Il tuo browser non supporta JavaScript!

Why Do Italian Joint Stock Companies Adopt One or Two-Tier Board?

digital Why Do Italian Joint Stock Companies Adopt One or Two-Tier Board?
Articolo
rivista RIVISTA INTERNAZIONALE DI SCIENZE SOCIALI
fascicolo RIVISTA INTERNAZIONALE DI SCIENZE SOCIALI - 2010 - 1
titolo Why Do Italian Joint Stock Companies Adopt One or Two-Tier Board?
autori

editore Vita e Pensiero
formato Articolo | Pdf
online da 01-2010
issn 0035-676X (stampa) | 1827-7918 (digitale)
Scrivi un commento per questo prodotto
€ 6,00

Ebook in formato Pdf leggibile su questi device:

The possibility to choose between two alternative corporate governance systems (i. e. one-tier and two-tier board) was introduced in Italy by the Corporate Law Reform at the beginning of 2004. This reform, which provides for the adoption of a one- or a two-tier board for both listed and unlisted joint stock companies, has modified the traditional Italian corporate governance system based on a board of directors and an external audit committee, although the percentage of firms adopting the alternative systems is still low. This survey implements probit regressions in order to identify the determinants of the adoption of alternative corporate governance systems. Results provide evidence that corporations with better performances in terms of sales, such as corporations that are subject to control and coordination prefer to maintain a traditional system. Conversely, firms with ownership in the hands of a high proportion of individual shareholders prefer a one-tier model. Key words: Corporate governance, One tier and two tier board, Joint stock companies. JEL Classification: G34, K22, M42.

News

17.01.2020
Parole per la città: a Genova idee e libri
Giovedì 30 gennaio al Palazzo Ducale di Genova incontro con il giurista Gabrio Forti sul tema della giustizia a partire da "La cura delle norme".
13.01.2020
Addio al filosofo Roger Scruton
Il 12 gennaio Roger Scruton è morto, per una malattia, all'età di 75 anni. Il suo pensiero nei libri che ci lascia.
10.01.2020
Intervista impossibile a Stevenson
Un piccolo e serio divertissement: un’intervista impossibile allo scrittore scozzese per raccontare la sua raccolta di scritti più intima e umana.
04.12.2019
Max Picard: il veggente della tecnocrazia
Chi era Max Picard? Ritratto di un intellettuale irregolare che ha previsto i pericoli della società tecnocratica e di una modernità in fuga dal divino.

Newsletter

* campi obbligatori

Collane

  • Cultura e storia
  • Filosofia morale
  • Grani di senape
  • Le nuove bussole
  • Metafisica e storia della metafisica
  • Pagine prime
  • Punti
  • Relazioni internazionali e scienza politica.ASERI
  • Sestante
  • Studi interdisciplinari sulla famiglia
  • Temi metafisici e problemi del pensiero antico
  • Transizioni
  • Varia. Saggistica
  • Scopri le altre Collane