Il tuo browser non supporta JavaScript!

Solitudine e contemplazione nei ‘Discorsi’ di Flavio Querenghi

digital Solitudine e contemplazione nei ‘Discorsi’ di Flavio Querenghi
Articolo
rivista RIVISTA DI FILOSOFIA NEO-SCOLASTICA
fascicolo RIVISTA DI FILOSOFIA NEO-SCOLASTICA - 2019 - 3
titolo Solitudine e contemplazione nei ‘Discorsi’ di Flavio Querenghi
Solitude and Contemplation in the ‘Discorsi’ of Flavio Querenghi
autore
editore Vita e Pensiero
formato Articolo | Pdf
online da 10-2019
doi 10.26350/001050_000131
issn 00356247 (stampa) | 18277926 (digitale)
Scrivi un commento per questo prodotto
€ 6,00

Ebook in formato Pdf leggibile su questi device:

The aim of this paper is an enquiry on Flavio Querenghi’s point of view about the traditional debate between ‘vita attiva’ and ‘vita contemplativa’. In his philosophical work, Discorsi morali politici et naturali (1644), the Paduan author dedicates two chapters to this issue, from where it emerges a clear distinction between «Vita della Città», «Vita della Villa» and «Vita Solitaria». Through the analysis of these arguments, I will show how Querenghi delves into the notions of ‘solitude’, ‘country life’, ‘otium’ and ‘negotium’ in order to clarify the best way to live in accordance with human nature.

keywords

Flavio Querenghi, Country, City, Solitude, Contemplation

Biografia dell'autore

Università degli Studi “G. D’Annunzio”, Chieti. Email: adamasfiucci@yahoo.it

News

17.01.2020
Parole per la città: a Genova idee e libri
Giovedì 30 gennaio al Palazzo Ducale di Genova incontro con il giurista Gabrio Forti sul tema della giustizia a partire da "La cura delle norme".
13.01.2020
Addio al filosofo Roger Scruton
Il 12 gennaio Roger Scruton è morto, per una malattia, all'età di 75 anni. Il suo pensiero nei libri che ci lascia.
10.01.2020
Intervista impossibile a Stevenson
Un piccolo e serio divertissement: un’intervista impossibile allo scrittore scozzese per raccontare la sua raccolta di scritti più intima e umana.
04.12.2019
Max Picard: il veggente della tecnocrazia
Chi era Max Picard? Ritratto di un intellettuale irregolare che ha previsto i pericoli della società tecnocratica e di una modernità in fuga dal divino.

Newsletter

* campi obbligatori

Collane

  • Cultura e storia
  • Filosofia morale
  • Grani di senape
  • Le nuove bussole
  • Metafisica e storia della metafisica
  • Pagine prime
  • Punti
  • Relazioni internazionali e scienza politica.ASERI
  • Sestante
  • Studi interdisciplinari sulla famiglia
  • Temi metafisici e problemi del pensiero antico
  • Transizioni
  • Varia. Saggistica
  • Scopri le altre Collane