Il tuo browser non supporta JavaScript!

Il ruolo dell'Università nei processi di formazione alle pratiche di teatro sociale

digital Il ruolo dell'Università nei processi di formazione alle pratiche di teatro sociale
Articolo
rivista COMUNICAZIONI SOCIALI
fascicolo COMUNICAZIONI SOCIALI - 2011 - 2. Per-formazione. Teatro e arti performative nella scuola e nella formazione della persona
titolo Il ruolo dell'Università nei processi di formazione alle pratiche di teatro sociale
autore
editore Vita e Pensiero
formato Articolo | Pdf
online da 02-2011
issn 03928667 (stampa) | 18277969 (digitale)
Scrivi un commento per questo prodotto
€ 6,00

Ebook in formato Pdf leggibile su questi device:

Il saggio intende fornire alcune chiavi di lettura relative al problema della formazione nell’ambito delle pratiche di teatro sociale, con particolare attenzione al ruolo che svolge (o potrebbe svolgere) l’Università. Una questione che, allo stato attuale, presenta numerose contraddizioni. Se infatti da una parte in questi anni ultimi in alcune università italiane (Milano, Brescia, Pavia, Torino, Bologna, Roma) si sono consolidati (o si stanno attivando) percorsi formativi organici che accompagnano la sempre più ampia e articolata diffusione del teatro sociale, si tratta tuttavia ancora di iniziative isolate nel panorama nazionale e scarsamente coordinate tra di loro, sia a livello metodologico sia di contenuti; nate in molti casi come risposte obbligate ad un fenomeno che di fatto si è ormai imposto in tutto il suo spessore e la sua importanza. Salvo rare eccezioni, manca quindi tuttora, da parte dell’Università, una seria e motivata presa in carico, sotto i due punti di vista, della teoria e della pratica, del teatro sociale come forma teatrale specifica altamente rappresentativa della nostra contemporaneità.

The paper aims to provide some interpretations on the issue of education in the practice of social theatre, with particular attention to the role it plays (or could play) at the University. At present, this issue presents many contradictions. If, on the one hand, in these last years and in several Italian universities (Milan, Brescia, Pavia, Turin, Bologna, Rome) were consolidated (or are being activated) organic educational paths, accompanying the increasingly broad and diverse spread of social theatre, these are still isolated initiatives on the national scene, with little coordination between them, both from a methodological and content point of view, in many cases born as a forced response to a phenomenon that in fact has established itself in all its depth and its importance. With rare exceptions, it is still missing, on the University side, a serious and motivated care, under two points of view, theory and practice, as a form of social theatre specific highly representative of our contemporaneity.

Chi ha visto questo prodotto ha guardato anche...


News

12.12.2019
Il sermone di Natale di Stevenson
Il 18 dicembre a Pavia incontro su "Sermone di Natale" di Stevenson per scoprire il lato più umano del 'Narratore di Storie' con Bendelli, Mottola, Grisi.
04.12.2019
Max Picard: il veggente della tecnocrazia
Chi era Max Picard? Ritratto di un intellettuale irregolare che ha previsto i pericoli della società tecnocratica e di una modernità in fuga dal divino.
03.09.2019
Il filosofo della bontà, un Candide 2.0 in carne e ossa
Intervista al filosofo catalano Josep Maria Esquirol che spiega il suo cammino dell'ingenuità e la forza della bontà.
02.09.2019
Gauchet, La fine del dominio maschile
Anteprima del nuovo libro di Marcel Gauchet, "La fine del dominio maschile", un passaggio sulla scomparsa della figura del padre nella società e non solo.

Newsletter

* campi obbligatori

Collane

  • Cultura e storia
  • Filosofia morale
  • Grani di senape
  • Le nuove bussole
  • Metafisica e storia della metafisica
  • Punti
  • Relazioni internazionali e scienza politica.ASERI
  • Sestante
  • Studi interdisciplinari sulla famiglia
  • Temi metafisici e problemi del pensiero antico
  • Transizioni
  • Varia. Saggistica
  • Tutte le Collane