La «via caritatis». Sul capitolo ottavo di «Amoris Laetitia» - Aristide Fumagalli - Vita e Pensiero - Articolo Vita e Pensiero

La «via caritatis». Sul capitolo ottavo di «Amoris Laetitia»

digital La «via caritatis».
Sul capitolo ottavo di «Amoris Laetitia»
Articolo
Rivista LA RIVISTA DEL CLERO ITALIANO
Fascicolo LA RIVISTA DEL CLERO ITALIANO - 2016 - 7 - 8
Titolo La «via caritatis». Sul capitolo ottavo di «Amoris Laetitia»
Autore
Editore Vita e Pensiero
Formato Articolo | Pdf
Online da 07-2016
Issn 0042-7586 (stampa) | 2785-0846 (digitale)
Scrivi un commento per questo prodotto
€ 3,60

Ebook in formato Pdf leggibile su questi device:

Dedicato ad Accompagnare, discernere e integrare le fragilità, il capitolo VIII di Amoris Laetitia tratta il tema più dibattuto e controverso affrontato nella duplice assise sinodale. Esso ha calamitato ben presto l’attenzione della stampa ma anche quella di pastori e fedeli che da tempo attendevano una parola nuova a proposito della disciplina delle ‘irregolarità’ matrimoniali. L’intervento di don Aristide Fumagalli, docente di Teologia morale presso il Seminario di Venegono e la Facoltà Teologica di Milano oltre che membro della Redazione, offre qui un’attenta e calibrata ermeneutica del capitolo, situandolo nel contesto dell’Esortazione, del magistero di Francesco e dei due precedenti pontefici. In questa prospettiva il criterio più adeguato per interpretare il discreto riferimento del testo riguardo l’accesso a sacramenti dei fedeli divorziati risposati sembra essere quello di collocarlo nella logica del discernimento, la ‘porta stretta’, che sola può condurre a percorrere, in verità, il cammino dell’amore cristiano. «L’indicazione dell’esigente via del discernimento particolare invece che quella della normativa generale non è l’abdicazione di Francesco alla sua autorità magisteriale, ma il coinvolgimento nel cammino della Chiesa della responsabilità di tutti: dei fedeli interessati, che dovranno interrogarsi in coscienza circa la loro situazione matrimoniale; degli operatori pastorali, che li accompagneranno nel cammino di maturazione personale; dei presbiteri con cui condurranno il discernimento; dei Vescovi, cui compete di indicare gli orientamenti che integrino, a beneficio delle Chiese locali, l’insegnamento del papa». L’autore elenca infine alcuni criteri orientativi, consapevole che il processo aperto dall’Esortazione ha carattere profondamente innovativo. Esso va affinato anche con la proposta di parametri che possano fungere da riferimento comune, soprattutto per i presbiteri, e favoriscano, pur nella singolarità dei processi di inculturazione, una certa omogeneità nella cura pastorale dei fedeli divorziati risposati.

News

09.09.2022
Immigrati: il lungo viaggio dell'accoglienza
In occasione della Giornata Mondiale del Migrante e del Rifugiato, un percorso di lettura per approfondire il tema.
12.09.2022
The Economy of Francesco, ad Assisi idee per il futuro
Il 24 settembre ad Assisi presentazione di "The Economy of Francesco", nell'incontro voluto dal papa per una nuova economia pensata dai giovani.
12.09.2022
Addio a John W. O'Malley
L'11 settembre John W. O'Malley si è spento a Washington. Il nostro ricordo nei libri che ci lascia.
02.09.2022
Pablo d'Ors a Torino Spiritualità
Due incontri con il sacerdote madrileno, sabato 1° ottobre, in occasione di Torino Spiritualità.

Newsletter

* campi obbligatori

Collane

  • Cultura e storia
  • Filosofia morale
  • Grani di senape
  • Le nuove bussole
  • Metafisica e storia della metafisica
  • Pagine prime
  • Punti
  • Relazioni internazionali e scienza politica.ASERI
  • Sestante
  • Studi interdisciplinari sulla famiglia
  • Temi metafisici e problemi del pensiero antico
  • Transizioni
  • Varia. Saggistica
  • Scopri le altre Collane