per Long John Silver e il nonno di Heidi, senza dimenticare Dracula e Alice e il mondo dei fumetti, Manguel passa in rassegna i compagni favolosi che lo accompagnano nel viaggio della vita, dai quali ha imparato e continua imparare qualcosa su sé e gli altri, volta per volta.  

Tra i tanti titoli che ci consiglia abbiamo scelto La vita e le strane sorprendenti avventure di Robinson Crusoe di York, marinaio, nato dalla penna di Daniel Defoe nel 1719. Questa la trama del grande classico: Robinson, figlio di un mercante, decide di non voler seguire le orme del padre e all’età di 19 anni si imbarca per esplorare il mondo, alla volta dell’Oceano Atlantico. Dopo molte peripezie e incontri, la sua nave naufraga al largo del Venezuela e Robinson, unico sopravvissuto, si ritrova su un’isola apparentemente deserta. Vi rimarrà per ventotto lunghi anni 

Manguel ci racconta che le vicende narrate da Defoe sono state prese da una storia vera, quella di «un marinaio chiamato Alexander Selkirk [che nel 1704] fu abbandonato dal suo capitano, per ragioni sconosciute, sull’isola deserta di Juan Fernández, nei pressi della costa cilena, dalla quale venne salvato cinque anni più tardi, nel 1709». Defoe, affascinato da questa storia, la ampliò e l’arricchì, fino a creare il personaggio Crusoe, fondatore di una società primitiva: «Crusoe è l’Homo primus, un Adamo che introduce tutte le arti e le abilità umane. La sua isola diventa modello esemplare per ogni attività dell’uomo e nel suo sviluppo unico mostra le possibilità intrinseche di una società realizzabile». 

In questa matrioska di libri tra i libri, non possiamo non citare anche l’unico che Crusoe porta con sé sull’isola: la Bibbia. Grazie a questo “grande codice” riesce a insegnare la sua lingua al primo degli altri abitanti in cui si imbatte (ricordate gli altri?), Venerdì, e a ritrovarsi. Sì, perché Venerdì lo chiama per nome e Robinson, riascoltandolo, ritrova la sua identità: «Crusoe è senza nome, manca infatti qualcuno che glielo chieda – vale a dire, un interlocutore con cui dialogare; ossia, la possibilità di un linguaggio attivo, e quindi di un pensiero fecondo. Il taccuino in cui Crusoe annota le sue osservazioni non basta a dargli un’identità: uno scrittore ha bisogno di un lettore per dare vita alle parole perché, si sa, la letteratura è un’arte binaria».
Scrive ancora Manguel: «la presenza di Venerdì è necessaria affinché Crusoe esista». 

Non è forse anche questo il ruolo dei libri? Darci un’identità, un pezzettino alla volta, una storia alla volta, nello scambio tra scrittore e lettore.

(di Chiara Ascoli) 

 
Mostri favolosi
Mostri favolosi
autore: Alberto Manguel
collana: Varia. Saggistica
formato: Libro | editore: Vita e Pensiero | anno: 2020 | pagine: 328
«L’esperienza che ho del mondo l’ho imparata dai personaggi immaginari delle mie letture». A queste figure Alberto Manguel dedica un tributo incantevole e magico, impreziosito dalle sue illustrazioni.
€ 20,00

Array
(
    [codice_fiscale_obbligatorio] => 1
    [coming_soon] => 0
    [fattura_obbligatoria] => 1
    [fuori_servizio] => 0
    [homepage_genere] => 0
    [insert_partecipanti_corso] => 0
    [moderazione_commenti] => 1
    [mostra_commenti_articoli] => 1
    [mostra_commenti_libri] => 1
    [multispedizione] => 0
    [pagamento_disattivo] => 0
    [reminder_carrello] => 0
    [sconto_tipologia_utente] => prodotto
)

Articolo letto 202 volte.

Inserisci un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con un asterisco*

Newsletter

* campi obbligatori

Collane

  • Cultura e storia
  • Filosofia morale
  • Grani di senape
  • Le nuove bussole
  • Metafisica e storia della metafisica
  • Pagine prime
  • Punti
  • Relazioni internazionali e scienza politica.ASERI
  • Sestante
  • Studi interdisciplinari sulla famiglia
  • Temi metafisici e problemi del pensiero antico
  • Transizioni
  • Varia. Saggistica
  • Scopri le altre Collane