Il tuo browser non supporta JavaScript!

D’Annunzio e il Rinascimento: considerazioni preliminari e proposte di ricerca

digital D’Annunzio e il Rinascimento: considerazioni preliminari e proposte di ricerca
Articolo
rivista AEVUM
fascicolo AEVUM - 2018 - 3
titolo D’Annunzio e il Rinascimento: considerazioni preliminari e proposte di ricerca
autore
editore Vita e Pensiero
formato Articolo | Pdf
online da 03-2019
doi 10.26350/000193_000029
issn 0001-9593 (stampa) | 1827-787X (digitale)
Scrivi un commento per questo prodotto
€ 6,00

Ebook in formato Pdf leggibile su questi device:

Between the nineteenth and the twentieth century the interpretation of the Renaissance drastically changed in Europe, preparing the path for the forthcoming Renaissancekult, as Walther Rehm called it. At the same time, in Italy the Renaissance as a historiographic and aesthetic category continues to give rise to polemics and controversies. A major exception is Gabriele d’Annunzio, who at the contrary contributed greatly to a more a positive attitude toward the Renaissance. This article aims to provide an assessment of this research topic, setting some guidelines to further investigation. The focus will be, in particular, on d’Annunzio’s sophisticated knowledge of the Renaissance, the influence of the Renaissance in shaping his model of a superuomo and the possible role played by the humanistic theory and practice of the imitatio in his literary workshop.

keywords

D’Annunzio, Renaissance, imitatio, Superuomo, Italian humanism.

News

13.07.2020
Riflessioni sul tempo, d'estate
Per questa pausa estivo vi proponiamo cinque saggi tra filosofia, spiritualità e psicanalisi per riflettere sul tema del tempo.
21.07.2020
Josef Pieper: il "Maestro" del papa
Ritratto del filosofo tedesco Josef Pieper, "maestro" di Benedetto XVI, divulgatore dei classici, profeta delle parole.
30.07.2020
Esquirol, il valore dell’ingenuità
Ritratto del filosofo catalano Josep Maria Esquirol, che ha risporsto al nostro questionario di Proust.
30.07.2020
Romano Guardini, il teologo che si oppose al nazismo
Teologo e filosofo, Romano Guardini è stato uno dei pochi intellettuali tedeschi a non genuflettersi alla tirannide hitleriana: le sue lezione e le sue prediche sono state nella Germania nazista seme di speranza e di pace.

Newsletter

* campi obbligatori

Collane

  • Cultura e storia
  • Filosofia morale
  • Grani di senape
  • Le nuove bussole
  • Metafisica e storia della metafisica
  • Pagine prime
  • Punti
  • Relazioni internazionali e scienza politica.ASERI
  • Sestante
  • Studi interdisciplinari sulla famiglia
  • Temi metafisici e problemi del pensiero antico
  • Transizioni
  • Varia. Saggistica
  • Scopri le altre Collane