Il tuo browser non supporta JavaScript!

Per non dimenticare. Qualità e sostenibilità degli Holocaust film italiani

digital Per non dimenticare. Qualità e sostenibilità degli Holocaust
film italiani
Articolo
rivista COMUNICAZIONI SOCIALI
fascicolo COMUNICAZIONI SOCIALI - 2016 - 3. ITALIAN QUALITY CINEMA Institutions, Taste, Cultural Legitimation
titolo Per non dimenticare. Qualità e sostenibilità degli Holocaust film italiani
autore
editore Vita e Pensiero
formato Articolo | Pdf
online da 12-2016
issn 03928667 (stampa) | 18277969 (digitale)
Scrivi un commento per questo prodotto
€ 6,00

Ebook in formato Pdf leggibile su questi device:

This paper analyses a corpus of Italian films produced in the last 15 years that, in various ways, have dealt with the Holocaust theme. All of these films were recognised as ‘film d’interesse culturale e nazionale’ (films of cultural and national interest). Starting from this observation, the article will trace the connections between didactical purposes, quality claims and the concept of ‘impegno’ (political and cultural commitment), which all come to light from these films. After a brief overview, based mainly on quantitative data, the paper focuses on a specific case study, which is also the most recent Italian Holocaust film to be circulated in movie theatres: Anita B. (2014, R. Faenza). Through an in depth analysis of the critical reception and the distribution patterns, the article illustrates how, on the one hand, the production of the film seems to adhere to several precise cultural and memorial paradigms; and on the other, how the marketing strategy distances the film from every previous case.

News

17.01.2020
Parole per la città: a Genova idee e libri
Giovedì 30 gennaio al Palazzo Ducale di Genova incontro con il giurista Gabrio Forti sul tema della giustizia a partire da "La cura delle norme".
13.01.2020
Addio al filosofo Roger Scruton
Il 12 gennaio Roger Scruton è morto, per una malattia, all'età di 75 anni. Il suo pensiero nei libri che ci lascia.
10.01.2020
Intervista impossibile a Stevenson
Un piccolo e serio divertissement: un’intervista impossibile allo scrittore scozzese per raccontare la sua raccolta di scritti più intima e umana.
04.12.2019
Max Picard: il veggente della tecnocrazia
Chi era Max Picard? Ritratto di un intellettuale irregolare che ha previsto i pericoli della società tecnocratica e di una modernità in fuga dal divino.

Newsletter

* campi obbligatori

Collane

  • Cultura e storia
  • Filosofia morale
  • Grani di senape
  • Le nuove bussole
  • Metafisica e storia della metafisica
  • Pagine prime
  • Punti
  • Relazioni internazionali e scienza politica.ASERI
  • Sestante
  • Studi interdisciplinari sulla famiglia
  • Temi metafisici e problemi del pensiero antico
  • Transizioni
  • Varia. Saggistica
  • Scopri le altre Collane