Preti in trincea. I cappellani militari nella prima guerra mondiale: condivisione, crisi e conversione - Bruno Bignami - Vita e Pensiero - Articolo Vita e Pensiero

Preti in trincea. I cappellani militari nella prima guerra mondiale: condivisione, crisi e conversione

digital Preti in trincea. I cappellani militari nella prima guerra mondiale: condivisione, crisi e conversione
Articolo
Rivista LA RIVISTA DEL CLERO ITALIANO
Fascicolo LA RIVISTA DEL CLERO ITALIANO - 2014 - 12
Titolo Preti in trincea. I cappellani militari nella prima guerra mondiale: condivisione, crisi e conversione
Autore
Editore Vita e Pensiero
Formato Articolo | Pdf
Online da 01-2015
Issn 0042-7586 (stampa) | 2785-0846 (digitale)
media voto
5/5 su 1 recensione
€ 3,60

Ebook in formato Pdf leggibile su questi device:

Don Bruno Bignami, sacerdote della Diocesi di Cremona e docente di Teologia morale presso lo Studio Teologico Interdiocesano e l’ISSR di Crema-Cremona-Lodi-Vigevano, completa qui la rievocazione del significato della prima guerra mondiale per il cattolicesimo italiano avviata nel fascicolo di settembre (La prima guerra mondiale e la ‘guerra giusta’. Il fallimento del teorema, pp. 618-635). Dopo aver tratteggiato lo sfondo storico di quegli anni e l’evoluzione del magistero papale, l’autore descrive qui l’impatto che l’evento bellico ebbe sul vissuto umano e spirituale dei molti acerdoti arruolati in qualità di cappellani o preti-soldato. Quell’esperienza rappresentò per tutti la scoperta dei drammi dell’umanità comune, spesso non percepiti a causa dell’ovattata formazione seminaristica. La saldatura degli ideali di Fede e Patria con la spiritualità del sacrificio dimostrava la propria inconsistenza davanti all’enormità dell’inutile strage in atto. La crisi di molti sacerdoti testimoniava così le trasformazioni radicali in seno alla Chiesa circa il modo di percepire la guerra. 'A trasformare l’approccio del ministero sacerdotale nei confronti dell’umanità del proprio tempo è stata la condivisione. Lo stare in mezzo ai coetanei al fronte aveva messo in discussione le certezze di una vita tutelata e regolata, quale era promossa negli ambienti educativi ecclesiastici'. Chi tornò dalla guerra poté guardare alla vita di fede con occhi nuovi, trasformati dagli eventi vissuti e subiti. Molti preti intuirono che il vangelo non era giunto in trincea con il loro arrivo, ma era già là, nel dramma che si stava consumando nelle coscienze di giovani costretti a fare i conti ogni giorno con la vita e la morte.
ha scritto:
Voto:
inserito: 18.03.2015 10:15
Ringrazio la redazione e l'autore per l'articolo e per avermi fatto scoprire un ambito sconosciuto della nostra storia. Far memoria della fatiche e delle sfide di un tempo aiuta anche noi giovani preti a rimanere sul "fronte" per farci prossimi e condividere il quotidiano col nostro popolo.

News

30.09.2022
Gregorini e Semeraro al Futura Expo
Il 4 ottobre Giovanni Gregorini e Riccardo Semeraro saranno ospiti al Futura Expo a Brescia per parlare di "Turismo 4.0".
29.09.2022
Antonio Balsamo all'Università di Palermo
La presentazione di "Mafia. Fare memoria per combatterla", martedì 4 ottobre.
29.09.2022
Un incontro sull'immigrazione dei minori
Lunedì 10 ottobre, "Costruire il futuro... con i minori stranieri non accompagnati" in Università Cattolica.
28.09.2022
Dimmi cosa mangi e ti dirò chi sei
Intervista a Patrizia Catellani e Valentina Carfora, autrici di "Psicologia sociale dell'alimentazione", per capire meglio le nostre scelte alimentari.

Newsletter

* campi obbligatori

Collane

  • Cultura e storia
  • Filosofia morale
  • Grani di senape
  • Le nuove bussole
  • Metafisica e storia della metafisica
  • Pagine prime
  • Punti
  • Relazioni internazionali e scienza politica.ASERI
  • Sestante
  • Studi interdisciplinari sulla famiglia
  • Temi metafisici e problemi del pensiero antico
  • Transizioni
  • Varia. Saggistica
  • Scopri le altre Collane

Inserire il codice per attivare il servizio.