Il tuo browser non supporta JavaScript!

Torino Spiritualità 2019: ad infinita notte

03.09.2019

Quali sono le facce della notte? Questa la domanda che fa da sfondo alla XV edizione di Torino Spiritualità dal 26 al 30 settembre 2019: quattro giorni di riflessione sul presente, sulla sua oscurità e sul suo straordinario splendore, attraverso l’incrocio di fedi, culture e religioni. Moltissimi gli autori Vita e Pensiero che contribuiscono ad arricchire il programma: Luciano Manicardi, Enzo Bianchi, José Tolentino Mendonça, Pablo d'Ors, Josep Maria Esquirol, Silvano Petrosino, Giuliano Zanchi e Carlo Ossola.


26 SETTEMBRE
Chiesa di San Filippo Neri, ore 18.30
Non temerai i terrori della notte
Il priore della Comunità di Bose e autore di Memoria del limite Luciano Manicardi e il maestro del cinema horror Dario Argento prendono spunto dal potente monito del Salmo 90 per avventurarsi nel regno delle paure: quelle reali e quelle sognate, quelle incontrollabili e quelle che siamo riusciti a dissolvere, quelle che leggiamo sui volti degli altri e quelle che, del volto degli altri, hanno assunto i lineamenti. Modera Armando Bonaiuto, curatore Torino Spiritualità.


27 SETTEMBRE
Teatro Carignano, ore 18.30
Tra tenebra e alba: attesa e speranza
«Sentinella, a che punto è la notte?». È nel buio della notte che sentiamo con più forza il bisogno di qualcuno che vegli, che sappia discernere nell’oscurità e che anticipi l’aurora. Enzo Bianchi, fondatore della comunità di Bose ne parla chiaramente nel saggio La violenza e Dio: è nel buio della notte che anche il minimo barlume di luce infrange la tenebra e assicura che l’indomani sarà il tempo e il luogo della luce. Affrontare il buio, combattere la tenebra, riconoscere la luce: questa l’indispensabile arte della veglia. È facile constatare che molti conoscono l’attesa del tramonto e sanno aspettarlo contemplando il cielo, ma sono rarissimi quelli che conoscono l’emozione dell’attesa dell’alba, quindi dell’aurora e infine del sole che sorge [Ingresso € 8 | Ridotto Carta Extra € 5].


28 SETTEMBRE
Teatro Gobetti, ore 17.00
La notte apre i miei occhi EVENTO ANNULLATO
«Guarda in cielo e conta le stelle», dice Dio ad Abra­mo, invitando il suo sguardo a sollevarsi dal suolo e contemplare l’immensità tatuata sull’universo. In que­sti occhi che si aprono sulla notte circostante c’è forse l’indizio di una spiritualità che riconosce nei nostri sensi altrettante porte di ingresso al divino. Il sacerdote e poeta portoghese José Tolentino Mendonça, autore La mistica dell’istante e respon­sabile della Biblioteca Vaticana (che è stato appena nominato cardinale da papa Francesco), segue questa traccia per condurci con sé in una nuova mistica dell’esperien­za, da praticare nel qui e ora della vita. 


Il Circolo dei lettori, Sala Grande, ore 18.45
Dio nelle ombre 
Se il luogo più indicato per incontrare Dio non fosse lì dove la luce batte con forza meridiana, ma là dove il chiarore sfuma e incontra il buio che ci abita? La lezione di Pablo d’Ors, scrittore e sacerdote spagnolo, consultore del Pontificio Consiglio della Cultura e autore di quel piccolo e meraviglioso libro sulla meditazione che è Biografia del silenzio, si misura con questo interrogativo, andando in cerca della divinità che luccica in quanto c’è di più umano: il crepuscolo delle contraddizioni, le notti dell’incertezza.

Il Circolo dei lettori, Sala Grande, ore 21.00
Filosofia della notte e del cielo azzurro
Cosa definisce davvero l’essere umano? Il potere che detiene oppure la commozione che è capace di provare e le ferite che hanno inciso il suo cammino? Secondo il filosofo catalano Josep Maria Esquirol, docente all’Università di Barcellona e autore di La penultima bontà, per rispondere a questa domanda è utile riflettere sulle connessioni che legano la notte alle dimensioni della profondità e della gravità. Ma non basta. Bisogna anche saper attendere che la notte trascorra, restituendo al cielo la calma chiarezza dell’azzurro, simbolo per eccellenza della cura dell’anima. 


29 SETTEMBRE
Il Circolo dei lettori, Sala Grande, ore 15.00
Il demone notturno della letteratura
La notte è il tempo del sonno ma anche della veglia, delle visioni ma anche dei sogni, dei pensieri leggeri ma anche dei dubbi più cupi. Qui, a volte, tutto sembra vero anche quando è falso, e così ci si lascia trasportare da immagini capaci di condurci laddove non vorremmo, o forse proprio dove inconsciamente vorremmo. Un po’ come la grande letteratura, che non esita a utilizzare la finzione per rendere testimonianza alla più solida delle verità. Attraverso la lettura di un breve racconto di I.B. Singer, il filosofo Silvano Petrosino, docente dell'Univeristà Cattolica e autore di Contro la culturaIl desiderio (in libreria dal 12 settembre), conduce un’affascinante riflessione sul segreto della letteratura e sulla pratica della narrazione.


Il Circolo dei lettori, Sala Grande, ore 17.00
Resta con noi perché si fa sera
In un fulmineo transitare dall’ordinario allo straordinario, una cena tra pellegrini diventa rivelazione abbagliante della resurrezione di Cristo: è l’episodio di Emmaus, vertiginoso incontro tra chiarezza e oscurità. Il teologo Giuliano Zanchi, autore di Rimessi in viaggio, lo affronta anche alla luce della tradizione iconografica – dai mosaici di Monreale a Rembrandt – che si è misurata con questa pagina sacra. E dal crepuscolo di Emmaus, si viaggia con il critico letterario Carlo Ossola (curatore del saggio Rembrandt a Emmaus di Max Milner) dentro a un’altra densità della notte, quella oscura di Giovanni della Croce, mistico cercatore della profondità dell’invisibile. Modera il giornalista Luca Rolandi.

fonte: Torino Spiritualità
leggi tutto il programma sul sito torinospiritualità.org

 

Array
(
    [codice_fiscale_obbligatorio] => 1
    [coming_soon] => 0
    [fattura_obbligatoria] => 1
    [fuori_servizio] => 0
    [homepage_genere] => 0
    [insert_partecipanti_corso] => 0
    [moderazione_commenti] => 1
    [mostra_commenti_articoli] => 1
    [mostra_commenti_libri] => 1
    [multispedizione] => 0
    [pagamento_disattivo] => 0
    [reminder_carrello] => 0
    [sconto_tipologia_utente] => prodotto
)

Articolo letto 1151 volte.

Inserisci un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con un asterisco*
Captcha errato

Newsletter

* campi obbligatori

Collane

  • Cultura e storia
  • Filosofia morale
  • Grani di senape
  • Le nuove bussole
  • Metafisica e storia della metafisica
  • Punti
  • Relazioni internazionali e scienza politica.ASERI
  • Sestante
  • Studi interdisciplinari sulla famiglia
  • Temi metafisici e problemi del pensiero antico
  • Transizioni
  • Varia. Saggistica
  • Tutte le Collane