Il tuo browser non supporta JavaScript!

La scultura di Riccardo Ripamonti (1849-1930) tra impegno civile e protesta sociale

digital La scultura di Riccardo Ripamonti (1849-1930) tra impegno civile e protesta sociale
Articolo
rivista ARTE LOMBARDA
fascicolo ARTE LOMBARDA - 2009 - 3
titolo La scultura di Riccardo Ripamonti (1849-1930) tra impegno civile e protesta sociale
autore
editore Vita e Pensiero
formato Articolo | Pdf
online da 03-2009
issn 0004-3443 (stampa)
Scrivi un commento per questo prodotto
€ 6,00

Ebook in formato Pdf leggibile su questi device:

The activity of Riccardo Ripamonti (Milan, 1849-1930), a key figure of Lombard sculpture between the end of the 19th and the beginning of the 20th Century, has to be placed among the most thought-provoking facts in Italy at the time, both on a formal and on a content-related level. Nonetheless, Ripamonti’s life and work have been long forgotten by art historians, as well as by his contemporaries. It is then very interesting to trace the evolution of his sculptural production, beyond his best-known work – the monument to Missori still placed in the homonymous square in Milan – finding a coherent thread in a consistent tension between civil commitment and explicit social protest. Such delicate balance finds its expression in a style of Verist derivation, occasionally sketchy, more often sustained by a more evident Realism, as in the case of Miscarriage of Justice, presented at the Milan Triennale of 1891, which distinguished Ripamonti as one of the most interesting actors in the tendency of Social Realism, very common in Italy, and particularly in Lombardy, during the last decade of the 19th Century.

News

12.12.2019
Il sermone di Natale di Stevenson
Il 18 dicembre a Pavia incontro su "Sermone di Natale" di Stevenson per scoprire il lato più umano del 'Narratore di Storie' con Bendelli, Mottola, Grisi.
04.12.2019
Max Picard: il veggente della tecnocrazia
Chi era Max Picard? Ritratto di un intellettuale irregolare che ha previsto i pericoli della società tecnocratica e di una modernità in fuga dal divino.
03.09.2019
Il filosofo della bontà, un Candide 2.0 in carne e ossa
Intervista al filosofo catalano Josep Maria Esquirol che spiega il suo cammino dell'ingenuità e la forza della bontà.
02.09.2019
Gauchet, La fine del dominio maschile
Anteprima del nuovo libro di Marcel Gauchet, "La fine del dominio maschile", un passaggio sulla scomparsa della figura del padre nella società e non solo.

Newsletter

* campi obbligatori

Collane

  • Cultura e storia
  • Filosofia morale
  • Grani di senape
  • Le nuove bussole
  • Metafisica e storia della metafisica
  • Punti
  • Relazioni internazionali e scienza politica.ASERI
  • Sestante
  • Studi interdisciplinari sulla famiglia
  • Temi metafisici e problemi del pensiero antico
  • Transizioni
  • Varia. Saggistica
  • Tutte le Collane