Il tuo browser non supporta JavaScript!

San Valentino: l'amore, secondo i nostri autori

11.02.2015
Ricerca di sé, desiderio dell'altro
Ricerca di sé, desiderio dell'altro
autori: Nicole Jeammet, Philippe Jeammet
formato: Libro
prezzo:
vai alla scheda »

Correva l’anno 197 d.C. e un ragazzo di 21 anni diventava vescovo di Terni. Ci vorrà del tempo perché sia riconosciuto come santo e, per tutti, patrono degli innamorati e della festa che si celebra il 14 febbraio. Al di là della febbre di consumo e delle varie opinioni che oggi si leggono in rete (divisa tra romantici e no, l’hastag al top nei giorni scorsi era in ogni caso #SanValentinoNoGrazie), che la si festeggi o meno la ricorrenza di san Valentino è una buona scusa per approfondire il tema dell’amore attraverso alcune letture che vi consigliamo per l’occasione.

Cominciamo da un bell’articolo sul Cantico dei Cantici, Il corpo in relazione, tratto dalla Rivista del Clero. La biblista Benedetta Rossi ci guida attraverso questo celebre poema d’amore tracciando alcuni punti chiave delle relazione uomo-donna: l’ascolto, la contemplazione, l’attrazione e l’unione. Il punto di partenza è la voce – «Una voce! Il mio amato! Eccolo, viene» (Ct 2,8) –, metafora dell’amore inafferrabile e non manipolabile a proprio arbitrio; segue lo sguardo – «Quanto sei bella, amata mia, quanto sei bella!» (Ct 4,1) – e soprattutto il lasciarsi guardare. Come spiega la Rossi: «Lasciarsi guardare, così a lungo e così totalmente, significa consegnarsi, significa lasciar cadere le difese di fronte all’altro con piena fiducia». Si arriva infine al desiderio e all’unione, descritta nel Cantico in maniera silenziosa e pudica, momento in cui il corpo diventa parola, comunicazione, fino al compimento: «io sono nei suoi occhi colei che ha trovato pace» (Ct 8,10) e trovare pace negli occhi dell’amato, spiega l’autrice, ridefinisce e compie la propria identità.

Una conclusione che è il punto di partenza di un altro volume, Ricerca di sé, desiderio dell'altro. Il lavoro dell'amore: un libro scritto da una coppia per chi è alle prese con la costruzione di un rapporto d'amore, tra la fatica e la gioia, il desiderio di libertà e l'attaccamento, tra il bisogno di condivisione e la solitudine, tra la dedizione all'altro e la valorizzazione di sé.  «È passando attraverso l’incontro con l’altro che ci si rivela a se stessi » scrivono i coniugi Nicole e Philippe Jeammet (psicoterapeuta lei, psicoanalista lui), i quali passano in rassegna diverse storie d’amore, alcune raccolte durante il proprio percorso professionale altre scovate nella letteratura, per raccontare l’Amore con la A maiuscola, quello che va oltre i magici momenti iniziali e si costruisce giorno dopo giorno. 

E di idealizzazione e desideri egocentrici che minano l’amore ci parla anche Xavier Lacroix nel long seller I miraggi dell'amore (guarda il booktrailer girato dagli studenti dell'Università Cattolica), dove sfata gli stereotipi del neoromanticismo e si interroga su questioni cruciali come: è vero che ‘basta amare’? Ma l’amore cos’è? Desiderio, tenerezza, passione, volontà? Conta solo l’effervescenza dell’innamoramento o l’alleanza coniugale? Che ruolo svolge nell’amore l’amicizia? Ripercorrendo le strade dei miti classici e di quelli contemporanei, da Tristano e Don Giovanni ai film e alle canzoni, Lacroix arriva a disegnare il volto vero dell’amore, che è un’avventura, un esodo, una traversata, dove mai nulla è acquisito: «esige e richiede costanza, rinunce, pazienza» e soprattutto: «Nell’amore autentico è la vita dell’altro, ciò che è bene per lui a essere desiderato».

E del bene, da un punto di vista filosofico, ci parla più ampiamente Giacomo Samek Lodovici in L'emozione del bene. Alcune idee sulla virtù, dove l’amore, trattato come l’anima di ogni azione pienamente virtuosa,  è definito come «bene-volenza, cioè vuole il bene dell’altro» e in questo senso è pienamente correlato alla giustizia: «come forma di benevolenza che vuole per l’altro quel bene che a lui è dovuto e quindi glielo dà e/o elabora le regole sociali perché ognuno abbia il bene che gli spetta». Per agire bene l’uomo ha quindi bisogno di essere amato e per essere virtuoso deve conciliare le emozioni con la ragione: « il cuore, insomma, non ha sempre ragione ed una prassi solo emozionale porta progressivamente ad un’intensificazione del desiderio e ad una diminuzione della sua soddisfazione». Sursum corda, e oltre: buon san Valentino a tutti.

 

Array
(
    [codice_fiscale_obbligatorio] => 1
    [coming_soon] => 0
    [fattura_obbligatoria] => 1
    [fuori_servizio] => 0
    [homepage_genere] => 0
    [insert_partecipanti_corso] => 0
    [moderazione_commenti] => 1
    [mostra_commenti_articoli] => 1
    [mostra_commenti_libri] => 1
    [multispedizione] => 0
    [pagamento_disattivo] => 0
    [reminder_carrello] => 0
    [sconto_tipologia_utente] => prodotto
)

Articolo letto 1213 volte.

Inserisci un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con un asterisco*
Captcha errato

Newsletter

* campi obbligatori

Collane

  • Cultura e storia
  • Filosofia morale
  • Grani di senape
  • Le nuove bussole
  • Metafisica e storia della metafisica
  • Pagine prime
  • Punti
  • Relazioni internazionali e scienza politica.ASERI
  • Sestante
  • Studi interdisciplinari sulla famiglia
  • Temi metafisici e problemi del pensiero antico
  • Transizioni
  • Varia. Saggistica
  • Scopri le altre Collane