Il tuo browser non supporta JavaScript!

Essere visibili nell'arena politica. La vulnerabilità del leader fra pubblico e privato: dalla gaffe allo scandalo

digital Essere visibili nell'arena politica. La vulnerabilità del leader fra pubblico e privato: dalla gaffe allo scandalo
Articolo
rivista COMUNICAZIONI SOCIALI
sezione Open Access
titolo Essere visibili nell'arena politica. La vulnerabilità del leader fra pubblico e privato: dalla gaffe allo scandalo
autore
editore Vita e Pensiero
formato Articolo | Pdf
online da 12-2009
issn 03928667 (stampa) | 18277969 (digitale)
Scrivi un commento per questo prodotto
Scarica

Ebook in formato Pdf leggibile su questi device:

L’estesa mediatizzazione della scena politica tende sempre più a proporre personaggi pubblici non solo nelle loro vesti ufficiali ma anche in quelle più intime e casalinghe. Il confine tra ciò che appartiene di diritto alla sfera pubblica e ciò che invece è preservato da quella privata diviene assai labile e relativo, per la stessa gestione che i politici ne fanno, continuamente protesi alla conquista di nuovi spazi di visibilità. Accade però che uno scarso controllo o un basso livello di attenzione alle molteplici espressioni del corpo del leader, causato dall’invadenza crescente del medium, contribuisce ad aumentarne la vulnerabilità fino a mettere in crisi un’intera strategia comunicativa. Gaffe e scandali hanno quindi il potere di interferire nel campo politico compromettendo il percorso di un candidato, tanto da poterne causare, talvolta, la stessa destituzione. Ogni giorno i mezzi di informazione ci raccontano come cambia il modo in cui i politici comunicano ai cittadini, attraverso quali vesti, quali episodi, quale linguaggio, mettendo in evidenza una nuova soglia di accesso del gossip ai temi in agenda. Si assiste a una costruzione della “messa in scena” che però mostra tutta la sua fragilità, per la difficoltà manifesta dei suoi protagonisti nel saper gestire efficacemente la propria privacy rispetto alla continua estensione dello spazio pubblico, limite a volte impercettibile o semplicemente sottovalutato. Una proposta politica non si ferma infatti al partito o al candidato, raccontato attraverso il suo percorso istituzionale, ma tende sempre più a presentare l’uomo, con le sue fragilità e la sua esperienza di vita, al fine di raggiungere livelli impensati di prossimità con l’elettore.  


News

12.12.2019
Il sermone di Natale di Stevenson
Il 18 dicembre a Pavia incontro su "Sermone di Natale" di Stevenson per scoprire il lato più umano del 'Narratore di Storie' con Bendelli, Mottola, Grisi.
04.12.2019
Max Picard: il veggente della tecnocrazia
Chi era Max Picard? Ritratto di un intellettuale irregolare che ha previsto i pericoli della società tecnocratica e di una modernità in fuga dal divino.
03.09.2019
Il filosofo della bontà, un Candide 2.0 in carne e ossa
Intervista al filosofo catalano Josep Maria Esquirol che spiega il suo cammino dell'ingenuità e la forza della bontà.
02.09.2019
Gauchet, La fine del dominio maschile
Anteprima del nuovo libro di Marcel Gauchet, "La fine del dominio maschile", un passaggio sulla scomparsa della figura del padre nella società e non solo.

Newsletter

* campi obbligatori

Collane

  • Cultura e storia
  • Filosofia morale
  • Grani di senape
  • Le nuove bussole
  • Metafisica e storia della metafisica
  • Punti
  • Relazioni internazionali e scienza politica.ASERI
  • Sestante
  • Studi interdisciplinari sulla famiglia
  • Temi metafisici e problemi del pensiero antico
  • Transizioni
  • Varia. Saggistica
  • Tutte le Collane