Il tuo browser non supporta JavaScript!

Vita e Pensiero premia i migliori laureati

11.12.2020
Giulio Andreotti e il
Giulio Andreotti e il "governo della non sfiducia"
autori: Luciano Cardinali
formato: Ebook
prezzo:
Gratis
Gratis
vai alla scheda »

Si intitola Giulio Andreotti e il governo della non sfiducia la tesi scelta da Vita e Pensiero trai lavori presentati dai migliori laureati dell’Ateneo del 2019 per la 59° edizione del Premio Gemelli. L’autore, Luciano Cardinali (Roma, 1993) è laureato in Filosofia con indirizzo storico presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano ed è attualmente ricercatore in Filosofia politica presso la Pontificia Università Lateranense. Autore di saggi per riviste specialistiche, collabora con Rai Cultura, nella trasmissione «Passato e presente», in veste di partecipante al dibattito.

La sua tesi,rielaborata per la pubblicazione edisponibile dall’11 dicembre in formato ebook open access su www.vitaepensiero.it/ebook e sulle principali piattaforme ebook (bookrepublic, ibs, ecc.),offre una ricostruzione storica dei fatti della cosiddetta stagione italiana della «solidarietà nazionale», condotta attraverso l’uso di fonti d’archivio, memorie dei protagonisti e confronto con la letteratura specialistica. Cardinali analizza i risvolti di una stagione nella quale il confronto tra le maggiori forze politiche italiane, Democrazia cristiana e Partito comunista, avvenne secondo una configurazione fino ad allora mai sperimentata. In particolare, l’attenzione è posta sul governo Andreotti III (1976-1978), dalla sua costituzione mediante l’astensione comunista alla sua caduta, poco prima del rapimento Moro, approfondendo, come si legge nella Presentazione di Agostino Giovagnoli: «i passaggi complessi di un’arte politica italiana che proprio in quegli anni raggiunse una delle sue espressioni più raffinate».

La pubblicazione, come scrive Antonella Sciarrone Alibrandi nell’introduzione sul Premio Gemelli: «rende concreta la possibilità offerta ai migliori laureati di non concepirsi, se lo vogliono, solo come degli ‘ex studenti’, bensì di continuare a essere, in un modo nuovo e peculiare, parte integrante e significativa di una ‘comunità di cultura’ nella quale si praticano formazione e ricerca di alto livello, e nell’ambito della quale si possono costruire relazioni significative e reciprocamente arricchenti».

Nel corso della 60° edizione del Premio Gemelli, che si è svolta lunedì 14 dicembre, è stato annunciato il nuovo vincitore del 2020: la dott.ssa Eleonora Carraro, della Facoltà di Scienze Politiche e sociali, con la tesi Comunicazione digitale e creatività: uno studio empirico, seguita dalla prof.ssa Patrizia Milesi.

 

Array
(
    [codice_fiscale_obbligatorio] => 1
    [coming_soon] => 0
    [fattura_obbligatoria] => 1
    [fuori_servizio] => 0
    [homepage_genere] => 0
    [insert_partecipanti_corso] => 0
    [moderazione_commenti] => 1
    [mostra_commenti_articoli] => 1
    [mostra_commenti_libri] => 1
    [multispedizione] => 0
    [pagamento_disattivo] => 0
    [reminder_carrello] => 0
    [sconto_tipologia_utente] => prodotto
)

Articolo letto 521 volte.

Inserisci un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con un asterisco*

Newsletter

* campi obbligatori

Collane

  • Cultura e storia
  • Filosofia morale
  • Grani di senape
  • Le nuove bussole
  • Metafisica e storia della metafisica
  • Pagine prime
  • Punti
  • Relazioni internazionali e scienza politica.ASERI
  • Sestante
  • Studi interdisciplinari sulla famiglia
  • Temi metafisici e problemi del pensiero antico
  • Transizioni
  • Varia. Saggistica
  • Scopri le altre Collane